Home > Sport > Clement Molliet, Sky Trailer: Ultrarunner è un manager della sua gara

Clement Molliet, Sky Trailer: Ultrarunner è un manager della sua gara

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Clement Molliet, Sky Trailer: Ultrarunner è un manager della sua gara


(Ultrarunner is also a manager, he needs to manage his race all the way) Matteo SIMONE Per approfondire il mondo degli ultramaratoneti e delle gare estreme mi è stato proposto di scrivere un testo che tratti il tema dal punto di vista psicologico, anche attraverso testimonianze di atleti simbolo di queste discipline. E’ importante conoscere cosa motiva questi atleti, quali sono i meccanismi psicologici, cosa li spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici. Ho predisposto un questionario ed ho raccolto più di 100 testimonianze. Questo ci permette di conoscere più da vicino le motivazioni che affascinano le persone ad avvicinarsi a questo tipo di discipline considerate estreme. Sono stati contattati atleti che hanno percorso competizioni sportive della distanza superiore alla maratona e quindi anche coloro che hanno gareggiato alle IRONMAN che prevede 3,8km di nuoto, 180k. di bicicletta e la maratona di corsa a piedi. Tra gli atleti contattanti anche alcuni non Italiani, tra i quali Clement Molliet, medaglia di bronzo nel 2015 al Campionato Europeo Sky Trail svoltosi in Val d’isere. Ecco cosa ci racconta Clement che possiede anche una pagina facebook https://www.facebook.com/pages/Clément-Molliet/1512533625696836 You can define Ultrarunner? (Ti puoi definire ultramaratoneta?) “Ultrarunner is an athlete for me. It’s a guy who’s ready to puch his limit and going in an other world. Ultrarunner is also a manager, he needs to manage his race all the way. (Per me Ultrarunner è un atleta. E’ un ragazzo che è pronto a spingere il suo limite ed andare in un altro mondo. Ultrarunner è anche un manager, ha bisogno di gestire la sua gara per tutto il percorso.)” What was your path to becoming a Ultrarunner? (Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta?) I was not really in this world in my past. I was nordic skier and mostly a short distance skier. (Sprint). I was in the junior french ski team during 3 years. (Non ero veramente in questo mondo nel mio passato. Ero sciatore nordico e per lo più sciatore di brevi distanze. (Sprint). Ero nella squadra di sci francese juniores per 3 anni.) What motivates you to be Ultrarunner? (Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta?) When I finished my ski racer career, I needed to continue sport. In my ski preparation, I ran a lot, so it was normal to become a runner, but it was important for me to be ultranner, that is more different than a normal runner and not the same than nordic skier. (Quando ho finito la mia carriera di sciatore, avevo bisogno di continuare a fare sport. Nella mia preparazione degli sci, correvo molto, quindi è stato normale diventare un corridore, ma è stato importante per me essere ultranner, che è diverso da un corridore normale e non è la stessa di sciatore nordico.)” Have you ever thought to stop being Ultrarunner? (Hai mai pensato di smettere di essere ultramaratoneta?) No, because it’s only my second year as a runner. (No, perché è solo il mio secondo anno come un corridore.) Have you ever risked for injuries or other problems stop being Ultrarunner? (Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta?) Not yet, I will cross my finger. (Non ancora, incrocio le dita.) What drives you to continue to be Ultrarunner? (Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta?) My motivation is to puch my limit, discover new mountain and new horizon. (La mia motivazione è spingere il mio limite, scoprire nuove montagne e nuovi orizzonti.) Have you experienced the experience of the limit in your races? (Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?) “Oh yes, I think nobody has a race without bad time, it’s part of the race and you need to manage it. One time last year, I reached my limit, I had to much sugar in my body and it became impossible to eat. I didn’t eat during 2-3 hours after 8 hours of race. At this point I started to see some star in my eyes. (Oh, sì, penso che nessuno ha una gara senza cattivo tempo, è parte della gara ed è necessario gestirlo. Una volta l'anno scorso, ho raggiunto il mio limite, avevo molto zucchero mcuh nel mio corpo ed è diventato impossibile mangiare. Non ho mangiato per 2-3 ore dopo 8 ore di gara. A questo punto ho iniziato a vedere qualche stella nei miei occhi.) What are the psychological mechanisms you feel will help to participate in extreme races? (Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme?) That is a hard one, one of the psychological mechanisms is to reach my goal, the motivation is the best help in my race. The fact of my familly is proud of me it’s also a motivation. (Uno dei meccanismi psicologici è quello di raggiungere il mio obiettivo, la motivazione è il miglior aiuto nella mia gara. Il fatto che la mia famiglia è fiera di me è anche una motivazione.) What was your race more extreme or more difficult? (Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile?) It was probably the Ultra Tour du Beaufortain, it was my first ultra trail in my life and it’s an hard one, technical but beautiful. (E’ stata probabilmente l’Ultra Tour du Beaufortain, era la mia prima ultra