Home > Primo Piano > Produzione intelligente – ma la sicurezza?

Produzione intelligente – ma la sicurezza?

scritto da: SABMCS | segnala un abuso

Produzione intelligente – ma la sicurezza?


 La sicurezza prima di tutto nell'industria 4.0, perchè questa è la vera intelligenza del concetto “smart”

 
La crescente digitalizzazione dell'industria e dei macchinari utilizzati nella produzione è la prova del continuo sviluppo dei processi industriali tradizionali. I vantaggi di dispositivi connessi alla rete sono innegabili: interazione tra le sedi di multinazionali, sistemi produttivi intelligenti dotati di autodiagnosi e manutenzione autonoma, tempi di risposta più brevi in presenza di modifiche delle condizioni di produzione, perfetta integrazione di clienti e fornitori nella catena del valore... In pratica, per l’Industria 4.0 è stato creato un Internet delle Cose di natura squisitamente commerciale. Ma la sicurezza vi ha trovato posto?
 
Non c’è vendor di sicurezza che non confermi che ogni dispositivo che dispone di un indirizzo IP è una potenziale vulnerabilità per la rete interna e per gli utenti di Internet. Lato industriale, le conseguenze di una compromissione dei sistemi produttivi sono molto più ampie rispetto a quelle di mere violazioni dei PC. Ne dovrebbe conseguire un incremento delle esigenze legate alla sicurezza IT in ambienti che non potrebbero essere più sensibili di quanto già sono. Se nell’Europa settentrionale la maggioranza della classe politica e dei decisori vede la sicurezza informatica come la più grande sfida per l'implementazione su larga scala dell’Industria 4.0, qual è la situazione italiana?
 
Impariamo dagli errori
Certamente non possiamo dire che in Italia l’Industria 4.0 abbia preso piede, si trova ancora in stato embrionale (con casi di successo comunque stupefacenti!) ed è spesso sinonimo di prodotti legati all’universo dell’Internet delle Cose: attrezzature da cucina intelligenti, dispositivi di misurazione che portiamo al polso e quindi ovunque con noi, autoveicoli connessi in Rete (uno dei settori manifatturieri in cui l’industria italiana, legata a doppio filo a Paesi del Nordeuropa, si sta evolvendo a maggior velocità) e molto altro. Tutti apparecchi che fanno già parte della vita quotidiana di molti di noi. Non ci sono premesse migliori per dar vita a nuovi processi produttivi che integrino la sicurezza sin dall’inizio, imparando dagli errori altrui!
 
Eppure la nostra esperienza ha evidenziato che, nonostante si vogliano definire “intelligenti” ad ogni costo, solo una minima parte degli impianti di produzione e dei prodotti “smart” che ne scaturiscono sono stati oggetto di integrazione di meccanismi di aggiornamento sicuri, protezione con password, sistemi di autenticazione tra i dispositivi, optando per i protocolli di trasmissione sicuri e valutando tutti gli aspetti della sicurezza sin dalla progettazione. Questo perché la sicurezza non è ancora percepita come un reale problema nel contesto d’uso di tali oggetti e, per vari motivi, in realtà, viene messa in secondo piano. Non possiamo che sperare che abbia luogo un rilevante cambiamento di consapevolezza nei confronti della sicurezza nell’Industria 4.0 a breve termine, prima che si verifichino danni eclatanti, perché se da un lato è vero che l’assenza di piattaforme standardizzate per i dispositivi smart dell’IoT rallenti – minimamente - hacker e sviluppatori di malware (su quale sistema operativo dovrebbero concentrarsi?), proprio per l’assenza di standard, non vi è alcun software di sicurezza specificamente sviluppato per i dispositivi intelligenti. 
 
