Home > News > RANCRAFT “RD SETTE”: walk-around, open e cabinato in soli 7 metri

RANCRAFT “RD SETTE”: walk-around, open e cabinato in soli 7 metri

scritto da: Abergamini | segnala un abuso

RANCRAFT “RD SETTE”:  walk-around, open e cabinato in soli 7 metri


Rancraft lancia “RD SETTE”, una barca progettata per essere modulare in fase di realizzazione e assolvere a più funzioni. Per questo modello si mira quindi alla modularità negli stampi per creare più versioni: open, walkaround-cabinato, pesca sportiva, pesca professionale.

COPERTA

RD SETTE prosegue la stessa filosofia di RS 17 (ultima nata) per la parte estetica e di scelta accessori. La barca ad hoc per chi desidera scegliere l’allestimento, il colore, gli accessori e persino le finiture, il tutto a costi contenuti. Una barca dalla personalità univoca anche se realizzata in serie.

RD SETTE vuole essere un concentrato di peculiarità quali stile, tecnologia, cura nelle rifiniture ed ampia personalizzazione. La barca esce dal cantiere con una già ricca dotazione di accessori che è possibile incrementare ulteriormente seguendo ogni possibile gusto e necessità, un po’ come succede dal concessionario di fiducia in sede di acquisto di una vettura utilitaria di lusso.

Le murate sono alte e sicure ed è presente un doppio tientibene a protezione sia dei camminamenti sia  del prendisole prodiero. Il progetto ha evidenziato una larghezza maggiore del pozzetto in confronto ad imbarcazioni similari per agevolare l’attività della pesca sportiva.

CARENA

I punti di forza di RD SETTE sono però attribuibili alle doti tecniche. L’opera viva infatti si avvale del brevetto Rancraft IHC (acronimo di Innovating Hull Concept) in grado di garantire non solo livelli prestazionali di assoluto valore ma consumi ridotti e comfort di navigazione.

La barca è strutturata per essere equipaggiata una doppia motorizzazione fuoribordo di ultima generazione ma anche semplicemente con un motore da 200 HP capace di garantire prestazioni di tutto rispetto.

Il disegno di carena è caratterizzato da uno step trasversale che diminuisce l’attrito idrodinamico dello scafo sulla superficie dell’acqua agevolandone la planata ed il mantenimento della stessa a basse velocità.

Il principio idrodinamico di questo particolare step garantise una ventilazione costante delle linee d’acqua mediante prese d’aria laterali. La pressione dell’aria tra la superficie dell’acqua e la carena stessa diminuisce la resistenza all’avanzamento dovuta all’attrito. Tutto ciò si traduce nell’aumento delle performances, nell’incremento del comfort di navigazione e nella diminuzione dei consumi. 

Ulteriore particolarità è rappresentata dal pattino longitudinale che scorre dallo  step di centro carena fino a poppavia: il disegno del pattino è particolare (quasi rovesciato rispetto alla forma tradizionale) per agevolare la direzionabilità dello scafo alle basse velocità (pesca alla traina). 

DISEGNO DI PRUA

Una delle novità più interessanti per il capillare sfruttamento dello spazio a bordo riguarda il disegno innovativo della sezione prodiera “a becco d’anatra” con la possibilità di installazione di un robusto salpa ancore elettrico e di bitte a scomparsa.

Per il particolare disegno di prua (che riguarda quasi completamente l’opera morta) ovvero la zona prodiera al di sopra della linea di galleggiamento, il cantiere ha seguito la stessa filosofia utlizzata da alcuni importanti brand d’Oltre Oceano con  lo scopo di enfatizzare sia le superfici del prendisole prodiero sia le volumetrie all’interno della cabina. Nella versione “W deck”, il letto di prua può comodamente ospitare 3 persone.

Nelle sezioni prodiere sono stati approntati particolari “paraspruzzi” per impedire fastidiosi schizzi d’acqua in coperta così da garantire una navigazione sempre “asciutta” a qualsiasi velocità in condizioni meteo avverse.

A livello strutturale le pareti di prua formano un corpo unico con le murate tramite il sistema “LFC” (Lateral Frame Concept) finalizzato ad aumentare la resistenza agli urti laterali ed alla compressione. Sovradimensionata altresì la paratia orizzontale per sostenere lo sforzo di un robusto verricello elettrico con catena di grande dimensione.

Una caratteristica ulteriore è rappresentata da una massiccia paratia interna anticollisione a protezione dell’intera struttura in caso di incidenti frontali o urti con la banchina.

CABINA

L’allestimento della cabina interna, oltre ai mobiletti laterali prevede un letto di apprezzabile larghezza anche nel lato verso prua. Optional il bagno separato. Il cielino della cabina, per via di una camera d’aria ricavata nella controstampata è isolato termicamente così da garantire comfort adeguato sia in estate che in inverno.

