Home > Sport > LA 10ª VERONA MARATHON ALL’INSEGNA DEL KENYA. ALBERT MATEBOR KIPLAGAT E LA JEROTICH IN TRIONFO

LA 10ª VERONA MARATHON ALL’INSEGNA DEL KENYA. ALBERT MATEBOR KIPLAGAT E LA JEROTICH IN TRIONFO

scritto da: Newspower | segnala un abuso


 La 10.a edizione registra la grande prestazione del kenyano, sotto le 2h.10’

Vittoria di Rebecca Jerotich (Ken) fra le donne, quarta e prima delle italiane Monica Carlin

Nella Half Marathon successi di Lorenzo Villa ed Eufemia Magro

Ben seimila runners ai nastri di partenza

 

 

Una Verona chiusa alle macchine e completamente dedicata ai podisti ha vissuto una domenica diversa, nel segno della regina di tutte le corse: la maratona. Due le possibilità a disposizione degli iscritti: la classica Verona Marathon di 42,195 km oppure la Giulietta & Romeo Half Marathon sulla mezza distanza. Ma oltre a questo doppio evento, capace di raccogliere ben 6.000 iscritti (duemila sulla distanza lunga, 4.000 sulla breve), c’è spazio per famiglie, amatori e tutti gli amanti dello sport con la meno impegnativa Family Run, sulla tripla distanza di 4, 7 e 13 km.

L’evento clou però non può che essere la maratona, scattata alle 9.00 in punto con tutti i fari puntati sull’uomo del giorno, e non a caso anche pettorale numero uno della corsa; il formidabile kenyano Albert Matebor Kiplagat, capace di un personale di 2:09.33 che gli organizzatori sperano di avvicinare e chissà, magari anche battere, mettendogli a disposizione ben tre lepri. Il loro compito è di tirare circa dieci chilometri a testa, aiutando Kiplagat a preservare il più possibile le proprie energie fino al momento più critico della gara, il 30° chilometro.

Avvio di buon passo, dunque, con passaggio al decimo km in perfetta linea con gli intenti (31 minuti circa), poi via via la selezione, con tempi a metà gara di 1:05.20 e al 25° km di 1:17.30.

Poi il momento clou al km 28 inoltrato, con l’ultimo pacemaker che si ferma esausto e Matebor che innesca il turbo e lascia sul posto tutti i rivali. Sono tremila metri da brivido quelli che portano al 32°, con Kiplagat che piazza un parziale di 8’50” capace di annichilire tutta la concorrenza, riportando il kenyano sui ritmi preventivati (o sarebbe meglio dire sperati) alla partenza.

A sette chilometri dalla conclusione il battistrada appare ferocemente determinato ad abbattere il proprio personale e transita con quasi un minuto di vantaggio sul secondo, il connazionale Philemon Kipchumba Kisang. Il finale è un crescendo spettacolare, con Kiplagat che taglia il traguardo in 2:09.16; ben 17 secondi sotto il proprio record e con due minuti secchi di vantaggio sull’ottimo secondo, Kisang (2:11.11). A conti fatti il kenyano ha chiuso la seconda frazione di gara in 1:03.56, quasi un minuto e mezzo meglio della prima metà corsa dietro alle lepri. Segno non solo di intelligenza tattica, ma anche di possibili margini di miglioramento ulteriori. Un tempo di assoluto valore anche solo sulla corta distanza della maratonina.

Sul gradino più basso del podio si piazza l’etiope Mohammed Theman in 2:12.45, davanti all’altro kenyano Chemchir e al primo della nutrita pattuglia di eritrei, Abdlaziz, che regola in volata il delusissimo connazionale Filmon, crollato nel finale dopo essere passato terzo al trentacinquesimo km. Per tutti e quattro un tempo sotto le due ore e 13. Si deve attendere più di un quarto d’ora per veder arrivare il ternano Tommaso Vaccina, che con 2:29.15 si aggiudica il trofeo riservato al primo italiano.

Qualche minuto dopo è il momento delle donne, con l’arrivo di un’altra kenyana, Rebecca Tallam Jerotich, che con il tempo di 2:35.56 completa il trionfo dei corridori degli altipiani, precedendo di cinque e dieci minuti rispettivamente le due etiopi Getahun e Antonios. Ottimo il quarto posto della trentina Monica Carlin (Brema Running Team) in 2:47.06, la quale precede un’altra italiana, la ferrarese Marina Zanardi, quinta in 2:54.29.  