Sicurezza: chi ne è responsabile?
"La sicurezza non è una sorte di polvere miracolosa con cui cospargere il vostro prodotto una volta programmato", queste le parole del pioniere di Internet, il Dottor Paul Vixie, in occasione degli Internet Security Days 2015. Un monito rimasto praticamente inascoltato. Troppo spesso, gli sviluppatori sono costretti a rilasciare prodotti quando non sono pronti, perché la data di uscita è stata pianificata irrevocabilmente dal reparto commerciale e il mercato è in attesa del prodotto. Lo sviluppo della versione finale del firmware ha spesso luogo quando il prodotto è già in uso presso i consumatori. Così stiamo a guardare produttori che si occupano alacremente di funzionalità e intuitività d’uso, disinteressandosi della protezione garantita agli utenti a qualunque livello, dalla digitalizzazione degli impianti al prodotto finito. 
 
E’ indubbio che il concetto di sicurezza integrata sin dalle prime fasi dello sviluppo, noto anche come “Security by Design”, sarebbe preferibile. E proprio da qui scaturisce la domanda più incresciosa, la cui risposta si lascia attendere, come l’implementazione di misure di sicurezza adeguate, alla luce degli ormai noti e ricorrenti attacchi sistematici a protocolli, servizi e piattaforme. Di chi è, in ultima analisi, la responsabilità della sicurezza operativa? 
 
Un’opportunità con conseguenze 
L’Industria 4.0 è destinata a diventare una delle principali fonti di reddito per un gran numero di settori istituzionali, commerciali e di ricerca. Proprio per questo, la collaborazione tra esperti qualificati si rivela essenziale. Tale collaborazione non deve fermarsi allo stato di “idea”, piuttosto, l'intenzione deve dar luogo ad uno sviluppo agile e orientato al futuro progresso di tutti i soggetti coinvolti. Idealmente dovrebbero essere attuate direttive e procedure di sicurezza, non solo perchè “comandate” dall'alto, ma come parte di una cultura della sicurezza all'interno dell'azienda, in grado di ridurre il rischio a tutti i livelli.
Oggi abbiamo un’opportunità irripetibile: integrare le caratteristiche fondamentali della sicurezza nelle infrastrutture per la creazione di nuove tecnologie, quando sono ancora in fase di sviluppo. E abbiamo bisogno di cogliere questa opportunità. A nostro avviso è questa l’intelligenza del concetto “smart”. Oltre a reti intelligenti, fabbriche intelligenti, città intelligenti, automobili intelligenti, intelligente qualunque cosa, abbiamo bisogno anche di sicurezza intelligente. 
 
Perdere questa chance, avrà conseguenze, di cui non vogliamo neanche immaginarci la portata.
 
Informazioni su G DATA
La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l'inventore dei software antivirus. L'azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.
Numerosi test mirati hanno dimostrato che la IT security "Made in Germany" offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile. 
 
Dal 2005 la fondazione Stiftung Warentest si occupa di testare i prodotti di sicurezza informatica. In tutti e sette i test, condotti dal 2005 al 2014, G DATA ha sempre ottenuto il miglior punteggio per il rilevamento virus. Nei test comparativi di AV-TEST, G DATA ottiene regolarmente i migliori risultati in termini di individuazione di malware. 
 
Anche a livello internazionale InternetSecurity di G DATA è stato eletto miglior pacchetto di sicurezza per Internet da riviste specialistiche indipendenti in diversi Paesi, tra cui Australia, Austria, Belgio, Francia, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti.
 
In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita per il terzo anno consecutivo del bollino "Miglior Acquisto" di Altroconsumo. L’azienda ha collaborato altresì con Assintel all’elaborazione del notissimo Report, giunto, nel 2015, alla sua decima edizione.
 
Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo. 
 
Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it
 
CONTATTI PER LA STAMPA
 
SAB Communications snc - Ufficio stampa G DATA
Silvia Amelia Bianchi
Via della Posta 16
CH - 6934 Bioggio
Tel: +41 91 2342397
email: press@sab-mcs.com
web: www.sab-mcs.com

Fonte notizia: https://sabmcs.wordpress.com/2016/01/13/industria4-0/


G DATA | G DATA ANTIVIRUS | digitalizzazione aziende | dispositivi smart | hacker | Industria 4 0 | IoT | Paul Vixie | security by design | Sicurezza informatica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Al via la "smart home" firmata AVM


Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


Sicurezza prima di tutto


Inferriate di sicurezza: solidità e bellezza di grate per porte e finestre per sentirsi più sicuri.


