Home > Sport > TRENTO SFOGGIA MARCIALONGA 2016, 43ª EDIZIONE PIÙ CHE MAI RICCA D’INIZIATIVE

TRENTO SFOGGIA MARCIALONGA 2016, 43ª EDIZIONE PIÙ CHE MAI RICCA D’INIZIATIVE

scritto da: Newspower | segnala un abuso


Da venerdì a domenica Marcialonga di Fiemme e Fassa

Alla sede Cavit di Trento conferenza stampa di presentazione dell’evento

Intervenuti Giovanni Negri, Angelo Corradini, Tiziano Mellarini, Gloria Trettel e Mario Cristofolini

12 reti nazionali collegate, 4 ore di collegamento RAI

 

 

45 anni fa, esattamente il 7 febbraio 1971, Ulrico Kostner vinceva la prima Marcialonga rifilando 4’51” a Franco Nones. La brillante idea di Nele Zorzi, Giulio Giovannini, Roberto Moggio e Mario Cristofolini segnò una tappa epocale nella storia mondiale dello sci di fondo. Tra la sorpresa generale, furono in 1000 al via. Oggi alla sede Cavit di Trento si è parlato della 43.a edizione del prossimo imminente weekend.

7.936 fondisti al via di una manifestazione caratterizzata da un inverno bizzarro. In giro per il mondo gare di sci alpino, fondo, combinata nordica e biathlon dai nomi altisonanti sono state cancellate, mentre domenica 31 gennaio, a dispetto della neve che latita, la Marcialonga si farà. I 70 km di pista realizzati non sono un miracolo, bensì il risultato di caparbietà, professionalità e serietà degli organizzatori.

Alla conferenza di presentazione dell’evento hanno partecipato il direttore marketing di Cavit Giovanni Negri, il presidente della Marcialonga Angelo Corradini, l’assessore alla cultura, cooperazione, sport e protezione civile della Provincia di Trento Tiziano Mellarini, uno dei quattro fondatori della Marcialonga e presidente di LILT (Lega Internazionale Lotta ai Tumori) Mario Cristofolini, il direttore generale della Marcialonga Gloria Trettel, la “Soreghina” Gessica Defrancesco, Marco Zoller della FISI Trentino e Roberta Bonazza, intervenuta per presentare l’iniziativa “SciVolando sul Novecento”.

La conferenza ha avuto luogo nella sede Cavit di Trento, uno dei partner storici della Marcialonga. Giovanni Negri, direttore marketing dell’azienda trentina, ha aperto così la conferenza: “È un piacere ospitare qui il gruppo Marcialonga, il marchio Cavit è indissolubilmente legato al mondo dello sport di respiro nazionale ed internazionale ed al territorio. Marcialonga ne è l’emblema”.

Il presidente della Marcialonga Angelo Corradini, dopo aver ringraziato Cavit per l’ospitalità, ha illustrato le condizioni che gli atleti troveranno nel weekend trentino: “Marcialonga ha un numero di stranieri che si avvicina a 5000. Possiamo sostenere con ferma convinzione che la pista è in ottime condizioni, il fenomeno d’inversione termica ci ha consentito di preparare al meglio molta neve artificiale. Il tracciato era già per gran parte percorribile sin dalle festività natalizie. Un grazie a tutti gli sponsor, ai comuni e a tutti i volontari, che ci hanno dato una mano a realizzare l’irrealizzabile. Abbiamo 12 reti nazionali collegate e 4 ore di Marcialonga in diretta, l’anno scorso le reti erano 11, ora si è aggiunta la Polonia, il tutto coordinato dalla Rai”.

Le parole dell’assessore Tiziano Mellarini sono di buon auspicio: “Questa sarà un’edizione importante dopo il successo riscosso al Tour de Ski, che ha posto il Trentino ai più alti scenari internazionali. Anche in quest’occasione, in un inverno difficoltoso, stiamo dimostrando la qualità e la competenza della regione. Un evento sportivo straordinario per i valori dello sport, innanzitutto quello dell’amicizia fra culture diverse”.

Il direttore generale della Marcialonga Gloria Trettel ha raccontato i tre giorni “di fuoco” di questo weekend: “La Marcialonga Baby sarà una gioia per i bambini fino ai sei anni, che farà provar loro la prima ebbrezza sugli sci. Seguirà la cerimonia d’apertura e “SciVolando sul Novecento” alle 18.00. La Marcialonga Story aprirà lo scenario di sabato per celebrare gli anni d’oro del fondo, poi spazio alla beneficenza con la Marcialonga Stars, la trentunesima edizione della Minimarcialonga, per chiudere con la Marcialonga Young in due giornate. Domenica da Moena partirà la grande festa di 70 km, che si concluderà a Cavalese con i fuochi d’artificio”.

