Home > Scuola e Università > Come mettere in sicurezza le strutture scolastiche

Come mettere in sicurezza le strutture scolastiche

articolo pubblicato da: AIFUS | segnala un abuso

Come mettere in sicurezza le strutture scolastiche

 

Si terrà un convegno gratuito a Roma il 24 maggio 2016 per parlare dell’edilizia scolastica e dell’occasione, offerta dalla legge di stabilità 2016, per mettere in sicurezza le strutture scolastiche.

 

Sono molti gli incidenti avvenuti in questi anni nelle scuole a causa del degrado strutturale degli edifici scolastici, un degrado dipendente da molti fattori, ma spesso imputabile ad una carente manutenzione e ad una sottovalutazione dei rischi per studenti e lavoratori della scuola. E questi incidenti avvengono in un ambiente, quello scolastico, che dovrebbe invece diffondere il valore della prevenzione e della sicurezza tra le nuove generazioni.

 

Per poter mettere in sicurezza le scuole italiane, per renderle “scuole sicure”, è necessario mettere a disposizione idonee risorse per i lavori di manutenzione necessari. E la legge n. 208 del 28 dicembre 2015 (chiamata anche “legge di stabilità 2016”), concernente le “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” ha previsto uno stanziamento dal 2016 al 2021 di importanti risorse per l’edilizia scolastica.

 

Proprio perché queste risorse possano essere l’occasione per mettere finalmente in sicurezza le strutture scolastiche, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) promuove a Roma il 24 maggio 2016 il convegno di studio e approfondimento “Edilizia scolastica nella legge di stabilità 2016”.

 

Il tema del convegno partirà dalla situazione dell’edilizia scolastica italiana, con particolare riferimento alla situazione nella regione Lazio e a Roma, per arrivare a descrivere le nuove possibilità che offre la legge di Stabilità 2016.

 

Il comma 754 dell’articolo 1 della legge assegna un contributo in favore delle Province e delle Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario, un contributo finalizzato al finanziamento delle spese connesse alle funzioni relative alla visibilità e all’edilizia scolastica pari a:

- 495 milioni di Euro per l’anno 2016;

- 470 milioni di Euro per ciascuno degli anni dal 2017 al 2020;

- 400 milioni di Euro annui dal 2021.

 

È stata inoltre prevista la destinazione di ulteriori risorse - rispetto a quelle stanziate per il triennio 2014-2016 per gli interventi del piano di messa in sicurezza degli edifici scolastici - per 50 milioni di Euro, nell’ambito degli investimenti immobiliari dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail) previsti dal piano di impegno dei fondi disponibili per la realizzazione di scuole innovative.

 

Siamo dunque di fronte ad un’occasione da non perdere per mettere in sicurezza le scuole italiane, un’occasione che deve essere sfruttata accompagnando gli interventi edilizi con un’efficace azione di diffusione della cultura della sicurezza.

 

Di questi temi si parlerà dunque nel convegno “Edilizia scolastica nella legge di stabilità 2016” che si terrà a Roma il 24 maggio 2016 - dalle ore 9.30 alle ore 13.00 – presso il Liceo Statale "Terenzio Mamiani", in viale delle Milizie 30.

 

Il programma del convegno:

 

9.30 Apertura dei lavori e saluti istituzionali

- Dott.ssa Tiziana Sallusti, Dirigente scolastico del Liceo T. Mamiani

 

10.30 Interventi

- Dirigente Ufficio Scolastico Regionale: “Il contributo della Regione Lazio nella riqualificazione dell’edilizia scolastica”;

- Ing. Paolo D’Aprile, Direttore area tecnica Impiantistica - ASL RM2: “La normativa sulla sicurezza e l’edilizia sociale nell’esperienza delle ASL”;

- Arch. Luigi Prestinenza Puglisi, Consulenza Tecnica Edilizia INAIL: “Il contributo INAIL alla messa in sicurezza delle strutture scolastiche”;

- Ing. Marco Simoncini, Dirigente Città metropolitana Roma - Edilizia scolastica zona nord;

- Dott. Stefano Massera, Contarp INAIL: “L’attività di prevenzione dei rischi nell’edilizia scolastica e la mappatura dell’amianto”;

- Dott. Francesco Naviglio, Segretario Generale AiFOS: “La formazione sulla sicurezza come strumento di prevenzione e preparazione al mondo del lavoro”;

- Arch. Cristina Maiolati, Consulenza Tecnica Edilizia INAIL: “Le esigenze del patrimonio scolastico italiano alla luce della Legge Stabilità 2016”.