Ing. Antonio Valente – Vice Direttore Direzione Centrale Progettazione - ANAS


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione
In alcuni settori industriali, diversamente da altri, non è facile integrare le nuove tecnologie. Il motivo? Le condizioni sono sempre diverse. Ad esempio può essere necessario coprire grandi superfici, servire un elevato numero di dipendenti o, ancora, conformarsi a complessi standard specifici. Quest’ultimo caso si verifica, in particolare, nel settore farmaceutico.Se da una parte la comunicazione è un aspetto chiave per la produzione, dall'altra nell'industria farmaceutica vanno rispettati sempre protocolli stringenti. Questo vuol dire (continua)

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria
Le misure adottate in tutto il mondo per contenere la pandemia hanno generato enormi cambiamenti anche nell’ambito delle risorse umane. Tuttavia, un ritorno ai vecchi schemi non è più concepibile e nemmeno voluto. Una relazione sulla gestione delle risorse umane 2021. Berlino | La lotta contro il coronavirus non ha avuto solo conseguenze macroeconomiche negli ultimi 18 mesi. In tutte le organizzazioni di tutte le dimensioni e in tutti i settori, sono state adottate le più svariate misure per evitare il contagio, in conformità con le normative in vigore nei diversi Stati. Questo è stato un periodo molto impegnativo, specialmente per le aziende con sedi dislocate (continua)

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite
Negli ospedali la corsa contro il tempo è una circostanza quotidiana, soprattutto in strutture sanitarie spesso sotto pressione. Snom evidenzia i vantaggi che scaturiscono dall'ottimizzazione della comunicazione ospedaliera. Berlino - Un trattamento ottimale può essere garantito solo in condizioni ottimali. Nelle strutture sanitarie questo principio andrebbe applicato non solo alle condizioni di lavoro del personale infermieristico ma anche alle attrezzature di lavoro.La digitalizzazione del sistema sanitario promossa dai governi di tutta l’Unione Europea dall'inizio del 2000 non può prescindere dal rinnovamento dell' (continua)

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni
Nonostante l'uso di moderne infrastrutture VoIP, le aziende beneficiano solo in minima parte dell'impareggiabile potenziale di ottimizzazione derivante dall'integrazione di telecomunicazioni, IT e OT. Con la sua tecnologia Beacon, Snom porta sul mercato le sue ultimissime innovazioni nell’ambito dell’integrazione di soluzioni per la localizzazione precisa (al metro), protezione antifurto e chiamate di emergenza. Berlino | Quando si tratta di telecomunicazioni IP professionali, i clienti che non vogliono scendere a compromessi in merito alla robustezza e versatilità dei terminali si rivolgono volentieri a Snom. Il marchio premium su scala globale per la moderna telefonia IP nelle aziende e nell'industria fa leva sulle sue potenti soluzioni DECT per la telefonia VoIP cordless professionale e molto altro: co (continua)

Quando la moderna telefonia addolcisce le vacanze

Quando la moderna telefonia addolcisce le vacanze
Gradualmente per molti inizia la pianificazione delle vacanze. Grazie alle attuali regolamentazioni è possibile spostarsi a tale scopo sia all'interno del proprio Paese si all’estero. A fronte di un anno in cui i più hanno rinunciato a viaggiare, molti vorrebbero coglierne l'opportunità questa estate. Ora più che mai, l’implementazione di buone misure igieniche da parte dell’hotel dove si soggiorna è garante di una vacanza spensierata. Dopo tutto, le ferie sono fatte per rilassarsi e sfuggire alla vita quotidiana. Berlino | Nel corso dello scorso anno l'industria alberghiera ha dovuto sopportare misure draconiane. Poter finalmente riaprire per la stagione estiva è quindi ancora più gratificante, ma per  soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, sono necessari strumenti efficaci che supportino l’erogazione di servizi discreti e affidabili.Snom, marchio premium di caratura globale per la moderna tele (continua)