Home > Cibo e Alimentazione > La sicurezza dell’acqua che beviamo

La sicurezza dell’acqua che beviamo

scritto da: Ictadmin | segnala un abuso

La sicurezza dell’acqua che beviamo


 La maggior parte dell’acqua imbottigliata in Europa deriva da fonti sotterranee, classico esempio sono le acque minerali o di sorgente, confezionate poi in contenitori plastici o di vetro sigillati. A differenza dell'acqua in bottiglia quella dei rubinetti arriva da fiumi o laghi e quindi da fonti di superfice, ecco perché deve essere obbligatoriamente sottoposta a trattamenti di messa in sicurezza microbiologica e chimica.

Per la sicurezza dell'acqua esistono leggi precise, per quella in bottiglia le aziende europee devono rispettare il regolamento 852/2004/CE riguardante l'igiene dei prodotti alimentari, inoltre devono essere osservate le normative che riportano le definizioni delle differenti categorie di acqua in bottiglia, del tipo di estrazione, i trattamenti, i requisiti di sicurezza, la vendita, l'etichettatura e l'imballaggio.

Le acque che possono essere imbottigliate sono di tre tipi: minerale naturale, di sorgente e ogni altra acqua potabile.

La prima deve essere microbiologicamente pura e si distingue dalle altre per il contenuto particolare di minerali e di vari elementi, per queste acque in Europa sono autorizzati pochissimi trattamenti, il più diffuso è l'aggiunta di anidride carbonica per renderla frizzante.

Per acqua di sorgente s’intende quella proveniente da sorgente sotterranea e microbiologicamente pura, senza nessun trattamento; quest’acqua deve soddisfare molte condizioni richieste anche all'acqua minerale naturale, per quanto riguarda la sicurezza della sorgente, l'etichettatura e i trattamenti, tuttavia l'acqua di fonte non prevede una composizione minerale stabile.

"Altre acque potabili" è la dicitura usata per definire le acque non appartenenti ai due gruppi sopra esposti e, come detto, provenienti da fonti di superfice, in questo caso sono previsti trattamenti indispensabili per garantire i requisiti microbiologici e di composizione previsti.

Per garantire quindi la sicurezza dell'acqua, le aziende produttrici sono tenute a prendere tutte le precauzioni necessarie indipendentemente dalla sua origine, tra le varie buone pratiche troviamo:

·         La protezione della fonte da contaminazioni esterne

·         La protezione dell'acqua nella fase dell'imbottigliamento o dell’erogazione

·         Il rispetto di tutti i requisiti di legge

In Europa i problemi di salute sono raramente legati al consumo di acqua potabile da rubinetto o bottiglia, grazie agli standard di eccellenza previsti in termini di qualità dell'acqua, produzione e imbottigliamento.

Alcuni studi evidenziano come nella scelta tra una tipologia o l'altra sia fondamentale il gusto, anche se per migliorare questo e la qualità del prodotto (non dal punto di vista sanitario bensì quello della durezza e contenuto di calcio) sia possibile e sia sempre più diffusa la pratica di utilizzare depuratori d’acqua a osmosi.

Essi ne migliorano il gusto e abbattono la durezza, riequilibrando il contenuto di sali, garantendo al contempo una minore usura delle attrezzature che utilizzano acqua, come lavatrici, lavastoviglie, ecc.

Importante rilevare che questo di tipo di prodotti sono da usare solo ed esclusivamente con acqua potabile e sicura, infatti, il loro compito è di ottimizzare il contenuto di sali e abbattere la durezza non di potabilizzare l'acqua che, nel caso contenga sostanze dannose come arsenico o altro, non sarebbe depurata.

Ultimo aspetto da considerare nel caso si voglia scegliere questa soluzione è che un depuratore a osmosi è utile solo nel caso in cui ne sia fatta un’adeguata manutenzione periodica, in caso contrario, risulterebbe completamente inutile e, nel caso si stia valutando quest’opzione, un particolare interesse deve essere rivolto ai costi di assistenza depuratori.


