Home > Sport > ARIA “MONDIALE” NELL’ALTO GARDA TRENTINO. AD ARCO L’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP

ARIA “MONDIALE” NELL’ALTO GARDA TRENTINO. AD ARCO L’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP

scritto da: Newspower | segnala un abuso

ARIA “MONDIALE” NELL’ALTO GARDA TRENTINO. AD ARCO L’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP


 Lavori in pieno svolgimento per migliorare il Climbing Stadium

Confermati dieci giorni di kermesse per il mondo dell’arrampicata

Per la prima volta i Campionati iridati per i diversamente abili

Da Arco inizia la corsa dell’arrampicata verso le Olimpiadi

 

 

Arco “arrampica” veloce, e oltre ad essere sede dell’IFSC Climbing World Championship (15-24 luglio), si prepara a salire sempre più in alto nel mondo dello sport. Il pensiero corre già agli appuntamenti d’élite del “dopo mondiale”, e nel panorama degli eventi che contano spicca nientemeno che…l’olimpiade.

È questo ciò che traspare dalle parole del presidente dell’IFSC Marco Maria Scolaris, venuto in visita ad Arco all’inizio di febbraio per stilare il punto della situazione organizzativa.

“Credo che eventi di grande portata, com’è il caso dell’IFSC Climbing World Championship di Arco, nell’Alto Garda Trentino, siano di notevole importanza anche per lo sport dell’arrampicata”, ha dichiarato Scolaris, “e non mi stupirebbe se dopo queste prove positive si arrivasse all’inserimento nei Giochi Olimpici”.

E infatti durante lo svolgimento dei Campionati del Mondo del prossimo luglio ci saranno dei sopralluoghi di delegati CIO (Comité International Olympique) per verificare l’idoneità “olimpica”. Durante la sua visita in trentino, Scolaris si è anche complimentato con il sindaco di Arco, Paolo Mattei, per l’ottimo stato dei lavori riservati alle strutture del Climbing Stadium e per l’organizzazione impeccabile e professionale, gestita dalla squadra di Albino Marchi con l’aiuto degli enti locali, come Trentino Marketing Spa ed il Comune di Arco.

Le strutture destinate ad ospitare i climbers provenienti da tutto il mondo (in totale saranno rappresentate 55 nazioni, sparse tra i cinque continenti) sono infatti in realizzazione e lo stadio arcense sta per essere rinnovato sia dal punto di vista estetico sia dal lato tecnico-strutturale, con nuove pannellature e nuovi volumi inseriti sulle pareti.

L’investimento totale per i lavori di sistemazione del Climbing Stadium ammonta a 1.450.000 Euro, dei quali buona parte risulta coperto da finanziamenti provinciali, ed il Comune di Arco potrà così, con un investimento minimo, assicurarsi delle strutture all’avanguardia e durevoli nel tempo. I lavori compiuti in vista dell’IFSC Climbing World Championship costituiranno in futuro anche un prezioso bagaglio per il Rock Master, competizione di arrampicata storica per Arco, che proprio quest’anno festeggia i 25 compleanni, ma alcune strutture serviranno pure per altri eventi e manifestazioni non propriamente sportive.

Non va dimenticato, inoltre, che una kermesse mondiale come l’IFSC Climbing World Championship avrà un indotto non indifferente su tutto il territorio, sia a livello economico che turistico. Letteralmente un “boom” per il Trentino, e mercoledì 20 luglio sarà proposto un convegno sull’argomento, presso la Sala della Cassa Rurale nella sede di Bolognano, dove saranno sottolineate le ricadute positive che il Mondiale (quest’anno) e Rock Master (da 25 anni) portano regolarmente in Trentino. In questa occasione sarà presentato uno studio di ricerca compiuto dai docenti dell’Università di Trento, volto a sottolineare il trascinante dinamismo che la provincia di Trento ed il Comune di Arco traggono dagli eventi sportivi in questione. Il discorso dovrebbe suonare già noto, almeno agli abitanti delle zone di Arco e dintorni. Basta dare un’occhiata al centro della città per notare come la via principale di negozi sia disseminata di rivenditori specializzati nel settore sportivo dell’arrampicata, con materiali tecnici ed attrezzature professionali dell’universo climbing.

Dal punto di vista turistico, inoltre, il periodo dell’IFSC Climbing World Championship cade a puntino, andando a ravvivare una fetta della stagione che generalmente non registra il massimo afflusso. Con l’evento iridato, si porteranno ad Arco e dintorni circa 15.000 persone tra atleti, tecnici e pubblico, una scossa non da poco per la stagione lacustre.

La città di Arco si fregia inoltre di un importante primato, ovvero quello di aver “inventato” il primo IFSC Paraclimbing World Championship, evento iridato con in parete gli atleti diversamente abili, le cui gare sono fissate il 18 e 19 luglio.

