Home > Altro > Secondo il Verizon 2016 Data Breach Investigations Report i cyber-criminali sfruttano la natura umana

Secondo il Verizon 2016 Data Breach Investigations Report i cyber-criminali sfruttano la natura umana

scritto da: S.certosa | segnala un abuso

Secondo il Verizon 2016 Data Breach Investigations Report i cyber-criminali sfruttano la natura umana


  L’edizione 2016 del Verizon Data Breach Investigations Report evidenzia come i cyber-criminali stiano continuando a sfruttare la natura umana utilizzando noti modelli di attacco come il phishing e aumentando il ricorso a ransomware.

 

Il report di quest’anno, infatti, segnala il perpetuarsi di modalità di violazione dei dati già riscontrate negli scorsi anni e che trovano terreno fertile nella fragilità umana. In particolare:

 

·         L’89% di tutti gli attacchi implica motivazioni finanziarie o di spionaggio;

·         La maggior parte degli attacchi sfrutta vulnerabilità conosciute ma irrisolte, nonostante le patch siano disponibili da mesi, se non addirittura anni. Infatti, le dieci vulnerabilità più conosciute hanno riguardato l’85% degli exploit di successo;

·         Il 63% delle violazioni di dati rilevate ha interessato l’utilizzo di password deboli, predefinite o sottratte.

·         Il 95% delle violazioni e l’86% degli incidenti di sicurezza segnalati rientra in sole  nove tipologie precedentemente individuate;

·         Gli attacchi ransomware sono in crescita del 16% rispetto ai dai riportati nel report del 2015;

·         Le difese di base sono, ancora oggi, gravemente assenti in diverse organizzazioni.

 

"Cresce l’importanza del Data Breach Investigations Report per le imprese, le forze dell’ordine e le agenzie governative, attestazione di un forte desiderio di essere sempre un passo avanti rispetto al crimine informatico”, ha affermato Chris Formant, Presidente, Verizon Enterprise Solutions. “Oggi più che mai, la collaborazione e il contributo evidenziato nel DBIR da parte delle organizzazioni di tutto il mondo è fondamentale per comprendere appieno il panorama delle minacce. La conoscenza è il primo passo quando si affronta questo tipo di minacce”.

 

 

Il phishing è il primo motivo di preoccupazione

 

Una modalità in sensibile ascesa rispetto allo scorso anno è il phishing, che si verifica quando un utente finale riceve un’e-mail da una fonte fraudolenta. È allarmante notare come nel 30% dei casi questi messaggi di phishing vengano aperti – un dato in crescita rispetto a quello registrato nel DBIR 2015 (23%) – e come il 13% di questi utenti abbia cliccato sull’allegato malevolo o sul link dannoso, permettendo l’infiltrazione di un malware e l’accesso dei cyber-criminali.

 

Negli anni precedenti, il phishing è stato un modello di attacco utilizzato esclusivamente per il cyber-spionaggio, ma nel report di quest’anno è presente in sette delle nove tipologie di incidenti individuate. Questa tecnica è estremamente efficace e offre agli attaccanti una serie di vantaggi, come tempi molto stretti di compromissione del sistema e la possibilità di concentrarsi su individui e organizzazioni specifiche.

 

Alla lista di errori commessi dal singolo individuo vanno aggiunti quelli perpetrati dalle organizzazioni stesse. Classificati come “errori di vario tipo”, questa tipologia di incidenti è al primo posto nella classifica delle violazioni di sicurezza individuate dal report di quest’anno. Infatti, il 26% di questi errori riguarda l’invio di dati sensibili al destinatario errato. Altri errori presenti in questa categoria sono: eliminazione non corretta di informazioni aziendali, errori nella configurazione dei sistemi informatici, furto o smarrimento di dispositivi come laptop o smartphone.

 

"Potremmo affermare che le nostre conclusioni riconducano tutte ad un tema comune - l'elemento umano", ha affermato Bryan Sartin, Executive Director, Verizon RISK Team. "Nonostante i progressi nella ricerca sull’information security e in termini di soluzioni e strumenti per la cyber-detection, continuiamo ad assistere agli stessi errori che conosciamo ormai da più di un decennio. C’è da chiedersi come sia ancora possibile”.