COSTRUZIONE

Relativamente alle caratteristiche costruttive, l’impiego di macchinari tecnologicamente avanzati permette miscelazione e catalizzazione ottimale della resina ad umidità e temperatura costanti. Tramite una logica di calcolo costante si evitano così difformità negli spessori ottenendo superfici uniformi in ogni parte dello scafo. Le due controstampate relative a carena e coperta vengono assemblate e saldate con resina attraverso stratificazione per l’intero perimetro dell’imbarcazione così da risultare un corpo unico.

L’utilizzo di resina vinilestere in fase di realizzazione stampi consente di produrre imbarcazioni dalle superfici impeccabili. Il cantiere utilizza resine isoftaliche studiate esclusivamente per la costruzione di imbarcazioni da diporto e gelcoat noepentilico in colorazione Ral per garantire maggiore protezione e resistenza all’invecchiamento delle parti in vetroresina.

Rancraft Engineering S.r.l, Loc. Caldarello zona industriale, 88068 Soverato (CZ) Italy

Tel. +39 0967 521072 / 530375

www.rancraftyachts.it

info@rancraftyachts.it

 

Rancraft | RD SETTE | nautica | diporto | barche | barca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Per imparare a mangiare bene gli italiani spendono in media 100 euro


Nel 2017 cresce del 7% la spesa per un Attestato di Prestazione Energetica: 155 euro il costo medio nazionale


Cabbeen si affida al leader del mercato PLM Centric Software


Centric Software firma un contratto con il suo primo cliente australiano


IMAX, azienda produttrice per Max Mara, sceglie Centric Software


Centric Software celebra una doppia vittoria con Lotto Sport e Stonefly


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Superbia 28, tutto carbonio per uno scafo proiettato nel futuro

Superbia 28, tutto carbonio per uno scafo proiettato nel futuro
Prodotto di nicchia, ma dalle grandi potenzialità. Il Superbia 28 è stato varato recentemente e rappresenta la finalizzazione del primo progetto voluto dalla start-up “Occhilupo Yacht&Carbon”, giovane realtà costituita nel 2019 i cui componenti provengono da collaborazioni progettuali con importanti realtà del settore automotive, militare e spaziale. L’azienda, nata dalla passione per la nautica di Alessandro Occhilupo, si propone di impiegare nel settore nautico i materiali e le tecniche costruttive più avanzate utilizzate nel mondo delle super-car e in ambito aerospaziale.  La scommessa non era facile ma il primo obbiettivo è stato raggiunto: mettere in acqua una barca realizzata interamente in fibra di carbonio capace di raggiu (continua)

Rizzardi sul palcoscenico del Nauticsud

Rizzardi sul palcoscenico del Nauticsud
Dal 9 al 17 Febbraio il cantiere parteciperà ad uno dei saloni nautici storicamente più apprezzati dalla clientela Rizzardi. Dopo la presenza al BOOT, Salone Nautico di Dusseldorf, il cantiere esporrà al Nauticsud il modello 48IN,  barca che si adatta perfettamente agli spostamenti veloci nella splendida costiera partenopea. Lo yacht gode di una silhouette affusola (continua)

Non solo design minimal, Schenker presenta il dissalatore per la nautica ZEN 50

Non solo design minimal, Schenker presenta il dissalatore per la nautica ZEN 50
Schenker amplia la serie dei dissalatori  ZEN con il nuovo “50”. A dispetto del design minimalista dal quale prende spunto la gamma, ZEN 50 copre le esigenze di imbarcazioni con dimensione intorno ai 45-50 piedi in grado di ospitare a bordo equipaggi formati solitamente da 5-6 componenti.  ZEN 50 ricalca perfettamente i punti di forza del modello più piccolo ovvero mi (continua)

RIZZARDI 48’ IN, lo sport-coupè realizzato a misura di armatore

RIZZARDI 48’ IN, lo sport-coupè realizzato a misura di armatore
Rizzardi presenta una versione inedita del 48IN proseguendo la filosofia del brand, sinonimo da sempre di sportività e raffinatezza. Uno sport coupè che fonde impatto estetico e tecnologia puntando sul sodalizio ideale tra carena, trasmissioni di superficie e motorizzazione.  La filosofia di produzione tracciata dal cantiere è quella della gamma “yachts custom&rdqu (continua)

I sistemi di copertura OPAC, combinazione di tecnologia e design, esposti al Metstrade di Amsterdam,

I sistemi di copertura OPAC, combinazione di tecnologia e design, esposti al Metstrade di Amsterdam,
Ad Amsterdam, l’azienda torinese ha esposto il meglio della sua produzione: un tetto lamellare in alluminio retraibile per i ponti superiori degli yacht e una movimentazione che permette di recuperare altezza in coperta. Si tratta di soluzioni progettate e realizzate completamente all’interno della società.  Grande interesse hanno riscosso ad Amsterdam i prodotti dell&rsqu (continua)