Fonte notizia: http://www.teco-group.net/


assistenza depuratori | depuratori d acqua | acqua potabile |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Benessere fisico: Alimentazione corretta


Depurazione e impianti a osmosi inversa, per la sicurezza dell’acqua


Stefano Toma Blog: l’acqua che non si vede


Cosa ci rivela l’analisi dell’acqua di casa?


Città senza bottiglie


L'acqua filtrata dei ristoranti è una scelta consigliata?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Guida del serramentista: qual è la differenza tra serramenti e infissi?

Guida del serramentista: qual è la differenza tra serramenti e infissi?
Qual è la differenza tra infissi e serramenti? Impariamo a riconoscere questi elementi con l'aiuto di un serramentista professionista. Anche se nel linguaggio comune, serramenti e infissi sono utilizzati come sinonimi, esiste una differenza tra questi elementi. Lasciamo che Franco, esperto serramentista, ci spieghi quale è esattamente questa differenza per imparare di più su porte e le finestre della nostra abitazione.Entrambi gli elementi fanno parte delle opere di finitura di un edificio, per gli esperti sono ben distinti. Si d (continua)

Differenze tra files immagine in RGB e in CMYK

Differenze tra files immagine in RGB e in CMYK
Gestendo delle immagini, magari per la vostra azienda, vi sarete imbattuti in una richiesta del tipo "RGB o CMYK?", vediamo di cosa si tratta "Inviami l'immagine in CMYK" oppure "Il file è in RGB". Molti lavoratori dipendenti o imprenditori si saranno trovati alle prese con questo genere di richieste nel momento di lavorare con le immagini. Ma cosa significano esattamente queste sigle? E in cosa si differenziano?Cos'è il profilo colore?Prima di iniziare a creare un progetto grafico o prima di iniziare a elaborare una immagine, ci sono d (continua)

Perché è necessario fare formazione sulla sicurezza?

Perché è necessario fare formazione sulla sicurezza?
La formazione sulla sicurezza è un diritto e dovere di ogni lavoratore. Scopriamo, con l'aiuto di un esperto, i vantaggi che comporta. La formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è obbligatoria per tutti i lavoratori, come stabilito dal D.Lgs 81/08 e ribadito dall’Accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016, che modifica e integra le norme dell’Accordo del 2011.Al tempo stesso è anche un diritto dei lavoratori essere informati sui possibili rischi sul lavoro, essere istruiti sull’utilizzo delle attrezzature e conoscere le proc (continua)

Differenze tra porta blindata e porta corazzata, quale è meglio installare?

Differenze tra porta blindata e porta corazzata, quale è meglio installare?
C'è differenza porta blindata e porta corazzata? Sono davvero sinonimi? E quale delle due è meglio installare per la sicurezza di casa? Porta blindata o porta corazzata? Quale è la soluzione migliore per la sicurezza della tua abitazione? È possibile che tu sia in procinto di traslocare in una nuova abitazione oppure desideri una maggiore sicurezza per te o i tuoi cari.Decidi quindi di installare una porta blindata o una corazzata. Ma quale è la differenza tra questi due tipi di serramenti? Vediamo di rispondere a queste domande c (continua)

Videoconferenza: la formazione a distanza ai tempi del Covid-19

Videoconferenza: la formazione a distanza ai tempi del Covid-19
La videoconferenza è diventata uno strumento essenziale di formazione e didattica a distanza in tempi di distanziamento sociale e covid-19. Perchè la videoconferenza sta diventando uno strumento essenziale per la didattica a distanza? Mai come in questo momento storico così particolare, con il Covid-19 che limita fortemente gli spostamenti ed il contatto tra le persone, il mondo del lavoro si è così rapidamente evoluto spingendo la tecnologia ad innovarsi per stare al passo con le nuove esigenze professionali. Sono aumentati infatti i (continua)