trail nella mia vita ed è dura, tecnica, ma bellissima. What is an extreme race that you think we can not ever be able to finish it? (Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine?) Probably the north man because I’m bad swimmer and not a really great cycling racer. In trail probably the Barclay in the USA, whitout help, whitout real race that should be to hard for me. (Probabilmente l'uomo del nord, perché sono cattivo nuotatore e non veramente un grande corridore in bicicletta. In trail probabilmente il Barclay negli Stati Uniti, senza aiuto, dovrebbe essere difficile per me.) What motivates you to move more and more forward the physical limits? (Cosa ti spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici?) To know where I’m able to go in my life. (Sapere dove sono in grado di andare nella mia vita.) What do your family and friends about your participation in extreme racing? (Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua partecipazione a gare estreme?) I think, they are proud and happy to see me in this race as soon as I don’t puch to much my limit and take risks for my life. (Io penso che sono orgogliosi e felici vedermi in queste gare,sperando che non spinga molto il mio limite e prenda rischi per la mia vita.) What does it mean for you to participate in an extreme race? (Che significa per te partecipare ad una gara estrema?) That mean pusching my limit, spend great time in the mountain. (Significa spingere il mio limite, trascorrere molto tempo in montagna.) What did you find your character to become Ultrarunner? (Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta?) I find my motivation, my competitor spirit and my pleasur to feel free in my life in the mountains. (La motivazione, il mio spirito competitivo ed il piacere di sentirsi liberi nella mia vita in montagna.) How has your family life, work? (Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa?) I’m still a student, probably for my last year. I have a quiet life in the beaufortain mountain far away fo every difficulty of life you can find in city. (Sono ancora uno studente, probabilmente per il mio ultimo anno. Ho una vita tranquilla in montagna beaufortain lontano da ogni difficoltà della vita si può trovare in città.) If you could go back what would you do? Or would you do? (Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti?) I would like to start running before and not stay in my Nordic life trying to reach a goal impossible to have. (Vorrei iniziare a correre prima e non rimanere nella vita mia nordica nel tentativo di raggiungere un obiettivo impossibile.) Do you use drugs, supplements? Why? (Usi farmaci, integratori? Per quale motivo?) I don’t use any drugs or supplements, I use only +watt energy product before, during and after my race as every racer do. You don’t need supplements, drugs if you a great style of life and great alimentation. (Non faccio uso di farmaci o integratori, io uso solo ‘+ watt’, prodotto energetico prima, durante e dopo la mia gara come ogni corridore. Tu non hai bisogno di integratori, farmaci se hai un sano stile di vita e sana alimentazione.) Do you have a dream? (Hai un sogno nel cassetto?) I have a dream to have pleasure every race in my life. I would like to finish the UTMB and the diagonal des fous. (Ho un sogno di avere piacere in ogni gara della mia vita. Vorrei finire la UTMB e la diagonale des fous.) Matteo SIMONE https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere-onlus/matteo.simone/sport-veicolo-di-educazione-e-inclusione

Fonte notizia: https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere-onlus/matteo.simone/sport-veicolo-di-educazione-e-inclusione




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il mondo degli ultramaratoneti è sorprendente


Atleti di interesse nazionale per la 24 ore anche la coppia Marcello e Francesca


Gian Paolo Sobrino: Chiudere la 9CR è sempre una grande esperienza e un successo


Roldano Marzorati, 3° al Campionato Italiano IUTA 48h: Ciao Denis Lusi!


Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner


Cosa c'è dietro una maratona? Un gran bel lavoro mentale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. http://www.seioreparconord.com/ Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande. Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superatiMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione c (continua)

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Chiara Milanesi è stata la prima donna con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Matteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardicon 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Ma (continua)

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow
A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY - Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti). Salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanzaMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY -  Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Capp (continua)

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato
Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora. Matteo SIMONE Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora.Di seguito l’es (continua)

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport
L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzion (continua)