Il volto della manifestazione è la “Soreghina” Gessica Defrancesco: “Per me Marcialonga è emozione, non vedo l’ora di accogliere tutti sia alla partenza che all’arrivo, a conferma di una tradizione che prosegue nel tempo”. Roberta Bonazza è stata chiamata a narrare l’evento di venerdì 29 gennaio a Ziano di Fiemme, “SciVolando sul Novecento”: “Avremo immagini di repertorio, è un appuntamento su cui abbiamo creduto, lo dimostra la passione della gente”. Presente alla conferenza uno dei fondatori della Marcialonga, Mario Cristofolini, presidente LILT di Trento: “Mai avremmo pensato che la Marcialonga sarebbe diventata così nel tempo, merito di chi l’ha portata avanti e fatta diventare grande. Il volontariato è importante e la LILT ha un settore che si occupa delle manifestazioni, l’attività fisica fa bene agli ammalati e previene le malattie. Il mio ricordo va a Giulio Giovannini e Nele Zorzi, membri fondatori di fondamentale importanza. La Marcialonga Stars è segno di una battaglia che si sta vincendo, i tumori sono un male curabile”.

Marcialonga è anche cultura. Tra le tante iniziative quest’anno c’è una mostra d’arte dedicata al periodo norvegese dell’artista bolzanino Othmar Winkler, fino a fine febbraio alla galleria TanArt di Via Roma 66 a Canazei, queste le parole di uno dei curatori al riguardo: “Una mostra che raccoglie circa 60 pezzi tra sculture, disegni e tempere. Un artista che ha sviluppato una propria identità nel tempo, un connubio con gli scandinavi è doveroso quando si tratta di Marcialonga”.

Dopo l’arte, è toccato alla scienza, con la ricerca di Marcialonga Science narrata dalle parole di Federico Schena: “Il CeriSM si occupa in particolare dello sport di montagna, per cui non poteva non seguire Marcialonga. Lo sci di fondo continua a cambiare, quest’anno studieremo l’allenamento dei marcialonghisti dal punto di vista psico-fisico, per avere anche una dimensione di ricerca applicata a Marcialonga, una manifestazione unica al mondo”.

Domenica una lunga diretta Rai accompagnerà gli spettatori a partire dalle 7.45, con alcuni inserimenti dedicati alla Coppa del Mondo di sci alpino. Infine non vanno dimenticati gli altri due eventi del trittico Marcialonga, Cycling Craft del 12 giugno e Running Coop del 4 settembre, ma prima spazio all’imminente appuntamento da venerdì a domenica, con l’imperdibile 43.a edizione della Marcialonga di Fiemme e Fassa.

Info: www.marcialonga.it

 

Download immagini TV:

www.broadcaster.it



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

TUTTO PRONTO PER LA MARCIALONGA DI FIEMME E FASSA, PRESENTATA OGGI LA 42.a EDIZIONE DELLA GRANFONDO


MARCIALONGA: UN PATRIMONIO PER LA COMUNITÁ, L’IMPATTO DELLA SKI MARATHON SUL TURISMO TRENTINO


MARCIALONGA AL COSPETTO DELLA “MADUNINA”. ZORZI-BETTINI-CHECHI-ROSSI: CHE STAFFETTA!


MARCIALONGA CYCLING CRAFT NEL MIRINO “VICHINGO”: AUKLAND TORNA SUL LUOGO DEL SUCCESSO


“MARCIALONGA, CROCIATA DI UOMINI CHE SI RIBELLANO ALL’AGONIA DELLA VITA MODERNA”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

SKIRI TROPHY XCOUNTRY, UNA STORIA SENZA FINE. ‘JOY OF MOVING’ SULLE PISTE DI LAGO DI TESERO

SKIRI TROPHY XCOUNTRY, UNA STORIA SENZA FINE. ‘JOY OF MOVING’ SULLE PISTE DI LAGO DI TESERO
A 38 anni dalla prima edizione ritorna lo Skiri Trophy XCountry Ad oggi 750 giovani fondisti iscritti al ‘mini-mondiale’ di Lago di Tesero Sabato 22 le categorie Baby, Cuccioli e Revival, domenica Ragazzi e Allievi Un evento sicuro e divertente per giovani e famiglie C’era una volta il Trofeo Topolino di sci di fondo, oggi Skiri Trophy XCountry, era il 22 gennaio 1984 e nell’area di Brozzin, in Val di Fiemme, andava in scena la prima edizione del Trofeo, con un colpo di fucile a sancire la partenza dei circa 400 partecipanti. Dopo le prime due edizioni a Brozzin, la carovana dei giovani fondisti si spostò a Passo Lavazè per la terza edizione del trofeo diventa (continua)