Tra gli arrivi delle due gare si inserisce frattanto anche il vincitore della mezza maratona, il sassuolese Lorenzo Villa (Podistica Madonna di Sotto), che con 1:11.02 precede di soli 8 secondi il trentino dell’Atletica Clarina Simone Wegher e il bresciano Gianluigi Contessi (Atletica di Lumezzane). Gara femminile dominata invece da Eufemia Magro (A.S.D. Dragonero) in 1:21.53, davanti a Martina Dogana della Marathon Cremona e alla milanese Donatella Vinci (Road Runners Club).

Si chiude così una riuscitissima edizione del decennale, tra i sorrisi di pubblico e atleti, felici anche per essere stati risparmiati dalla pioggia incombente e temuta dai più. Appuntamento alla XI edizione.

Info: www.veronamarathon.com

 

Link Immagini TV:

http://www.broadcaster.it/direct-download/veronamarathon-2011?hash=37f11996e1e7227fe6ba5c49386418e0fa8b821520a1be4f0d9f0eb6043d8025&type=single

 

Classifiche:

 

Verona Marathon

 

Maschile:

1) Kiplagat Albert Matebor (Keep Moving) 2.09.16; 2) Kisang Philemon Kipchumba (Tropheo) 2.11.11; 3) Theman Mohammed (Etiopia) 2.12.45; 4) Chemchir Michael (Tropheo) 2.12.52; 5) Abdlaziz Mohammed Saleh (Eritrea) 2.12.57; 6) Filmon Kidane Haile (Eritrea) 2.12.59; 7) Samoei Micah Kiplagat (Run 2 Gether) 2.14.32; 8) Kemboi Edwin Kipchirchir (Run 2 Gether) 2.14.40; 9) Tesfaldet Ghebrehiwet Ber (Eritrea) 2.15.59; 10) Kurui Joshua Kipruto (Run 2 Gether) 2.16.42

 

Femminile:

1) Jerotich Rebecca Tallam (Kenia) 2.35.56; 2) Getahun Etaferhu Tarkegn (Team Etiopian) 2.40.43; 3) Antonios Anamo Mihiret (Etiopia) 2.45.24; 4) Carlin Monica (Brema Running Team) 2.47.06; 5) Zanardi Marina 2.54.29.

 

 

Giulietta&Romeo Half Marathon

 

Maschile:

1)Villa Lorenzo (Pod. Madonna di Sotto) 1.11.02; 2) Wegher Simone (Atl. Clarina Trentino) 1.11.10; 3) Contessi Gianluigi (Atl. Lumezzane) 1.11.41; 4) Dal Bosco Eibaner Giuseppe (Fond. Bentegodi) 1.12.10; 5) Bressanelli Ivan (GP Legnami Pellegrinelli) 1.12.59

 

Femminile:

1)Magro Eufemia (Asd Dragonero) 1.21.53; 2) Dogana Martina (Marathon Cremona) 1.22.50; 3) Vinci Donatella (Road Runners Club Milano) 1.22.59; 4) Gizzi Noemy (Atletica 85 Faenza) 1.23.00; 5) Turotti Nadia (Atl. Rebo Gussago) 1.24.54


Fonte notizia: http://www.newspower.it/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“The Heart of Kenyan Running”: Due settimane di sport, benessere, cultura


L’obiettivo e Mission del progetto “The Heart of Kenyan Running”


THE HEART OF KENYAN RUNNING: Correte con noi in Kenya a ITEN


THE HEART OF KENYAN RUNNING


THE HEART OF KENYAN RUNNING: Corsa, benessere, cultura


THE HEART OF KENYAN RUNNING:


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

IL FESTIVAL DELLO SKIALP SUL MONTE BONDONE. ECCO LA 6.a EDIZIONE DI EPIC SKI TOUR

IL FESTIVAL DELLO SKIALP SUL MONTE BONDONE. ECCO LA 6.a EDIZIONE DI EPIC SKI TOUR
Il 22 gennaio giornata di scialpinismo aperta a tutti sul Monte Bondone Due gare, Epic e Vertical Race, oltre al Tour 4All per gli amanti delle “pelli” Novità del 2022 è la nuova combinata Race³ Iscrizioni online dal 15 dicembre, chiusura 20 gennaio Frontalino in testa e zaino in spalla. La sesta edizione dell’Epic Ski Tour ritorna di attualità sabato 22 gennaio, una giornata in cui sono chiamati a raccolta gli appassionati dello scialpinismo, agonisti e non, nella splendida cornice del Monte Bondone, la “montagna di Trento”. Non si tratta di una classica gara di skialp, ma di un festival dello scialpinismo a due passi dalla città, aperto a t (continua)

DOLOMITI SUPERBIKE IN TUTTE LE SALSE. LA VERA MTB, PROVARE PER CREDERE!