 

12.30 Question time

 

13.00 Conclusioni

- Prof. Rocco Vitale, Presidente AiFOS

 

Questo è il link per il programma e l’iscrizione all’evento: http://aifos.org/home/eventi/intev/convegni_aifos/edilizia-scolastica-legge-stabilita

 

Si ricorda che il convegno è gratuito, ma con iscrizione obbligatoria, e a tutti i partecipanti verrà consegnato un Attestato di presenza valido per il rilascio di 2 crediti Formatori area tematica n. 2 – Rischi Tecnici.

 

 

Per informazioni e iscrizioni al convegno:

Direzione Nazionale AiFOS: via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it - convegni@aifos.it   

 

 

05 maggio 2016

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

sicurezza | scuola | Roma | edilizia | convegno |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Easystand: la risposta alle strutture modulari


Antonio Valente Anas a, il DM 5/11/01 sulle geometrie delle strade, il DM 14/09/2006


L’Italia è stata una delle prime nazioni europee a riconoscere le gallerie come un luogo a maggior rischio per la circolazione stradale e nel settembre 1999,ANTONIO VALENTE ANAS


Progetti di sicurezza 2020: promozione e supporto della prevenzione


Una “Buona Scuola” per la salute e la sicurezza?


I dati sulla sicurezza e la formazione negli istituti scolastici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Come fare formazione con le metodologie esperienziali?

Come fare formazione con le metodologie esperienziali?
Come fare formazione con le metodologie esperienziali?   Si terrà a Brescia un ciclo di tre giornate tra marzo e giugno 2020 per realizzare percorsi formativi in materia di salute e sicurezza con l’utilizzo di metodologie esperienziali.   Esistono dei percorsi formativi in grado di fornire le basi della formazione esperienziale? Quali sono gli strumenti che si possono (continua)

L’interculturalità come risorsa per la formazione e la sicurezza

L’interculturalità come risorsa per la formazione e la sicurezza
L’interculturalità come risorsa per la formazione e la sicurezza   Il 9 marzo 2020 si terrà a Milano un convegno gratuito per affrontare il tema della multiculturalità nel mondo del lavoro, per migliorare l’inclusione lavorativa e trasformare le differenze in risorse.   Secondo alcune stime dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) n (continua)

Rivoluzionare la formazione con il Safety Barcamp 2020

Rivoluzionare la formazione con il Safety Barcamp 2020
Rivoluzionare la formazione con il Safety Barcamp 2020   Il 28 febbraio 2020 a Roma si terrà la prima edizione del Safety Barcamp: una giornata formativa innovativa per condividere e confrontare le esperienze. Un primo elenco di workshop in programma.   Vuoi rendere la formazione veramente efficace, ma non sai da dove iniziare? Desideri migliorare realmente le tue competenze (continua)

Gestione dell’ambiente e certificazioni ambientali

Gestione dell’ambiente e certificazioni ambientali
Gestione dell’ambiente e certificazioni ambientali   Due corsi tra febbraio e marzo forniscono utili strumenti di lettura nella gestione delle complesse problematiche ambientali in azienda e informazioni necessarie per guidare l’azienda verso l’ottenimento della certificazione ambientale.   In questi ultimi decenni è notevolmente aumentata la sensibilit&agr (continua)

Sicurezza sul lavoro: un nuovo anno tra speranze e realtà

Sicurezza sul lavoro: un nuovo anno tra speranze e realtà
Comunicato Stampa   Sicurezza sul lavoro: un nuovo anno tra speranze e realtà   Il bilancio del 2019 e le criticità da affrontare nel 2020 per migliorare realmente la tutela della salute e sicurezza sul lavoro in Italia. A cura di Rocco Vitale, presidente di AiFOS e sociologo del lavoro.   Il bilancio dell’anno appena passato dovrebbe portare, alla luce d (continua)