Con il Tour il Monte Bondone è '4All'. Epic Ski Tour: l'evento tutto skialp

Con il Tour il Monte Bondone è '4All'. Epic Ski Tour: l'evento tutto skialp
Questo weekend sul Monte Bondone si parlerà solo di skialp Sabato scatta il Tour 4All, poi le due gare competitive (Epic e Vertical Race) Al ‘4All’ presenti anche Dal Medico, Merler, Felicetti e Fedrizzi Venerdì 21 serata con Tamara Lunger ed Expo Area a Trento Trento e il Monte Bondone si preparano ad ospitare due giornate di grandi eventi incentrati sullo scialpinismo, uno sport sicuramente duro e faticoso, ma che sa regalare emozioni lungo i pendii, e questa volta in notturna col frontalino. Sabato 22, oltre alle due gare competitive Epic e Vertical Race, andrà in scena alle ore 9.30 il Tour 4All, il raduno aperto a tutti, senza cronometraggio, per ch (continua)

DA LAGO DI TESERO 48 MINUTI DI “NORDIC SKI”. SKIRI TROPHY, LA VENOSTA, MARCIALONGA E…

DA LAGO DI TESERO 48 MINUTI DI “NORDIC SKI”. SKIRI TROPHY, LA VENOSTA, MARCIALONGA E…
Martedì 18 in onda la sesta puntata con interviste e news Tanti dettagli sulla 38.a edizione dello Skiri Trophy di sabato e domenica I commenti delle gare del weekend e curiosità su Marcialonga In onda su Trentino TV, AltoAdige TV, Welcome In TV e in streaming Di nuovo sul “palcoscenico” di Lago di Tesero! La sesta puntata della trasmissione “Nordic Ski” è stata ospite sul campo gara dello Skiri Trophy XCountry, l’evento dedicato ai giovani fondisti e in calendario questo fine settimana. Quasi un’ora di sci di fondo per entrare nel dettaglio della manifestazione proposta dal GS Castello, col presidente della società Alberto Nones, con Mario Broll, uno d (continua)

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA

LA VENOSTA “OPEN” SI FA IN QUATTRO. GERMANIA, FINLANDIA, ITALIA E SVEZIA
Colpaccio di Thomas Bing che recupera e vince la 33 km La finlandese Kati Roivas prenota il successo (33 km) fin dal via Il Team Internorm Trentino fa en-plein nella 23 km con Busin ed Eriksson Seconda gara nel weekend a Melago, successo in una splendida giornata di sole “La fortuna aiuta gli audaci”, ma certamente anche la determinazione. Gerald Burger per questo 2022 aveva programmato la 2.a edizione de La Venosta al Lago di Resia. Un’ambientazione unica per la 100.a tappa di Visma Ski Classics andata in scena ieri, ed anche per la gara di oggi, una ‘open’ valida anche come prova Challenger dello stesso circuito.Manca la neve? E allora tutti in Vallelunga, dove (continua)

IL RUGGITO DEI ‘VECCHI LEONI’ A LA VENOSTA. GJERDALEN E JOHANSSON, 10 KM DA RECORD

IL RUGGITO DEI ‘VECCHI LEONI’ A LA VENOSTA. GJERDALEN E JOHANSSON, 10 KM DA RECORD
La Venosta, quinta tappa di Ski Classics con un inedito formato Tord Asle Gjerdalen (1983) ha sorpreso tutti ed ha vinto con 18”99 su Nyenget Nel finale Britta Johansson Norgrenn (1983) mette il turbo e svernicia la Dahl Dopo i campioni delle lunghe distanze, domani gara open di 23 e 33 km Sole, cielo azzurro, neve, montagne da favola e… due grandi campioni. Oggi in Alto Adige Tord Asle Gjerdalen e Britta Johansson Norgren hanno dato la loro classica zampata vincendo la seconda edizione de La Venosta in un inedito format, una 10 km a cronometro da Kapron a Malga Melago. Spettatori inusuali stambecchi e camosci, risvegliati dal clamore dell’evento e dall’elicottero della TV: la Venos (continua)