Il messaggio lanciato dal team organizzatore Arco 2011 è forte e chiaro. Ad Arco tutti gli sportivi trovano “pareti” per i loro denti, sia che si tratti di esperti o di principianti, di giovani o di meno giovani, e dal 2011 le strutture ed alcune falesie saranno predisposte anche alle performances degli atleti diversamente abili.

www.arco2011.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/


sport | Rock master | IFSC Arco 2011 | Arco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ITALIA SUPER VELOCE CON LEONARDO GONTERO, SPETTACOLO ANCHE IN PARETE LEAD AD ARCO (TN)


ARCO INCORONA SCHUBERT E FAKHRITDINOVA, PUCCIO E SHARAFUTDINOV PADRONI DEI MASSI


ARRAMPICATA MONDIALE IN SCENA AD ARCO (TN). PRETI, MORONI E SCARPERI VOLANO IN SEMIFINALE!


PUIGBLANQUE E SCHUBERT, SINFONIA MONDIALE. SOLO DUE VOLANO AL “TOP” IN SEMIFINALE


IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP 2011. TOLTO IL VELO ALL’EVENTO DI ARCO (TN)


L’ARRAMPICATA MONDIALE SI PRESENTA. TOLTO IL VELO ALL’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone

Curti e Beri sulle orme di Charly Gaul. Skiroll di Coppa Italia sul Monte Bondone
Seconda giornata del weekend di skiroll a Trento Luca Curti attende e poi scappa. Sul podio Tanel e Masiero Mortagna accende i giochi, poi paga e vince Beri davanti a Becchis Spettacolo dei giovanissimi. Organizzazione di Trento Eventi Sport e Team Futura Il Monte Bondone, la montagna di Trento per antonomasia, è sempre stato banco di prova per ogni genere di “scalatore”. Dalle auto alle moto, dalle bici al running, ma anche autentica “bestia nera” per gli skirollisti.Oggi confronto serrato sui tornanti del Bondone lungo quella salita che, non a caso, porta il nome di Charly Gaul, il lussemburghese che nel 1956 in una giornata da tregenda qui vinse (continua)

Becchis e Borettaz missili al Muse. Il campionato italiano sprint a Trento

Becchis e Borettaz missili al Muse. Il campionato italiano sprint a Trento
Emanuele Becchis, settimo titolo tricolore, ma Berlanda… c’è Sabrina Borettaz, inizia una nuova era sprint Gare anche per i giovanissimi: Trombetta, Invernizzi, Combi e Falanelli campioni Bella la location e ottima regia di Trento Eventi Sport e Team Futura Roma ha i suoi sette re, lo skiroll ne ha uno che vale per sette! Emanuele Becchis oggi a Trento ha vinto il Campionato Italiano sprint di skiroll per la settima volta consecutiva, ed è la nona vittoria nel capoluogo trentino del tre volte campione del mondo. Gli fa eco la giovane Sabrina Borettaz, che è andata ad interrompere la lunga supremazia delle sorelle Bolzan, Lisa prima e Anna (2019) poi. (continua)

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno

Il Sassolungo fa l'occhiolino ai runners. La 4.a Dolomites Saslong HM l'11 giugno
L’11 giugno 2022 quarta edizione della Dolomites Saslong Half Marathon Un percorso di 21 km e 900 m. di dislivello tra Val Gardena e Val di Fassa Iscrizioni online con Enternow, la quota base è di 50 euro 600 posti per un’occasione sportiva intorno al Gruppo del Sassolungo Alcuni atleti nella scorsa edizione di giugno, disputata comunque nonostante i disagi della pandemia, dicevano di non riuscire a concentrarsi in gara, tanto la vista li affascinava. C’è da crederci. Forse un po’ meno per Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, outsider vincente tra le donne, autori di una gara velocissima.E così dopo gli entusiasmi per il successo e i complimen (continua)

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti

A gennaio torna lo Skiri Trophy: sciolina alla mano per i giovani fondisti
Il 22-23 gennaio in Val di Fiemme appuntamento col 38° Skiri Trophy XCountry A Lago di Tesero (TN) classico happening dello sci di fondo giovanile Al via le categorie Baby, Cuccioli, Ragazzi e Allievi e quindi il Revival Un mix di iniziative per tutti gli appassionati: dai più giovani ai nostalgici Lo sci di fondo può guardare lontano con entusiasmo: quello che è comunemente definito il ‘mondialino’ degli sci stretti è confermato per l’imminente stagione: dopo l’annullamento dello scorso gennaio a causa della pandemia, il 22-23 gennaio prossimi la Val di Fiemme vedrà nuovamente i giovani atleti degli sci stretti darsi battaglia in occasione del 38° Skiri Trophy XCountry. L’evento è ormai una (continua)

Skiroll di lusso a Trento e sul Bondone: Trento Eventi Sport e Team Futura al lavoro

 Skiroll di lusso a Trento e sul Bondone: Trento Eventi Sport e Team Futura al lavoro
Presentato oggi presso l’APT di Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi l’evento del weekend Campionato Italiano e Coppa Italia di Skiroll, due giorni di spettacolo Cinque campioni del mondo in gara: i fratelli Becchis, Tanel, Borettaz e Berlanda Sabato si corre al MUSE, domenica sul Monte Bondone Si danza in punta di piedi, ma si può danzare anche sugli skiroll. A ritmo di rock & roll con il Campionato Italiano Sprint sabato a Trento nel quartiere delle Albere, con l’eleganza della tecnica classica domenica sui tornanti del Monte Bondone per la Coppa Italia. Il weekend trentino dello skiroll è stato presentato oggi presso la sede dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi col dett (continua)