 

La rapidità con cui viene commessa un’azione di cybercrime rappresenta una tra le crescenti preoccupazioni dei ricercatori di Verizon nel campo della sicurezza. Nel 93% dei casi, gli attaccanti impiegano un minuto o meno per compromettere un sistema, mentre il furto di dati si verifica in pochi minuti nel 28% dei casi.

 

Nel report di quest’anno, così come già rilevato nell’edizione 2015 dello studio, la compromissione di dispositivi mobili o dell’Internet of Things non rappresenta un fattore significativo. Tuttavia, l’edizione 2016 del DBIR evidenzia come esistano già una serie di prototipi di exploit e che si tratta perciò solo di una questione di tempo prima che si verifichi una violazione su più larga scala che coinvolga dispositivi mobili e IoT. Ciò significa che le organizzazioni non possono abbassare la guardia e devono proteggere i propri smartphone e i vari oggetti connessi.

 

Importante notare, inoltre, che gli attacchi alle applicazioni web sono saliti al primo posto nella classifica delle violazioni di dati e che il 95% delle violazioni di questo tipo sono legate a motivazioni finanziarie.

 

Cresce l’attacco a tre fasi

 

Il report di quest’anno definisce la diffusione, con grande regolarità, di una modalità di attacco a tre fasi. Numerose aziende diventano preda di questa tipologia d’attacco, che comprende:

 

·         L’invio di una mail di phishing che include un link a un sito web dannoso o, principalmente, un allegato malevolo;

·         Il download del malware sul PC dell’utente, punto d’accesso iniziale, mentre malware aggiuntivi possono essere utilizzati per individuare documenti segreti, sottrare informazioni interne (spionaggio) o crittografare file a scopo di estorsione. Nella maggior parte dei casi, il malware ruba le credenziali di numerose applicazioni attraverso un key-logging.

·         L’uso di credenziali per futuri attacchi, come l’accesso, ad esempio, a siti web di terze parti come banche o siti di e-commerce.

 

"L'obiettivo è capire come i cyber-criminali operino", ha affermato Sartin. "Avendo individuato le modalità utilizzate, siamo in grado di prevenire, rilevare e rispondere al meglio agli attacchi”.

 

 

Il report del 2016 ribadisce la necessità di una buona protezione di base

 

I ricercatori notano come misure di base ben implementate continuino ad essere più importanti di sistemi complessi. Una buona protezione comprende le seguenti regole:

 

·         riconoscere quali sono i modelli di attacco più comuni nel proprio settore di appartenenza;

·         utilizzare l'autenticazione a due fattori per i propri sistemi. Incoraggiare gli utenti ad utilizzare l’accesso a due fasi per le applicazioni di social networking;

·         applicare rapidamente le patch;

·         monitorare tutti gli accessi: esaminare i log-in per identificare più facilmente le attività dannose;

·         crittografare i dati: se i dispositivi rubati sono criptati, è molto più difficile, per gli attaccanti, accedere ai dati;

·         formare il personale: sviluppare la consapevolezza della sicurezza all'interno della propria organizzazione è fondamentale, dato soprattutto l’incremento nel numero di attacchi di phishing;

·         conoscere i dati e proteggerli di conseguenza, limitando anche l’accesso.

 

"Il report di quest'anno dimostra ancora una volta che non esiste un sistema che si possa definire impenetrabile: spesso, però, anche una difesa di base è in grado di scoraggiare i cyber-criminali, che cercheranno, quindi, un bersaglio più facile”, ha aggiunto Sartin.

 

 

La serie di Data Breach Investigations Report si basa su casi reali

 

Giunto al nono anno di pubblicazione, l’edizione 2016 del Data Breach Investigations Report analizza oltre 2.260 violazioni accertate e circa 100.000 incidenti di sicurezza segnalati – il dato più alto fin dalla creazione del report nel 2008. Negli oltre undici anni dello studio, il totale delle violazioni registrate è superiore ai 10.000 casi con quasi 300.000 incidenti di sicurezza individuati. Per comprendere al meglio il panorama della cyber-sicurezza, il DBIR include anche gli incidenti di sicurezza che non hanno dato origine a violazioni. Verizon è tra le 67 organizzazioni di tutto il mondo che hanno fornito dati e analisi per il report di quest’anno.

 

Per scaricare il report

 

Il Data Breach Investigations Report 2016 può essere scaricato integralmente, insieme a grafici in alta risoluzione e risorge aggiuntive, dal DBIR Resource Center.

