Home > Libri > Crescere l'amore di Romana Caruso Mariani

Crescere l'amore di Romana Caruso Mariani

scritto da: Rc | segnala un abuso

Crescere l'amore di Romana Caruso Mariani


È in libreria per i tipi della Cinquesensi Editore Crescere l’amore di Romana Caruso Mariani, medico chirurgo, psichiatra e psicoterapeuta che da anni si occupa del disagio di adulti e di bambini. Appassionata di divulgazione collabora con i media ed è autrice di libri. In Italia è tra i pionieri della psichiatria perinatale applicata alla clinica, campo in cui continua a creare e sperimentare nuove tecniche di osservazione e di prevenzione del disagio tanto nei setting tradizionali che nei contesti della quotidianità. È tra i fondatori dell’associazione no profit Ilsorrisodeibimbi di cui è responsabile scientifico e coordinatore dell’attività clinica, divulgativa e culturale.

Crescere l'amore è dedicato ai genitori e a coloro che si occupano della meravigliosa avventura della cura dell’emotività dei piccoli. Può essere una lettura utile, però, anche per chi dei bambini non si interessa direttamente.
Un libro per tutti. Per riflettere su come si è costruita la nostra interiorità, comprenderci meglio e essere migliori. Occuparsi della salute globale del bambino è, infatti, anche una responsabilità sociale. Il benessere di un piccolo è un patrimonio per la famiglia e per la collettività, oggi e domani. Stare bene vuole dire salute, serenità, stabilità, redditività, abbattimento delle spese. Vuole dire crescere, dentro e fuori.

Un bel sorriso di un bimbo, dunque, è il sorriso della sua famiglia e il sorriso di tutta la società.

Quello che questo libro racconta nasce dalla ventennale esperienza maturata nel campo della ricerca clinica in perinatalità - ossia dal lavoro con mamme e papà che pensano, attendono o hanno un bambino - e della diagnosi e cura di adulti e bambini in difficoltà e dei “bimbi da ascoltare” racchiusi dentro di loro. Un mix variegato e complesso, come quello dell’attività clinica in psicologia e psichiatria. Che cerca di essere esemplificato in modo semplice e scientificamente corretto.

Il contenuto non è quello di un libro di ricette su “come fare” il genitore o l’educatore perfetto. Non un vademecum per ottenere un risultato, quello che istintivamente molti genitori cercano. In studio, nei gruppi di incontro, alle conferenze, qualcuno chiede sempre “come si fa” ad essere bravi. E la letteratura è ricca di pubblicazioni, molto diffuse e poco utili, quando non pericolose, che cercano di dare una risposta.

Le risposte preconfezionate chiudono la comprensione dell’animo dell’essere umano. L’intento di questo lavoro, invece, è offrire una guida essenziale che permetta di acquisire alcune nozioni fondamentali della psicologia dei piccoli e dei loro genitori. Insegnando a porci alcune domande. Ottenendo le risposte con cui sia possibile costruire solidamente il proprio modo, unico e originale, per essere mamma e papà, con la libertà e la creatività che solo l’amore può dare. Attraverso un piccolo ma strabiliante, cambio di prospettiva: osservare e comprendere quanto succede nella vita con gli occhi del cuore, oltre che con quelli della mente. Sentirlo dentro, in profondità.

Sentire distintamente quanto abbiamo dentro significa ascoltare le emozioni: la logica delle emozioni apre un mondo a parte e infinitamente affascinante senza conoscere il quale è assolutamente impossibile essere persone complete; conoscere bene se stessi e gli altri; essere in grado di aiutare a crescere i bambini; sciogliere le loro grandi e piccole difficoltà, soprattutto quando sono molto piccoli.

Ecco allora la prima tappa del viaggio che propone questo lavoro: per favorire la costruzione del cuore e della capacità di amare dei piccoli occorre conoscere e imparare ad ascoltare le emozioni che vivono nel loro profondo.

