Home > Primo Piano > G DATA sfida gli utenti curiosi e li premia con la MotoGP

G DATA sfida gli utenti curiosi e li premia con la MotoGP

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

 Il produttore tedesco di soluzioni per la sicurezza IT che proteggono i sistemi informatici di bordo pista del team Ducati Corse, propone una sfida agli appassionati della MotoGP più curiosi: dare la caccia al valore! 

Logo-Claim-2015-3c-highres

Bochum (Germania) - Proteggere il proprio universo digitale dovrebbe essere una priorità per internauti di qualsiasi età, ma nonostante le minacce informatiche siano dannose per tutti, tante e in aumento, resta limitata la consapevolezza e la “preoccupazione” degli utenti. G DATA unisce l’utile al dilettevole “gamificando” la necessità di dotarsi di soluzioni per la tutela della propria privacy.

Immagine_PR_MotoGP

Partner tecnico del team Ducati Corse, il padre dell’antivirus protegge i sistemi informatici di bordo pista che monitorano i bolidi biancorossi nazionali durante tutti i Gran Premi della MotoGP previsti in questa stagione.

Forte di questa partnership e del know-how dovuto a trent’anni di storia, G DATA sfida gli utenti attenti alla tutela della propria privacy digitale, appassionati della MotoGP e curiosi abbastanza a dotarsi della soluzione G DATA Internet Security per PC (anche la versione di prova di 30 giorni, che presenta tutte le funzionalità utili per partecipare) e dare la caccia ad un valore specifico delle impostazioni avanzate: l’indice di spam massimo preimpostato di fabbrica della Real Time Blacklist, inserita nel filtro antispam integrato nella soluzione. Individuando il giusto valore e condividendolo con G DATA attraverso la community di Facebook di G DATA Italia o tramite un sito ad hoc (http://woobox.com/su8wbe) si può essere selezionati! Ogni settimana infatti il vendor assegna due biglietti per la tribuna Ducati del Gran Premio d’Italia al Mugello (22 maggio) o per la tribuna del Gran Premio TIM di San Marino (Misano, 11 settembre).

“La soluzione di sicurezza G DATA Internet Security per PC é talmente poco invasiva che l’utente la installa e se ne dimentica. Con questa sfida, oltre a ringraziare chi ci ha accordato la propria fiducia acquistando la licenza o testando l’applicazione, facciamo in modo che gli utenti vi si addentrino per capirne il funzionamento”, commenta Giulio VADA, Country Manager di G DATA Italia.

Indipendentemente dall’esito della sua “caccia al valore”, l’utente potrà anche valutare in prima persona le funzionalità che secondo G DATA sono imprescindibili in una moderna soluzione di sicurezza, che tuteli proattivamente l’internauta contro potenziali attacchi e minacce alle proprie transazioni bancarie o d’acquisto, alla navigazione e all’integrità della propria identità digitale.

La caccia al valore #GDATA_MotoGP terminerà il 5 settembre con l’assegnazione degli ultimi due biglietti di tribuna per il Gran Premio TIM di Misano.

caccia al valore | desmo16 | Ducati Corse | G DATA INTERNET SECURITY | Giulio Vada | Gran Premio d Italia Mugello | Gran Premio TIM San Marino | indice di spam | Misano | MotoGP | real time blacklist | sfida G DATA per MotoGP |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

VINNATUR TASTING: TUTTI I SAPORI DELLA MANIFESTAZIONE DEDICATA AI VINI NATURALI


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


"Una manetta sul mare": I Trilli e i Buio Pesto in concerto per la Onlus Gigi Ghirotti


Brain Force potenzia l’offerta grazie alla partnership con Debridat


Motomondiale, tre giorni a tutto gas.


VALERIA CAUCINO “THE BEATING OF LIFE” È IL SECONDO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM "AT THE BREAK OF DAWN"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom
 Con il suo A150, Snom, produttore internazionale di terminali VoIP premium per aziende e professionisti presenta un headset ultraleggero senza fili, che si avvale del protocollo DECT per massimizzarne la portata. L’eccellente qualità audio e la comodità d’uso una volta indossato caratterizzano l’elegante dispositivo sovrauricolare dotato di numerose funzionali (continua)

Un binomio inseparabile: la trasmissione di dati e voce in ambito professionale

Un binomio inseparabile:  la trasmissione di dati e voce in ambito professionale
 Sebbene oggi la maggior parte degli utenti di telefoni professionali sa che la propria voce viene trasportata „over IP“, solo a pochi è chiaro cosa ciò comporti esattamente e cosa sia necessario per renderlo possibile.   Mentre l’utenza privata si avvale ancora di piattaforme Internet pubbliche per chiamare a poco costo o gratuitamente amici e parenti, (continua)

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717
 Snom, pioniere e produttore tedesco leader di telefoni IP per l’uso professionale annuncia la disponibilità del suo nuovo D717, il modello “entry level” della serie premium di terminali IP da scrivania D7xx. A dispetto della qualifica di modello di base, lo Snom D717 é paperless, poichè dotato di tasti funzione digitali e di un display a colori, risulta (continua)

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze
 Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per aziende e professionisti illustra come soluzioni per teleconferenze non invasive nè impattanti sul budget IT consentano di incrementare la produttività di qualsiasi organizzazione, dalle start-up alle PMI, fino alle grandi aziende, grazie alla loro fruibilità nei più diversi scenari d’uso.   S (continua)

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT
 Nelle aziende, i responsabili dell’infrastruttura IT sono solitamente in prima linea quando si tratta di misurare l'impatto di eventuali variazioni del modo di operare dei dipendenti. Nonostante l’assiduo monitoraggio, negli ultimi anni sono emerse nuove pratiche non sicure tra cui la "Shadow IT", ovvero l'uso di applicazioni e servizi, spesso basati su cloud, parallela (continua)