Home > Informatica > G DATA: trojan bancari e malware “di Stato” tra i più diffusi nel 2015

G DATA: trojan bancari e malware “di Stato” tra i più diffusi nel 2015

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

G DATA: trojan bancari e malware “di Stato” tra i più diffusi nel 2015

 Il produttore di soluzioni per la sicurezza informatica pubblica il proprio PC Malware Report relativo alla seconda metà del 2015: evidente il “contributo” italiano.

 
L’analisi delle rilevazioni condotte dai G DATA Security Labs nella seconda metà del 2015 dà adito ad una domanda: il trend (comunque crescente) ha ritrovato un suo equilibrio? Con 2.098.062 di nuove varianti di firma negli ultimi sei mesi dell’anno per un totale di 5.143.784 nel 2015 il valore si attesta di poco al di sotto di quello del 2014. Le anomale impennate della seconda metà del 2014 e della prima del 2015 paiono terminate, dando nuovamente luogo ad una crescita i cui ritmi rientrano nelle aspettative. Ciò nulla toglie però al livello di pericolosità delle minacce identificate: attacchi estremamente dannosi e massicci attraverso trojan bancari come Dridex o ZeuS e ondate di malware di livello militare, di cui alcuni evidentemente connessi all’affare “Hacking Team” tra i più diffusi nell’anno. Il G DATA PC Malware Report per la seconda metà del 2015 é disponibile online.
 
Nonostante il leggero calo del 14,3% rispetto al 2014, gli oltre cinque milioni di tipi di malware oggetto di firme virali incarnano un altissimo potenziale di danno per gli utenti. Bisogna infatti considerare che ogni variante di firma integrata in soluzioni per la sicurezza proattiva come quelle di G DATA può rilevare uno come migliaia di singoli campioni di malware.
 
SITI NOCIVI
 
Per la seconda volta dalla prima metà del 2014, i siti di scommesse sono tornati in cima alla classifica delle categorie di siti forieri di rischi per gli utenti, rimontando di ben dodici posizioni rispetto alla prima metà del 2015.
 
In totale il numero di siti classificati come nocivi é aumentato del 45%, cosa che sottolinea che gli attacchi lanciati tramite web sono ancora tra le minacce più insidiose per gli utenti dei PC. Interessante anche il dato relativo alla posizione geografica dei server che ospitano tali siti. Con una crescita a due cifre rispetto alla prima metà del 2015, oltre il 57% degli attacchi rilevati ha avuto luogo dagli Stati Uniti. Anche la Cina, Hong Kong, la Russia e il Canada (che cubano insieme il 14,4%) si trovano ai vertici della classifica dei Paesi “ospite”. L’Europa ha avuto un ruolo meno rilevante nella seconda metà del 2015, sebbene Germania e Italia siano comunque da collocare tra i top 7 su scala mondiale con una quota cumulativa del 6% dei siti nocivi ospitati.
 
EXPLOIT KITS
 
Nella seconda metà del 2015 gli exploit kit Neutrino, Angler, Nuclear e Magnitude sono stati tra i più diffusi. Come nella prima parte dell’anno, Adobe Flash è stato uno dei vettori di malware più sfruttato dai cybercriminali. In seguito ad analisi approfondite risulta che la prima forte ondata di attacchi tramite exploit che hanno avuto luogo nel secondo semestre 2015 sia stata dovuta alla divulgazione degli strumenti impiegati da Hacking Team, tra cui appunto exploit di vulnerabilità zero-day di Adobe Flash, integrati dai cybercriminali nei propri malware in brevissimo tempo (7 luglio 2015). Il sistema di protezione anti-exploit integrato nelle soluzioni G DATA ha protetto gli utenti contro tutti questi attacchi, inclusi quelli di derivazione “Hacking Team”. Dopo una breve fase di relativa calma, il 13 ottobre un nuovo exploit per flash (CVE-2015-7645 / APSA15-05) facente parte del gruppo APT28, aka Sofacy, ha attirato nuovamente l’attenzione dei ricercatori. Gli specialisti dei G DATA Security Labs citano in particolare queste due ondate di attacchi per far notare che – nel caso dei derivati di “prodotti” Hacking Team in maniera comprovata e nel caso di APT28 sulla base di numerosi sospetti – esse abbiano avuto luogo adattando strumenti di attacco di livello militare, impiegati da enti governativi.
 