 

Verizon offre ineguagliabili servizi gestiti di sicurezza

 

Verizon è leader nella fornitura di soluzioni globali gestite di sicurezza per imprese dei settori finanziario, retail, pubblica amministrazione, tecnologia, sanitario, manifatturiero, trasporti ed energetico. Verizon combina un’importante attività di intelligence e analisi con un’ampia offerta di servizi di sicurezza gestiti e consulenza professionale, inclusi attività di sicurezza avanzate e personalizzabili e servizi di protezione contro le minacce, monitoraggio e analisi di soluzioni tecnologiche commerciali avanzate, rapid incident response, investigazioni forensi, e gestione delle identità. Verizon può contare su competenze ed esperienza di oltre 550 consulenti in tutto il mondo per ridurre proattivamente le minacce alla sicurezza e rendere più sicure le organizzazioni.

 

 

Per maggiori informazioni, visitate il link:  http://www.verizonenterprise.com/solutions/security/.

 

Per approfondimenti continui sulla sicurezza e analisi di alcuni dei più noti esperti di sicurezza al mondo, potete leggere il nostro Verizon Security Blog.



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L'intervista a Erno Rossi per i suoi 40 anni di professione...


Lo strano caso del Dottor Chances


Robinson Jr.


La vita in piazza di Maria Concetta Distefano


Le violazioni dei dati diventano più complesse, pervasive e dannose: a dirlo è il 2017 Data Breach Digest di Verizon


Cyber-spionaggio e ransomware sono in crescita: è l’allarme lanciato dal Verizon 2017 Data Breach Investigations Report


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La solidarietà e la sostenibilità al centro della ripartenza scolastica

La solidarietà e la sostenibilità al centro della ripartenza scolastica
La solidarietà e la sostenibilità al centro della ripartenza scolastica La pandemia ha cambiato il funzionamento e la gestione delle attività di molte scuole, come dimostra la St. Louis School di Milano che sta insegnando ai suoi studenti la consapevolezza sociale e diversi possibili interessi professionali. Come risultato, quest’anno alcuni studenti di scuola superiore iscritti al percorso di Diploma IB (International Baccalaureate) gestiranno in prima persona un pro (continua)

Verizon e Hitachi insieme per facilitare la trasmissione dei Rich Media Data

Verizon e Hitachi insieme per facilitare la trasmissione dei Rich Media Data
 Verizon Business Group annuncia oggi Virtual Network Services (VNS) – una soluzione di WAN Optimization dotata di ONEx unica nel suo genere che, a differenza di altre soluzioni di ottimizzazione WAN, migliora la trasmissione di dati aziendali globali senza la necessità di installare software endpoint o hardware dedicato. La Virtual Network Services (VNS) - WAN Optimization di Ve (continua)

Grazie al nuovo fundraising, Deepki accelera la sostenibilità nel settore real estate

Grazie al nuovo fundraising, Deepki accelera la sostenibilità nel settore real estate
  A cinque anni dalla fondazione, Deepki ribadisce l’intenzione di diventare leader europeo nella raccolta e analisi dati per la transizione ambientale e digitale nell’immobiliare. In Italia previsti 3 milioni di investimenti   Deepki, azienda innovativa che utilizza i dati esistenti per ottimizzare la sostenibilità del settore immobiliare, ha annunciato oggi il n (continua)

atSistemas arriva in Italia

atSistemas arriva in Italia
Milano, 26 giugno 2019 - atSistemas, società spagnola di consulenza per i servizi digitali, presente sul mercato dal 1994, approda in Italia (Milano) con l'obiettivo di posizionarsi come uno dei principali interlocutori del settore IT nel paese. Con oltre 1300 dipendenti e circa 58 milioni di euro di fatturato annuo, atSistemas propone un'offerta di servizi integrati volti ad aiutare (continua)

CorelDRAW Home & Student Suite 2019: un potente software per la grafica e il fotoritocco a un prezzo accessibile

CorelDRAW Home & Student Suite 2019: un potente software per la grafica e il fotoritocco a un prezzo accessibile
  Corel annuncia la nuova CorelDRAW® Home & Student Suite 2019, l’ultima edizione della popolare suite di grafica e fotoritocco per gli appassionati e gli studenti. Scegli CorelDRAW Home & Student Suite per esprimere il tuo lato creativo. Realizza loghi, progetti fotografici, grafica per i social media e qualunque cosa tu riesca a immaginare con questo pacchetto completo pe (continua)