Home > News > Al momento della gara cerco di rilassarmi entrando in una sorta di meditazione

Al momento della gara cerco di rilassarmi entrando in una sorta di meditazione

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Al momento della gara cerco di rilassarmi entrando in una sorta di meditazione


Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net Interessanti le esperienze ed i racconti dei diversi atleti nelle diverse specialità e nei momenti diversi degli allenamenti, gare, post gare, di seguito si racconta Riccardo Vescovo, rispondendo ad alcune domande tese a realizzare un volume sullo sport, benessere e performance. Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? C’è un altro sport che vorresti praticare? “Ho iniziato a 5 anni con il nuoto per volere dei miei genitori, a 10 anni dovendo rinunciare al nuoto, a causa di un fastidio dovuto al cloro, ho intrapreso la via del Karate seguendo le orme di mio cugino. La passione per quest’ultima disciplina è cresciuta nel tempo tanto da praticarlo attualmente con il titolo di Istruttore e grado di 1° Dan (Cintura Nera). Lo scorso anno ho voluto integrare la mia vita sportiva con il pugilato, allo scopo di perfezionare il combattimento usando solo gli arti superiori, ed il nuoto con l’obbiettivo di incrementare la potenza il fiato la coordinazione ed anche per l’allungamento muscolare che questo sport comporta.” Quali sono le varie difficoltà, i rischi, a cosa devi fare attenzione nella tua disciplina? Quali sono le condizioni fisiche o ambientali che più spesso ti hanno indotto a fare una prestazione non ottimale? “Per quanto riguarda il nuoto non vedo grandi rischi, a parte per la schiena nel compiere la tecnica a delfino in maniera errata. Mentre la difficoltà più grande è mantenere un andatura costante lungo tutto il tragitto dovuto alla pesantezza dei movimenti nell’acqua ed alla mancanza di fiato che si fa sempre più sentire. Mentre per gli sport di combattimento i rischi sono più elevati in quanto si possono ricevere dei colpi abbastanza forti in varie parti del corpo. Anche qui la difficoltà è mantenere una buona respirazione ed anche un elevata concentrazione infatti, a differenza di molti altri sport durante una competizione oltre alla fatica si ha di fronte un avversario che ce le vuole ‘suonare’, di conseguenza il livello di attenzione deve essere maggiore. Sinceramente non ricordo di non aver mai finito una gara, ma sicuramente il ‘CALDO’ è la condizione ambientale che riduce notevolmente le mie prestazioni.” Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti? “Non ho rimpianti rifarei le cose che ho fatto, e soprattutto mi ritengo fortunato di aver trovato il Karate tradizionale delle origini che ormai non si trova più che mi ha aiutato moltissimo a superare le difficoltà finora incontrate e lo rifarei infinite volte.” Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile, quale è una gara che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine? “Ricordo che alla mia prima gara di nuoto feci 50 metri a delfino ed arrivai a dir poco stremato alla fine, sicuramente dovuto alla mia scarsa conoscenza nella tecnica ma posso dire che è stata la gara più difficile che mi fosse capitata a quel momento in quanto non avevo mai fatto una cosa simile. Per come la penso sono dell’idea che se ci si allena si può riuscire a portare a termine qualsiasi gara, però devo dire che ho seri dubbi sui 200 metri a delfino. Penso che oltre ad una buona tecnica occorra avere una capacità vitale, per quanto concerne il fiato, davvero notevole.” Quali sono o sono state le tue sensazioni che sperimenti facendo sport pregara, in gara, post gara? “Sia nel pregara che in gara si ha l’obbiettivo di vincere, solo che nella prima situazione, abbiamo una notevole grinta e determinazione nell’allenamento finalizzato allo scopo, di conseguenza non si pensa ad altro che a dare ancor di più di quello che si è dato fino a quel momento. Al momento della gara invece, naturalmente parlo specificamente del mio caso, data l’elevata emotività e paura, sensazioni che ad una gara non mancano mai, cerco di rilassarmi entrando quasi in una sorta di meditazione e convincendomi che ‘quel che è fatto è fatto’ ed è inutile starsi ad agitare troppo, il che potrebbe inficiare sulla stessa gara. È un po’ come abbandonarsi all’avvenire degli eventi. Ma appena arriva il mio turno e scatta il ‘VIA’ ecco che li esplode tutto ciò che ho dentro fino alla fine. Anche il post gara ha il suo perché in quanto non solo ti puoi rilassare dato che la tempesta è passata, ma perché si ha letteralmente un crollo dovuto al calo repentino di tutte le endorfine e dell’adrenalina che ti facevano stare a duemila un attimo prima della gara.” Quali sono i tuoi pensieri? Pensare al traguardo, pensare a tutto quello che si è investito per la gara, in termini di allenamenti, di preparazione atletica, mentale? “La verità è che al momento della gara cerco di non pensare a nulla ma bensì mi concentro sull’ascoltare ancor di più il mio corpo perché dovrà rispondere alla perfezione ai mie comandi durante la prestazione”. Cosa ti ha fatto mollare o cosa ti fa continuare a fare sport? Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere atleta, è successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva, hai mai pensato di smettere di essere atleta? “Non ho mai abbandonato lo sport, primo perché mi fa stare bene e secondo perché non sopporterei l’idea di diventare “debole”, nel senso che lo sport mi da forza più di molte altre cose e non parlo solo di forza fisica ma bensì forza di andare avanti in tutto. Le sconfitte ti buttano giù certo, li per li sei demoralizzato, però, non so come, dopo poco tempo riesco a pensare positivamente che cambiando tattica ed allenandomi di più potrei riuscire in ciò che ho fallito precedentemente. Ho dovuto ridurre per qualche settimana la mia attività a causa di piccoli infortuni ed è stato pesante, però anche se non potevo utilizzare una parte del mio corpo nulla toglieva che potessi fare altro. Devo dire di non essermi mai fermato e mai ho pensato di smettere di essere un atleta.” Non molla Riccardo, le sconfitte non lo demoralizzano, non lo buttano giù, cerca di esaminare bene cosa c’è stato di buono e in che modo ha sbagliato per apprendere e fare meglio la prossima volta. Ti è capitato di avere la sensazione che ti cascasse il modo addosso, se si come sei riuscito a toglierti la polvere di dosso e continuare dritto? “Si mi è capitato ed in quel caso invece di agitarmi ancor di più fino ad arrivare al collasso, mi sono concentrato sul completo rilassamento sulla respirazione lunga e profonda, ogni muscolo sciolto lasciato in balia della gravità. E se il mondo mi fosse caduto addosso veramente allora pazienza, sarei rimasto tranquillo e rilassato senza affannarmi troppo. Ma non è mai successo perché alla fine è sempre uno scherzo della mente tutto si risolve tutto puoi portare a termine e anche se ciò non avvenisse, in questo modo, lo accetteresti serenamente.” Molto preparato Riccardo a prevenire e gestire situazioni difficili, sa come fare, conosce l’importanza della focalizzazione sul respiro e le sensazioni corporee, per restare in una situazione calma e serena ed attendere che passi la tempesta. Quale può essere un tuo messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi ad uno sport che può essere fatto di fatica, impegno, sudore, sofferenze? “Ai ragazzi direi di praticare sport perché fa bene ed aiuta anche nella vita quotidiana ma di fare ciò che piace, perché in realtà tutti gli sport sono faticosi in quanto comportano sacrifici ma se una cosa ci piace la fatica non si sente o meglio la si affronta in modo positivo senza che ci pesi addosso come un macigno.” C’è stato il rischio di incorrere nel doping nella tua carriera sportiva? “MAI. Meglio perdere essendo se stessi che vincere grazie ad una provetta o pastiglia, non c’è soddisfazione, alla fine non sei tu a vincere ma la sostanza che hai assunto.” Qual è un messaggio che vorresti dare per sconsigliare l’uso del doping e per fare uno sport teso al benessere o alla performance? “Prima di tutto il doping non fa bene in quanto introduciamo nell’organismo un qualcosa a cui non è abituato, senza contare poi la natura di cui sono composte queste sostanze, ma soprattutto le sostanze dopanti non ci permettono di sentire la fatica il che è gravissimo perché la fatica è il nostro campanello di allarme naturale che ci dice quando dobbiamo fermarci per evitare il collasso che può portare anche alla morte. Inoltre chi assume sostanze dopanti, o trascorre una vita dopandosi e di conseguenza autodistruggendosi oppure una volta che smette deve iniziare tutto da capo, sempre se il corpo risponda bene, in quanto è stato tutto questo tempo senza conoscere se stesso occultato appunto da tali sostanze che non consentono la percezione vera di noi stessi.” Ritieni utile la figura dello psicologo dello sport, se si per quali aspetti ed in quali fasi dell’attività sportiva? “Si la ritengo utile soprattutto per chi si addentra nello sport per la prima volta che oltre a trovarsi spaesato in un mondo nuovo e quindi bisognoso di una guida, potrebbe deprimersi e mollare sin da subito in quanto nei primi tempi non si hanno risultati eclatanti, di conseguenza qualcuno che gli faccia guardare con un po’ più di prospettiva non sarebbe sbagliato. La ritengo utile per i bambini dato che devono ancora formarsi e se si inizia sin da subito in futuro avranno meno dubbi e sbandamenti. Ma anche per gli adulti è utilissima per il fatto che spesso accade che questi si sentano più giovani di quanto potrebbe suggerire l’età veritiera e la non corrispondenza tra le reali prestazioni e quello che credevano di poter compiere a livello fisico potrebbero causare un calo del morale ed anche qui una guida la ritengo più che opportuna.” Quali sono i sogni che hai realizzato e quali quelli da realizzare? “Mi piacerebbe essere un atleta a livello nazionale e anche internazionale, soprattutto mi sarebbe piaciuto essere un atleta dell’Aeronautica Militare ma purtroppo non sono comprese le discipline da me praticate e non ho i titoli per esserlo. Ho lottato molto per questo ma ormai ho quasi perso le speranze anche perché ho 27 anni e non so quanto interesse io possa suscitare.” Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita o sempre un comune sportivo? “Che io ricordi non mi sono mai sentito un campione anche perché ho visto i veri campioni e non sono ancora a quei livelli.” A seguito delle tue esperienze che consiglio ti andrebbe di dare a coloro che si trovano a dover fare scelte importanti nello sport? “La scelta deve basarsi su ciò che ci piace e ci appassiona altrimenti il disinteresse arriverà sin da subito fino all’abbandono di quello che si è scelto.” Come ha contribuito lo sport al tuo benessere e quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere o alla tua performance? “Lo sport rende la vita migliore in quanto permette di conoscere il proprio corpo che a sua volta risponde positivamente alle nostre esigenze, di conseguenza anche nella quotidianità si ha maggiore facilità nel muoversi e nello svolgere diverse mansioni rispetto a chi è sedentario, anche a livello mentale contribuisce a scaricare lo stress ed allontana la depressione. La performance ed il benessere sono strettamente collegati alla costanza, all’impegno e soprattutto alla consapevolezza di dover compiere dei sacrifici per raccogliere dei buoni frutti nel tempo.” Riesci ad immaginare una vita senza lo sport? “Si certo, una vita triste, malsana e molto faticosa senza stimoli ed adrenalina. Una vita piatta.” Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “Nella mia vita non ho mai preso neanche un gatorade per incrementare le mie performance. Mi piace l’idea di riuscire nei miei obbiettivi senza ‘aiutini’. Per quanto riguarda l’alimentazione ho visto e sentito diverse scuole di pensiero e seguito vari corsi ma sinceramente erano molto discordanti tra di loro. Quello che ho sempre fatto è mangiare un po’ di tutto senza mai saltare i tre pasti principali. Se mi viene fame una merenda tra un pasto e l’altro me la concedo salata o dolce che sia, non mi sono mai privato di nulla. Se devo dare un consiglio: mangiare ciò che ci richiede (ne risente in maniera positiva anche la mente) senza esagerare ed evitando schifezze tipo patatine fritte merendine ecc… (anche queste una tantum si puo fare dipende poi dai vari soggetti). PS. Ultimamente prima degli allenamenti sto sperimentando la dieta del Dott. Mozzi sui gruppi sanguigni, sembra funzionare ma ripeto non lascio mai che condizioni in maniera pesante la mia vita.” Chi ha contribuito al tuo benessere nello sport o alla tua performance? “Documentazioni su internet vedendo filmati seguendo corsi e chiedendo a chi ne sapeva di più e soprattutto a chi rispecchiasse benessere. Ma ciò che rende il tutto esaustivo è la sperimentazione su se stessi in quanto siamo tutti diversi e non ci sarà mai uno stile di vita uguale per tutti.” Qual è stata la gara della tua vita, dove hai dato il meglio di te o dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Quando ho superato tutte le prove del brevetto sportivo conquistando tutti ori, ed anche alle nazionali di Karate di Avellino nel 2012.” Qual è una tua esperienza che ti possa dare la sicurezza, la convinzione, che ce la puoi fare nello sport o nella vita? “In piena sincerità posso dire che non c’è un esperienza unica in particolare, ma l’insieme di tutto ciò che ho realizzato fino adesso e di cui ne sono soddisfatto.” Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua attività sportiva tesa al benessere o alla performance? Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa nell’aver intrapreso un’attività sportiva? “Sinceramente i miei famigliari sono contenti se mi vedono felice e non giudicano più di tanto ciò che svolgo, ma credo che non pongano lo sport tra le priorità della loro vita. I miei amici o fanno sport con me e di conseguenza la pensano più o meno come me, mentre quelli che non praticano sport magari mi trovano un po’ troppo esagerato nell’allenarmi così intensamente. Per quanto riguarda la mia vita lavorativa non è cambiato nulla dato che praticavo sport già prima di lavorare. Sono comunque felice di riuscire a far combaciare le due cose.” Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Le mie prime gare di nuoto, ad ogni gara al tuffo mi si toglievano o la cuffia o gli occhialetti, fortunatamente non mi si è mai tolto il costume. Un volta dovevo fare 50 metri stile libero e, non so come, al tuffo mi cala la cuffia davanti gli occhi e non vedo più niente per tutta la gara, il problema è che la vasca era da 25 metri quindi non vedendo nulla non sapevo quando dover virare per tornare indietro e fare i restanti 25 metri, morale della storia mi sono schiantato alla prima virata ed all’arrivo.” Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare atleta? Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport al tuo benessere o alla tua performance? “Ho scoperto una grande forza di volontà, ciò che mi ha aiutato a livello psicologico è stato fissarmi degli obbiettivi e la continua sfida contro me stesso, il cercare di raggiungere i propri limiti e superarli.” Quali sono le tue capacità, risorse, caratteristiche, qualità che hai dimostrato di possedere? “Perseveranza, grinta, il riuscire ad alzarsi anche quando si finisce a terra. Insomma posso dire che non mi perdo d’animo facilmente.” Che significa per te partecipare ad una gara sportiva, hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare? “Anche se la mia vera gara è contro me stesso, sono dell’idea che una sana competizione possa far bene in quanto ci permette di confrontarci con altri atleti e di conseguenza vedere a che livello siamo rispetto a ciò che c’è fuori, se stiamo facendo un buon lavoro oppure no. Posso dire di aver sperimentato il limite nelle mie gare, questo dovuto al fatto che durante un competizione il tasso di adrenalina è alle stelle ed insieme alla foga del momento si ha quel surplus che aumenta le tue perfomance rispetto a quando ci si allena in un ambiente più tranquillo. E data la grande voglia di vincere si da veramente il massimo arrivando letteralmente al limite.” Matteo SIMONE 380-4337230 - 21163@tiscali.it www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Corsi Di Meditazione A Bergamo, Ecco I Migliori