E la seconda: le emozioni dei fanciulli si plasmano su quelle dei loro genitori e di chi si prende amorevolmente cura di loro. L’emotività degli adulti, infatti, è la guida anche della crescita emotiva e può favorirla o, inconsapevolmente, ostacolarla. Osserveremo che i bambini sono bravissimi fin dalla nascita a cogliere le caratteristiche della personalità di chi li ama. E si specializzano da subito a raccogliere le vibrazioni di aspetti del carattere degli adulti che questi non vedono, o cercano di non vedere. E con queste parti recondite interagiscono fin dalla nascita, e anche prima, per creare insiemi sempre straordinari, anche se non sempre funzionali allo sviluppo armonico della loro personalità. Ecco perché è necessario passare al setaccio alcune modalità espressive delle emozioni degli adulti, quelle più importanti per lo sviluppo dell’emotività che nasce, si sviluppa, cresce.

Parola chiave di questo percorso è prevenzione: vedere prima o, per lo meno in tempo, agli albori della vita, i segnali precoci di qualche insicurezza o piccola difficoltà. Accorgersene e ascoltarne fino in fondo il significato. Svelare delicati microscopici intrecci di legami che possono creare limitanti catene. Per liberare tutti, adulti e bambini. Un lavoro intenso per mamma e papà, che sempre si traduce in un grosso guadagno.

Le emozioni sono il tesoro più prezioso di ogni essere umano. Serenità emotiva vuole dire stare bene dentro, ma anche favorire la salute fisica. E quella intellettiva. Benessere globale, sorriso del cuore, del corpo, della mente. Le pagine sono scritte con linearità: ricostruito direttamente dal lavoro clinico, il canovaccio del lavoro utilizza infatti le parole dei bambini, dei loro genitori, delle persone che giungono a chiedere aiuto in diverse fasce di età.

Pochi capitoli, tanta essenzialità: una guida, infatti, apre solo la strada. L’ambizione è aprire il varco del viaggio più bello, unico e irripetibile, quello all’interno di ciascuno di noi. 


Fonte notizia: http://www.editore.cinquesensi.it


Amore | bambini | Famiglia | prevenzione | Psichiatria | letteratura | Università | Brescia | Il sorriso dei bimbi | Romana Caruso |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea

EXPOARTE Montichiari-Brescia: un maggio tra arte moderna e contemporanea
L’arte moderna e contemporanea torna ad animare in un weekend primaverile il Centro Fiera del Garda di Montichiari. L’appuntamento per questa edizione di EXPOARTE è l’11-12-13 maggio 2019. Giunta alla sua terza edizione, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucca, Direttore Artistico anche di PaviArt, la kermesse bresciana dedicata all’arte non si propone solo come una grande mostra-mercato d (continua)

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale

Erk14 a Napoli tra neo-pop e concettuale
Il 27 dicembre 2018 presso gli spazi espositivi di Palazzo Fondi in Via Medina 24, Napoli, verrà presentata la mostra personale di ERK14, tra neo-pop e concettuale. L’artista napoletano attivo tra Roma, Milano e Napoli, dopo una lunga formazione nel campo del design e della moda ha realizzato una serie di opere che nascono dall’ibridazione dei linguaggi e dalla costante ricerca sulle simbologi (continua)

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano

Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi - Milano
Bruno Di Bello torna protagonista alla Fondazione Marconi con una mostra che mette a confronto opere degli anni Settanta e Ottanta, eseguite con tecniche foto/grafiche, con lavori degli ultimi anni, tra cui figurano i grandi trittici del 2016 e 2017, opere realizzate al computer e stampate su tela Fine Art. “Vedo questa nuova fase dell’opera di Di Bello fortemente protesa con lo Zeitgeist iniz (continua)

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura

PaviArt 2018: un weekend di maggio tra arte e cultura
Il 12 e 13 maggio il Palazzo delle Esposizioni di piazzale Europa si animerà ancora una volta, trasformandosi in una grande galleria collettiva, luogo di incontri e di opportunità. Sono 60 le prestigiose gallerie italiane che anche per questa edizione porteranno a PaviArt un’ampia rosa di artisti selezionati tra le migliori firme italiane e straniere, sotto la direzione artistica di Giovanni Zucc (continua)

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello

Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello
Eidos Immagini Contemporanee partecipa a Miart 2018 con un progetto speciale e site specific (come peraltro abitudine della galleria nell’arco delle sue partecipazioni a Miart e non solo): quest’anno il tema è Corpo, performance, gesto e luce: Arnulf Rainer e Bruno Di Bello A confronto la produzione dei due autori a cavallo degli anni 70 e 80, periodo in cui sperimentano l'azione performativa con (continua)