Il rischio che tali strumenti cadano nelle mani dei cybercriminali viene discusso da tempo tra analisti di sicurezza e ricercatori. L’esistenza di tale rischio é ora una certezza.
 
Per ulteriori informazioni su trend e sviluppi del malware per PC nel 2015 pregasi consultare il report completo al link: public.gdatasoftware.com/Presse/Publikationen/Malware_Reports/EN/gdata_pc_malware_report_h2_2015_en.pdf
 
Chi è G DATA
 
La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l'inventore dei software antivirus. L'azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.
 
Numerosi test mirati hanno dimostrato che la IT security "Made in Germany" offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.
 
Dal 2005 la fondazione Stiftung Warentest si occupa di testare i prodotti di sicurezza informatica. In tutti e sette i test, condotti dal 2005 al 2014, G DATA ha sempre ottenuto il miglior punteggio per il rilevamento virus. Nei test comparativi di AV-TEST, G DATA ottiene regolarmente i migliori risultati in termini di individuazione di malware.
 
Anche a livello internazionale InternetSecurity di G DATA è stato eletto miglior pacchetto di sicurezza per Internet da riviste specialistiche indipendenti in diversi Paesi, tra cui Australia, Austria, Belgio, Francia, Italia, Paesi Bassi, Spagna e Stati Uniti.
 
In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. L’azienda ha collaborato altresì con Assintel all’elaborazione del notissimo Report, giunto, nel 2015, alla sua decima edizione e alla stesura del Security Report 2015 del Clusit. G DATA è altresì partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati ed è partner esclusivo di Microsoft per la messa in sicurezza del Microsoft Cloud tedesco.
 
Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.
 
Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

G DATA ANTIVIRUS | G DATA PC Malware Report | G DATA Security Labs | Adobe Flash | angler | APT28 | clusit | exploit kit | G DATA | hacking team | locky | magnitude | Malware Report 2015 | neutrino | nuclear | petya | Sicurezza informatica | Sofacy | trend | trojan ban |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

G DATA: nel 2015 focus sul malware multi-target e sullo spyware. Ecco 6 previsioni


Wassily Kandinsky. Schichtweise ar in new york


G DATA evita ai suoi utenti danni per oltre 100 milioni di euro


Oltre il 50% dei malware per Android mira a transazioni finanziarie


Le cifre del malware nel primo semestre 2018: il pericolo si annida sul web


G DATA mette a nudo ZeuS Panda


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom
 Con il suo A150, Snom, produttore internazionale di terminali VoIP premium per aziende e professionisti presenta un headset ultraleggero senza fili, che si avvale del protocollo DECT per massimizzarne la portata. L’eccellente qualità audio e la comodità d’uso una volta indossato caratterizzano l’elegante dispositivo sovrauricolare dotato di numerose funzionali (continua)

Un binomio inseparabile: la trasmissione di dati e voce in ambito professionale

Un binomio inseparabile:  la trasmissione di dati e voce in ambito professionale
 Sebbene oggi la maggior parte degli utenti di telefoni professionali sa che la propria voce viene trasportata „over IP“, solo a pochi è chiaro cosa ciò comporti esattamente e cosa sia necessario per renderlo possibile.   Mentre l’utenza privata si avvale ancora di piattaforme Internet pubbliche per chiamare a poco costo o gratuitamente amici e parenti, (continua)

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717
 Snom, pioniere e produttore tedesco leader di telefoni IP per l’uso professionale annuncia la disponibilità del suo nuovo D717, il modello “entry level” della serie premium di terminali IP da scrivania D7xx. A dispetto della qualifica di modello di base, lo Snom D717 é paperless, poichè dotato di tasti funzione digitali e di un display a colori, risulta (continua)

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze
 Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per aziende e professionisti illustra come soluzioni per teleconferenze non invasive nè impattanti sul budget IT consentano di incrementare la produttività di qualsiasi organizzazione, dalle start-up alle PMI, fino alle grandi aziende, grazie alla loro fruibilità nei più diversi scenari d’uso.   S (continua)

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT
 Nelle aziende, i responsabili dell’infrastruttura IT sono solitamente in prima linea quando si tratta di misurare l'impatto di eventuali variazioni del modo di operare dei dipendenti. Nonostante l’assiduo monitoraggio, negli ultimi anni sono emerse nuove pratiche non sicure tra cui la "Shadow IT", ovvero l'uso di applicazioni e servizi, spesso basati su cloud, parallela (continua)