Home > Sport > Matteo Simone e Daniele Baranzini: Ultramaratoneta, un'analisi interminabile

Matteo Simone e Daniele Baranzini: Ultramaratoneta, un'analisi interminabile

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Matteo Simone e Daniele Baranzini: Ultramaratoneta, un'analisi interminabile


Matteo SIMONE Psicologo “La corsa porta un messaggio. Quando non viene espresso prima di partire, viene spesso colto lungo la strada…E quando arriva, allora il tuo passo diventa lucido” Daniele Baranzini Prossimamente in libreria! Ultramaratoneta: analisi interminabile di Matteo Simone e Daniele Baranzini. Questo libro esprime il senso o il “non senso” della corsa nelle lunghe distanze, il concetto della corsa per molte ore o per tanti chilometri. Daniele scrive la sua vision onirica della corsa lunga e Matteo la cerca nelle parole dei suoi racconti. Matteo è l'archeologo, Daniele è l'antica città dei sogni. Il mondo dell'ultramaratona, viene "visitato" da Matteo come un interprete delle storie vissute da un attore che corre, Daniele. Daniele e Matteo dialogano a distanza sul quello che è il senso dell'ultramaratona: la lunghezza, il tempo, la fatica, la gioia, il dolore, per alcuni anche una “lucida pazzia”. Daniele è pura corsa, senza corsa non può esistere. E alla fine questo ragazzo diventa corsa infinita e interminabile, l'ultramaratona. Il percorso intrapreso da Matteo è interminabile, come il titolo di quest'opera. Daniele è semplicemente uno strumento, uno dei tanti...che accoglie nella sua corsa i desideri e la forza vitale di tutti quelli che provano l'avventura della corsa nelle lunghe distanze. A Daniele piace giocare, con le parole, con l’azione, con i pensieri, è una sorta di giocoliere equilibrista che riesce sempre a cavarsela, a restare integro, a sgattaiolare da ogni situazione che sta per diventare intrappolante, pericolosa, esageratamente al limite. Questo suo adattarsi lentamente e gradualmente al limite gli permettono di osare, cavandosela sempre con una sorta di sorriso rivolto a se stesso, agli altri, al mondo intero. E’ come sfidare la morte, l’ignoto, lo sconosciuto, cercando di avvicinarsi il più possibile per prenderne confidenza, La motivazione ad essere ultramaratoneta è la scoperta del mondo da un punto di vista privilegiato afferma, in effetti attraverso le sue esperienze estreme ha modo di contattare sensazioni forti e diversificate che nutrono la sua voglia ingorda, insaziabile di sensazionalità. Sperimenta abitualmente l’esperienza del limite nelle sue gare: “Il limite fisico l’ho superato, ho una specie di capacità di dissociazione tra vie del dolore e stato di consapevolezza, le riesco a separare, ma è un’arma a doppio taglio, perché si può morire. Il limite umano non sono mai riuscito a passarlo, solo allucinazioni e basta.” Daniele racconta dei suoi passi, percorsi, chilometri. Si perde per ritrovarsi, per scoprire, per notare paesaggi ma anche e soprattutto il suo paesaggio interiore. Ha scoperto questa modalità di correre infinitamente per scoprirsi, per incontrarsi con se stesso. “La prefazione a cura della Prof. ISA MAGLI, riporto alcuni passi: Sono enucleate le massime e le minime sensazioni che si provano nel praticare questo sport e la voglia di correre che viene inculcata anche in altri, per trovare stimoli e motivazioni, atti ad emozionarsi e, quindi, a realizzarsi. Daniele volge la sua mente a qualche chilometro di corsa per allenarsi, riesce ad essere performante al lavoro e a fantasticare, pregustando la piacevolezza della corsa per scoprire ambienti nuovi e, in particolare, provare sensazioni personali interiori (come il respiro più forte, il cuore che batte) sebbene la stanchezza e la fatica lo gravino. Visioni peculiari dell’ultramaratoneta sono strade, percorsi, sudore, fatica, amici ed avversari di gare che lo aiutano ad andare avanti e ad affrontare situazioni sempre più difficili. Anche il suo estro poetico occupa una parte importante nel momento in cui in forma diaristica compone liriche pertinenti la competizione. Sebbene abbia sopportato momenti di panico, paura, incertezze con rischi, pericoli e problemi di salute, tuttavia, apprezzando ancor di più la vita e rafforzandosi nella resilienza è pronto a rialzarsi e a ricominciare consapevole del suo passato, l’avventura con la corsa, perché in tal modo si sente vivo, attivo e con approccio meditativo.” L’intento di questo libro è di illustrare l'ultramaratona, un particolare vissuto di sport a volte considerato estremo, ai limiti della umana ragionevolezza. L’opera è una sorta di fantastico saggio poetico. L’intento degli autori è di illustrare un particolare vissuto di sport a volte considerato estremo, ai limiti della umana ragionevolezza. L’opera è frutto di una sorta di dialogo e corrispondenza tra i due autori. Daniele Baranzini si racconta attraverso la sua pianificazione e progettazione di lunghe gare da interpretare e portare a termine e Matteo Simone, come un archeologo, cerca di entrare nella psiche di Daniele alla ricerca di un senso. Grazie per l’interesse Matteo SIMONE Psicologo 380.4337230 21163@tiscali.it

Fonte notizia: https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere-onlus/matteo.simone/sport-veicolo-di-educazione-e-inclusione




Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)