Meditazione A Firenze, La Nuova Tendenza Per Affrontare Lo Stress


Corsi Di Meditazione A Catania, Ecco I Migliori


Corsi Di Meditazione A Catania, La Nuova Tendenza Per Affrontare Lo Stress


Dove Trovare I Migliori Corsi Di Meditazione A Lecce


Corsi Di Meditazione A Trento, Quando Iniziare A Praticarla


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci

Nico Leonelli: L'obiettivo che si persegue è ciò che ci spinge a impegnarci
Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 ore a Belfast l’1-2 luglio 2017; Campionati Europei di 24 ore a Timisoara (Romania) il 26-27 maggio 2018; Campionati Europei di 24 ore ad Albi il 22 ottobre 2016. . Di seguito approfondia Dietro un’Ultramaratona c'è semplicemente la voglia di andare oltre  Matteo SIMONE  3804337230- 21163@tiscali.it  Nico Leonelli (M.C. Manoppello Sogeda) vanta 4 presenze nella nazionale italiana in gare di 24h di corsa su strada: Campionati Mondiali di 24 ore ad Albi (Francia) il 26-27 ottobre 2019, precedentemente ai Campionati Mondiali di 24 (continua)

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981

Chi era Vito Melito? Ultramaratoneta, Campione Mondiale 100km nel 1981
Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. E’ stato anche Primatista Italiano dei 50 Km in 2h 59’44” Matteo SIMONE  Tante le glorie, tanti gli aneddoti relativi agli ultramaratoneti e soprattutto a Vito Melito che nel suo periodo di massimo splendore incontrava nelle sue gare i gemelli Elvino, Loris e l’altro fratello più giovane Pietro Gennari ma non riuscivano ad averla vinta su di lui. Anche nel 1977, alla (continua)

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso

Ivan Cudin, ultrarunner: Ho semplicemente imparato a credere di più in me stesso
Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI). È stato Campione Europeo della 24h nel 2010 con 263 km, in occasione dei Mondiali di 24h di corsa su strada a Brive-la-Gaillarde (FRA), dove ha conquistato il bronzo ai mondiali, preceduto dall'americano Scott Jurek 266 km e dal giapponese Shingo Inoue 273 km. Il titolo femminile mondiale ed europeo è andato alla francese Anne Cecile Fontaine con 239 km che ha preceduto Monica Casiraghi231 km e la tedesca Julia Alter 230 km. Nella classifica per nazioni la squadra maschile dell'Italia vince il titolo Europeo ed è seconda al mondo dietro al Giappone e davanti agli Stati Uniti, mentre la squadra femminile è seconda al Mondo e all'Europa dietro alla Francia. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Ivan attraverso risposte ad alcune mie domande di qualche anno fa. Record italiano di 24h in 266,702 km ottenuto nel 2013 Matteo SIMONE  Ivan Cudin detiene il record italiano di 24h in 266,702 km, ottenuto il 7 e l’8 dicembre 2013 alla 24 ore di Soochow University di Taipei (Taiwan), poco più di 3km in più di Marco Visintini che il 23.10.2021 ha totalizzato 263.284 km a Brugg (SUI).  È stato Campione Europeo della 24h (continua)

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)