Home > Sport > Mi sono sentito un campione il giorno che vinsi una competizione di karate

Mi sono sentito un campione il giorno che vinsi una competizione di karate

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Mi sono sentito un campione il giorno che vinsi una competizione di karate


Matteo SIMONE Riccardo Pagliari ha trovato nello sport una sorta di terapia, in particolare nella pratica del Karate ha sperimentato talmente benessere da sentirsi campione e sperimentarsi più sicuro di se stesso e più capace di affrontare la vita quotidiana e di relazionarsi con gli altri, Ecco come si racconta. Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Si mi sono sentito un campione il giorno che vinsi per la prima volta una competizione di karate.” Come ha contribuito lo sport al tuo benessere? “Ha formato il mio carattere, mi ha dato la capacita di relazionarmi con estranei.” Ci sono diverse modalità per relazionarsi, ed a volte lo sport aiuta ad incontrare persone e popoli, a faticare insieme, a lottare per la vittoria, a condividere gioie e dolori. Come hai scelto il tuo sport? “Su consiglio di uno psicologo per migliorare le mie capacita di relazionarmi con gli altri sia familiari che estranei.” Lo psicologo non fa solo diagnosi, non fa solo interventi di sostegno, non cura solamente, non risolve solo problemi, ma, in base alla sua espereienza e formazione e soprattutto se è anche psicoterapeuta, aiuta le persone ad aiutarsi, ad individuare risorse personali, capacità che a volte non si conoscono, aiuta a farti vedere dei percorsi percorribili, ed in base alle persone mette in atto deglli strumenti e metodi idonee ad aiutare la persona nel suo percorso. Nella tua disciplina quali difficoltà si incontrano? “Nel karate l'allenamento è a 360° non puoi tralasciare niente, resistenza, massa muscolare e velocità sono le basi e devi allenarle in egual misura, il karate allena i riflessi e la capacita di ragionare in fretta, capire quando e dove colpire durante la gare è la prima cosa ad essere insegnata prima dei combattimenti, nel karate si rischiano due tipi di danni quelli fisici: fratture, stiramenti ed altri problemi muscolari sia quelli di tipo mentale: essere spavaldi, troppo sicuri di se, o non accettare sconfitte o verità. Mentre per i primi basta il riposo nei secondi il karate si pone l'obbiettivo di cambiare e plasmare un carattere in grado di essere in pace con se stessi nel senso di sapersi accettare per come sei cercando sempre di migliorarsi.” Il karate diventa una via per l’autoconsapevolezza, per conoscersi meglio, per curare e migliorare aspetti carenti, diventa una sorta di alchimia di capacità da potenziare e da utilizzare negli allenamenti, negli incontri e nella vita quotidiana. Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “Ovviamente un alimentazione corretta bisogna seguirla sempre sia prima che durante le gare. Ma durante una competizione si cerca di mangiare leggero per non appesantirsi frutta e verdura e succhi di frutta erano la base del mia pasto pre-gara.” Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a non concludere la gara o a fare una prestazione non ottimale? “Ambientali nessuna ma fisiche sono state un cattivo riscaldamento, un dolore inaspettato o una cattiva preparazione fisica (allenamento eseguito male).” Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? “Ho dovuto mollare il karate per mancanza di tempo ed orari incompatibili con le lezioni universitarie.” Nella vita si fanno scelte momento per momento, è importante comprendere e conoscere le proprie possibilità, i propri bisogni ed esigenze e fare decisioni importanti. Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “I miei compagni di squadra e il mio maestro hanno reso questo sport speciale per me, anche un incoraggiamento da parte dei miei genitori ha aiutato a contribuire a rendere questo sport stupendo.” Da soli non si va da nessuna parta, è preferibile fidarsi ed affidarsi a persone di riferimento che diventano una rete sociale di protezione e sostegno, che ti incoraggia, ti sostiene, ti supporta, fa il tifo per te nello sport e nella vita. Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “La gara della mia vita non è stata nel karate ma nello sci quando ero in montagna in vacanza con i miei, ogni fine corso i maestri organizzavano una gara per vedere chi era il migliore di tutti gli studenti e io vinsi questa gara sconfiggendo persone più grandi di me io avevo solo dieci anni.” Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “La gara di sci, se a dieci anni ho sconfitto ventenni allora posso fare molto di più in futuro sia nell'ambito sportivo sia non.” Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport al tuo benessere o alla tua performance? “Amicizia e solidarietà tra chi pratica lo stesso sport e un aiuto esterno dai genitori che mi hanno incoraggiato a continuarlo.” Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva tesa al benessere o alla performance? “Ora non ne ho una, purtroppo, e questo gli fa dispiacere in passato ne erano fieri.” Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Stavo facendo una gara di sci, era uno slalom e ci misi pochissimo tempo a completarlo, arrivato a valle me ne vantai con tutti, gli altri ridevano e io non capivo perchè, quando arrivò il maestro scoprii che ne avevo saltato metà avevo trascinato a valle due porte (le porte sono le aste che si piantano nella neve per creare i percorsi) dopo un primo momento di vergogna risi con loro per tutta la giornata.” Cosa hai scoperto del tuo carattere nel praticare attività fisica? “Che non potevo rimanere sempre cosi timido e chiuso in me stesso, ho dovuto modificare me stesso fino a quello che sono oggi, sì è stato strano, ero soddisfatto per aver dato tutto me stesso, amareggiato perchè non è servito a vincere e poi mi sentivo prosciugato di tutte le mie forze.” Quali sono o sono state le tue sensazioni pregara, in gara, post gara? “Nel pre-gare ansia e nervosismo, durante la gara non penso a niente se non all'obbiettivo e a cosa devo fare, nel post-gara dipende se ho vinto o perso, nel primo caso soddisfazione nel secondo insoddisfazione ma anche voglia di migliorarsi.” Quali sono i tuoi pensieri? Pensare al traguardo, pensare a tutto quello che si è investito per la gara, in termini di allenamenti, di preparazione atletica, mentale? “Saper guardare lontano serve ma i pensieri principali sono tutti rivolta al migliorarsi e a fare quello per cui ti sei allenato tutto questo tempo.” Ti è capitato di avere la sensazione che ti cascasse il modo addosso, se si come sei riuscito a toglierti la polvere di dosso e continuare dritto? “Una gara di karate in cui non vi erano restrizioni di peso ma solo range di età ne rimasi molto spiazzato e all'iniziono non sapevo come affrontare gli avversari.” Hai dovuto scegliere nella tua vita di prendere o lasciare uno sport a causa di una carriera scolastica o lavorativa? “Si quello che mi è successo iniziando l'università.” C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping “Avendo avuto un insegnamento sano da parte di maestri e compagni non sono mai incorso in questo problema. Il messaggio è: il doping è inutile rovina lo sport e la competitività e poi ti sottrae il desiderio di migliorarti.” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “No ma in questo momento la sto vivendo perchè non riesco a far convivere studi con sport.” Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Sempre con raziocinio, cercavo di capire dove e come ho sbagliato e come potevo evitare di incorrere di nuovo in un infortunio o sconfitta.” Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere atleta, è successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva, hai mai pensato di smettere di essere atleta? “Si ho rischiato infortuni ma questo non mi ha mai fermato e mai ho desiderato di smettere anche se sapevo che non sarei mai diventato un campione.” Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Non ho mai sentito parlare dello psicologo dello sport ma so per esperienza che lo sport è un ottima terapia per formare e aiutare i ragazzi.” Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi a questo sport fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Questo è uno sport con una storia millenaria ha tradizioni e un suo galateo, richiede rispetto e reverenza verso i maestri che hanno perfezionato e creato quest'arte marziale, ma se voi riuscirete a chinare il capo di fronte a questi principi vi si aprirà una realtà di onore e rispetto, e voi apprenderete il modo di affrontare non solo gli avversari che avrete davanti ma anche la realtà che vi circonda, verrete formati caratterialmente e fisicamente vi renderà uniti in gruppo e forti in solitario, vi farà pensare velocemente a come affrontare difficoltà di ogni giorno, ricordate se volete solo menare le mani non fa per voi ma se volete imparare nessuno è rifiutato.” Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “In ambito sportivo non lo so ma so che in futuro anche se lontano voglio riprendere a fare sport anche se non potrò riprendere il karate ma almeno andare in palestra. Un sogno è che un mio futuro figlio possa voler fare anche lui karate.” Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm


KARATE |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Elisa Liguri convocata nella nazionale giovanile di karate


L’Accademia Karate Casentino è la seconda miglior società della Toscana


La casentinese Elisa Liguri al seminario della nazionale giovanile di karate


Elisa Liguri vince un doppio bronzo al Campionato Europeo per Piccoli Stati


Al momento della gara cerco di rilassarmi entrando in una sorta di meditazione


Tre atleti dell’Accademia Karate Casentino convocati al raduno della nazionale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci
Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . Di seguito approfondia Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre  Matteo SIMONE  3804337230- 21163@tiscali.it  Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 (continua)

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981
Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. E’ stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44” Matteo SIMONE  Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. Anche nel 1977, alla (continua)

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso
Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI). È stato Campione Europeo della 24h nel 2010 con 263 km, in occasione dei Mondiali di 24h di corsa su strada a Brive-la-Gaillarde (FRA), dove ha conquistato il bronzo ai mondiali, preceduto dall'americano Scott Jurek 266 km e dal giapponese Shingo Inoue 273 km. Il titolo femminile mondiale ed europeo è andato alla francese Anne Cecile Fontaine con 239 km che ha preceduto Monica Casiraghi231 km e la tedesca Julia Alter 230 km. Nella classifica per nazioni la squadra maschile dell'Italia vince il titolo Europeo ed è seconda al mondo dietro al Giappone e davanti agli Stati Uniti, mentre la squadra femminile è seconda al Mondo e all'Europa dietro alla Francia. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Ivan attraverso risposte ad alcune mie domande di qualche anno fa. Record italiano di 24h in 266,702 km ottenuto nel 2013 Matteo SIMONE  Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI).  È stato Campione Europeo della 24h (continua)

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)