Home > Altro > Tarquinia riserva una grande accoglienza al vescovo monsignor Luigi Marrucci.

Tarquinia riserva una grande accoglienza al vescovo monsignor Luigi Marrucci.

scritto da: Daniele Aiello Belardinelli | segnala un abuso

Tarquinia riserva una grande accoglienza al vescovo monsignor Luigi Marrucci.


E' stata una splendida festa la cerimonia di benvenuto per il nuovo vescovo della diocesi di Civitavecchia e Tarquinia monsignor Luigi Marrucci. Accolto e accompagnato dal sindaco Mauro Mazzola nella sala consiliare del palazzo comunale, a causa la pioggia battente che ha cambiato il programma dei festeggiamenti, monsignor Marrucci è stato applaudito a lungo dalla folla. A omaggiarlo le massime autorità civili, religiose e militari. Presenti tra gli altri gli assessori della Giunta Comunale, il sindaco di Civitavecchia Gianni Moscherini, le delegazioni dei comuni appartenenti alla Diocesi, il presidente dell’Università Agraria Alessandro Antonelli e il consigliere provinciale Alfio Meraviglia. Nutrita la partecipazione delle associazioni del mondo del volontariato tarquiniese, tra cui le rappresentanze della Protezione Civile, della Croce Rossa e dell’Unitalsi. Il sindaco Mazzola ha salutato monsignor Marrucci con parole di speranza per il futuro di Tarquinia e di profonda stima, certo che tra Amministrazione e Diocesi, nel rispetto delle reciproche competenze, verrà stretto un rapporto di proficua collaborazione: «Lei giunge in una città consapevole della propria storia millenaria, del proprio grande patrimonio culturale e artistico, delle proprie risorse ambientali e territoriali e della propria ricchezza umana. Grazie alle esperienze maturate nel sociale e nel volontariato, sono certo che saprà creare uno straordinario e intenso legame con la nostra comunità». Il primo cittadino ha ricordato le figure di monsignor Carlo Chenis, «uomo amato dai cittadini e che amava essere tra loro», e di Sergio Benedetti, «un amico e una persona benvoluta e stimata da tutti», e ha poi ringraziato monsignor Gino Reali «che ha assolto il difficile compito di Amministratore Apostolico della Diocesi». Commosso per la calorosa accoglienza monsignor Marrucci, che nel suo discorso ha citato il canto XIII dell’Inferno di Dante per parlare della Maremma: «Mai avrei pensato di essere inviato dalla Provvidenza in questa comunità come pastore e padre. Sarò la sentinella della Maremma, da Cecina a Corneto, per promuovere una cultura dell’accoglienza e della tolleranza, perché le persone possano aprirsi al prossimo e aiutarsi in modo fraterno». Il vescovo, rivolgendosi al sindaco Mazzola, ha accolto con grande disponibilità l’invito alla collaborazione: «La cooperazione tra Istituzioni è indispensabile, nel rispetto delle proprie funzioni, per garantire il benessere della comunità, fine superiore a cui tutti devono volgersi». Al termine dell’intervento il presidente dell’Università Agraria Antonelli ha donato a monsignor Marrucci, a nome dell’Ente, un dipinto del pittore Brian Mobbs raffigurante un buttero a cavallo, mentre la banda “Giacomo Setaccioli” ha proposto alcuni brani musicali del suo repertorio ricevendo il vivo apprezzamento del prelato. I festeggiamenti si sono infine spostati nel Duomo di Tarquinia. Qui, accolto dalle bandiere bianche dei giovani ospiti della Comunità Mondo Nuovo e a lungo applaudito dai fedeli, il vescovo ha celebrato la solenne cerimonia eucaristica, suggellando una giornata da ricordare.

Tarquinia | vescovo Luigi Marrucci | sindaco Mauro Mazzola |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Monsignor Gianni Carrù, la scoperta archeologica del sottosuolo di Ardea


Tarquinia pronta ad accogliere il nuovo vescovo monsignor Luigi Marrucci.


Inaugurate le nuove sale del Museo d’Arte Sacra di Tarquinia intitolato al vescovo Carlo Chenis.


Monsignor Gianni Carrù, Il culto del patrono dei chierichetti


Presentata la III edizione del Belcanto Festival “Vincenzo Pucitta”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Concerto di Natale “Suoni per il Mondo – 1MattonexBatouri”

Concerto di Natale “Suoni per il Mondo – 1MattonexBatouri”
Semi di Pace si prepara già a un Natale all’insegna della solidarietà. L’associazione, insieme alla Bonifazi Franchising Immobiliare, brucia i tempi e presenta il concerto Suoni per il Mondo – 1mattonexBatouri, in programma il 10 dicembre, alle ore 21, nello splendido duomo di Narni. Patrocinato dal Comune di Narni e dalla Diocesi di Terni-Narni-Amelia, il concerto vedrà esibirsi Cristiana Pegor (continua)

L’Accademia Tarquinia Musica firma una convezione con il CET di Mogol

L’Accademia Tarquinia Musica incontra il CET, il Centro Europeo di Toscolano, eccellenza della musica pop italiana fondata da Mogol (Giulio Rapetti). Il 27 gennaio la presidente dell’Istituzione musicale della città etrusca, Roberta Ranucci, e il presidente del CET, Mogol, hanno firmato la convenzione per attivare una collaborazione didattica. È la prima volta che il CET sigla un accordo con u (continua)

Gli etruschi a San Valentino

A San Valentino facciamoci sedurre dagli etruschi, con un itinerario tra le più belle tombe dipinte della necropoli di Tarquinia (VT). Il 14 febbraio, giorno degli innamorati, Artetruria dedicherà, alle coppie, una suggestiva visita alle tombe delle Pantere, del Barone, dei Tori, degli Auguri e Aninas (necropoli Secondi Archi e Scataglini). Scendendo negli ipogei i visitatori, grazie alle puntua (continua)

Quarta edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”

Quarta edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”
Con il concerto del Quartetto Delifico, il 31 gennaio (ore 17), si alzerà il sipario sulla quarta edizione della Rassegna “Il Quartetto d’Archi”, ideata e organizzata dalla Fondazione Etruria Mater, con la preziosa collaborazione della Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e del Comune di Tarquinia. Quest’anno, oltre al Quartetto Delfico, suoneranno altri tre straordina (continua)

Tra Acropoli e Necropoli, il fascino dell’arte etrusca a Tarquinia

I pochi che avevano perso l’occasione di conoscere la Tarquinia (VT) degli Etruschi, per il ponte dell’Immacolata, avranno modo di rifarsi il 2 e 3 gennaio 2016, perché Artetruria riproporrà l’iniziativa che tanto successo ha avuto tra il 6 e l’8 dicembre. «Il grande riscontro avuto ci ha spinto a fare il “bis”. - sottolineano le guide dell’associazione - Così sarà di nuovo possibile percorrer (continua)