DOLOMITI SUPERBIKE IN TUTTE LE SALSE. LA VERA MTB, PROVARE PER CREDERE!
Il 9 luglio a Villabassa la 27.a edizione di una gara unica Il primo dicembre aprono le iscrizioni, mille motivi per esserci Gare e attività in mtb per tutti i gusti, si è pensato anche alle coppie Un’ottima occasione per fare o farsi un bel regalo per Natale Se tanti hanno già riposto in garage la propria mtb, è comunque già ora di pianificare la prossima stagione e fare un pensierino al 9 luglio e a Villabassa, in Alto Adige. Ci sono tante offerte e proposte di eventi per le ruote artigliate, facile con un click prenotare un pettorale e sognare già la griglia. Gare lunghe e corte, dure o facili, dal corollario più o meno importante. In Alto Adige dal (continua)

CAMPIONI E AMATORI SULL’ERTA DEL CERMIS. ISCRIZIONI APERTE PER L’11.a RAMPA CON I CAMPIONI

CAMPIONI E AMATORI SULL’ERTA DEL CERMIS. ISCRIZIONI APERTE PER L’11.a RAMPA CON I CAMPIONI
Il 4 gennaio sull’Alpe Cermis, evento collaterale del Tour de Ski Per il Comitato Fiemme World Cup undicesima edizione al via L’evento precede la Final Climb dei big della Coppa della Mondo Iscrizioni già aperte e online fino al 2 gennaio La Val di Fiemme aprirà il nuovo anno con una serie di grandi eventi dello sci nordico, tra cui il Tour de Ski del 3-4 gennaio e le gare di Coppa del Mondo di combinata nordica dal 6 al 9 gennaio, ma non solo. Il comitato Fiemme World Cup apre le iscrizioni per l’undicesima edizione della gara promozionale FISI “Rampa con i Campioni” al via martedì 4 gennaio, dedicata agli ex campioni e amatori ch (continua)

LA PISTA DEBORAH COMPAGNONI “EUROPEA”. AL VIA LA COPPA EUROPA MASCHILE DI SCI ALPINO

LA PISTA DEBORAH COMPAGNONI “EUROPEA”. AL VIA LA COPPA EUROPA MASCHILE DI SCI ALPINO
11 e 12 dicembre le gare di discesa libera, il 13 Super G A Santa Caterina Valfurva 21 nazioni, ci sono anche gli USA Il vicesindaco Bellotti rilancia il territorio e le sue bellezze Apertura di Coppa Europa maschile a Zinal (SUI), la prima DH in Valtellina Si accendono i riflettori su una delle piste più divertenti e tecniche dell’arco alpino, e non a caso prende il nome di una stella dello sci alpino, la campionessa valtellinese Deborah Compagnoni. La pista, nata nel 2005 come sede per le gare femminili dei Campionati Mondiali, nel 2014 e 2015 ospitò anche le prove maschili di Coppa del Mondo sostituendo la consueta tappa di Bormio. Ora sulla stess (continua)

LA PASSIONE REGNA IN VAL MARTELLO. IBU JUNIOR CUP RIPARTE COL BOTTO

LA PASSIONE REGNA IN VAL MARTELLO. IBU JUNIOR CUP RIPARTE COL BOTTO
Dall’8 al 18 dicembre due weekend intensi con la IBU Junior Cup L’evento è allestito dall’ASV Martello e da tanti volontari 33 nazioni rappresentate nel primo weekend dell’IBU Junior Cup La Val Martello non è solo biathlon, ma anche… fragole! Nel mondo nulla di grande è stato fatto senza passione (Georg Wilhelm Friedrich Hegel).Anche in Val Martello con la passione si sono fatte grandi cose. I soci dell’ASV Martello e la profonda dedizione dei tantissimi volontari valligiani hanno portato il biathlon nella vallata altoatesina ad un livello internazionale davvero invidiabile. Con la passione per la propria terra la gente martellese ha s (continua)