Home > Cibo e Alimentazione > I COLORI DEL MIELE

I COLORI DEL MIELE

articolo pubblicato da: Naturape | segnala un abuso

I COLORI DEL MIELE

Il colore del miele dipende dal nettare da cui è ricavato. Dato il gran numero delle piante bottinate dalle nostre amiche api, i mieli avranno tutti i colori possibili dal bianco al nero.

Sicuramente il colore biondo è il più diffuso nelle sue varie tonalità e intensità di giallo. L’invecchiamento del miele ne va ad accentuare il colore naturale. Le variazioni di colore nella maturazione del miele rispondono a caratteristiche di naturalezza dovute al normale processo di cristallizzazione del prodotto genuino.

Il miele NaturApe ha scelto un confezionamento trasparente per poter scegliere il miele da gustare anche ammirandone la particolarità e la differenza di colore tra un raccolto e un altro.

Osservare con attenzione la purezza e la consistenza del miele che si sceglie è sicuramente un consiglio utile che ripaga in termini di qualità del prodotto che vi ritroverete in tavola.

Dalla trasparenza e candidezza del miele di borragine e acacia, al caldo color oro del miele di sulla. Intenso in colore e profumo il miele millefiori, forte e deciso  come nel colore ambrato è in vece il miele di castagno.

Acquista il miele italiano, il miele dove il colore naturale corrisponde alle sfumature dei nostri paesaggi, www.mielenaturape.it, il buon miele italiano.

 

miele | apicoltura | unifloreale |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Apicoltura Anzivino: produzione e vendita miele italiano on-line. On line il nuovo sito


I Migliori Tipi di Miele da Abbinare al Cibo


Il Sapore Unico del Miele di Acacia


Miele di fichi della Calabria... prodotto "senza bisogno di alcuna arnia"!!!


Miele amico dell'estate


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UN PO’ DI STORIA…DAL MONDO MIELE

UN PO’ DI STORIA…DAL MONDO MIELE
Nella mitologia greco–romana, gli Dei favorevoli alle api sono numerosi. Giove, per esempio, è il dio degli apicoltori. La leggenda narra che Giove fu nutrito fin dalla nascita di miele del Monte Ida. E’ usanza comune recarsi sul monte Imetto, dove si erge una statua del dio Giove e arricchirla di focacce spalmate di miele o interi favi in segno di gratitudine per il racc (continua)