Home > Lavoro e Formazione > Come tutelare salute e sicurezza nel lavoro in montagna

Come tutelare salute e sicurezza nel lavoro in montagna

scritto da: AIFUS | segnala un abuso


Come tutelare salute e sicurezza nel lavoro in montagna

 

Un corso il 14 e 15 luglio 2016 per conoscere i pericoli, gestire i rischi e affrontare le emergenze correlate alle attività di lavoro che si svolgono in montagna.

 

La montagna è sicuramente un ambiente affascinante, ma va vissuto sempre con estrema prudenza e attenzione, specialmente durante le attività lavorative che si svolgono in alta quota. Ad esempio attività che, al di là della professione di guida alpina, possono riguardare il turismo estivo e invernale, le discipline sportive alpine, la gestione degli impianti o le attività edili per la manutenzione o realizzazione di nuovi fabbricati e strutture.

In ogni caso in tutte le tipologie di lavori in alta quota sono molte le problematiche che si possono dover affrontare e che possono avere conseguenze sulla salute e sicurezza dei lavoratori.

 

Ma la montagna rappresenta anche un ambiente che si presta perfettamente alle modalità innovative formative in materia di sicurezza, alle attività formative in outdoor e alle attività di orienteering finalizzate alla realizzazione di un rinnovato e migliore rapporto uomo-natura-territorio.

 

Per tutti questi motivi l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) ha organizzato il 14 e 15 luglio a Ponte di Legno, un paese di montagna della Valle Camonica, il corso di specializzazione dal titolo “Rischi e prevenzione nel lavoro in montagna. Approfondimento teorico pratico e metodologie di formazione outdoor”. Un corso di 16 ore - realizzato in due giornate e in quattro diversi moduli – che è condotto da quattro professionisti esperti che affronteranno tutti i rischi legati ad attività lavorative prolungate a quote elevate.

 

Questi gli obiettivi del corso:

- accrescere le conoscenze normative e tecniche, organizzative e gestionali in attività di montagna;

- aumentare la consapevolezza dei rischi presenti in luoghi di lavoro difficili ubicati in territori ostili, in alta quota e in condizioni climatiche poco favorevoli all’uomo;

- accrescere le conoscenze dei rischi legati all’uso delle attrezzature per le attività di montagna;

- saper comunicare la sicurezza;

- gestire le emergenze in montagna attuando specifiche procedure;

- acquisire nuove tecniche per attività di outdoor, team building ed orienteering. 

 

Si sottolinea che il corso è rivolto in particolare a formatori, RSPP, consulenti alla sicurezza, guide alpine, accompagnatori di media montagna, operatori e tecnici che operano in alta quota e/o in condizioni ambientali e territoriali critiche tipiche delle aree di montagna.

Ed è richiesto:

- la conoscenza del Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (d. Lgs. 81/2008);

- una minima esperienza di gestione della sicurezza di attività lavorative in montagna (sopralluoghi tecnici in quota, cantieri in quota, impianti di produzione di energia elettrica, linee elettriche, acquedotti, ponti radio, impianti di risalita, esercito, guide, soccorso, protezione civile, forestali, rifugi e strutture ricettive, manifestazioni turistiche, fotografia, agricoltura, artigianato e commercio);

- il possesso dei requisiti di docente-formatore ai sensi del Decreto interministeriale del 6 marzo 2013.

 

Si terrà dunque il 14 e 15 Luglio 2016, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 18.00, presso il Centro Formativo Provinciale "Giuseppe Zanardelli" - Unità Organizzativa di Ponte di Legno, in Via F.lli Calvi, 42 a Ponte di Legno (BS) – il corso “Rischi e prevenzione nel lavoro in montagna. Approfondimento teorico pratico e metodologie di formazione outdoor”.

 

Il corso si svolge in quattro moduli.

 

I primi due moduli si terranno il 14 luglio 2016:

- Modulo normativo (1 ora): panoramica sulla legislazione vigente;

- Modulo tecnico (7 ore): analisi ambiente/territorio/fauna circostante e rischi collegati; analisi condizioni climatiche (neve, nebbia, temporali violenti, fulmini, ecc.); valutazione dei rischi per la salute del lavoro in montagna (altitudine, temperature, ecc.); valutazione dei rischi legati agli accessi di lavoro; valutazione del rischio per la sicurezza per tipologia di attività;  valutazione del rischio legato alle attrezzature per le attività di montagna.

 

Gli altri due moduli si terranno il 15 luglio 2016:

- Modulo gestione delle emergenze e medicina di montagna (4 ore): possibili situazioni di emergenza in quota; la gestione delle emergenza in montagna (primo soccorso, elisoccorso, soccorso alpino, ecc.); sistema allarme uomo a terra; esercitazioni; rischi per la salute legati ad attività lavorative prolungate o caratterizzate da ripetute ascensioni a quote superiori ai 3000; patologie (congelamento, mal di montagna acuto, edema polmonare d’alta quota, edema cerebrale d’alta quota, ecc.); procedure di prevenzione;

- Modulo metodologie didattiche (4 ore): panoramica delle metodologie didattiche legate alla sicurezza sul lavoro; formazione esperienziale all’aperto (team building- orienteering).

 

Ricordiamo che il costo del corso comprende:

- il pernottamento e cena presso CFP "Giuseppe Zanardelli", Ponte di Legno;

- il materiale didattico;

- il pranzo e il coffee break per entrambe le giornate.

 

Il corso sarà valido come 16 ore di aggiornamento per ASPP e RSPP di tutti i Macrosettori ATECO oppure come ore di aggiornamento per formatori Qualificati (4 per la prima, 4 per la seconda e 4 per la terza area tematica).

 

Al termine del corso verrà consegnato l’Attestato individuale ad ogni partecipante, numerato, rilasciato da AiFOS ed inserito nel registro nazionale della formazione.

 

Per avere ulteriori dettagli sul corso, per conoscere i prezzi e per iscriversi, è possibile utilizzare questo link:

http://aifos.org/home/formazione/corsi_qualificati/specializzazione/specializzazione/rischi-prevenzione-lavoro-montagna

 

Per informazioni e iscrizioni:

Sede nazionale AiFOS - via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it  - info@aifos.it - formarsi@aifos.it

 

 

01 giugno 2016

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

montagna | sicurezza | lavoro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Carta da parati con tema la montagna, come sceglierla


A TRENTO PRESENTAZIONE DEGLI EUROPEI DI ARCO 2016, IL CT GERMANETTO SVELA I NOMI DEI CONVOCATI


Come migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro


Come promuovere la sostenibilità attraverso la salute e sicurezza?


Ambienti montani: sicurezza sul lavoro e ISO 45001


I monti della Galilea


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali

Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali

 

Un corso in presenza a Brescia il 26 gennaio 2022 permetterà di acquisire gli strumenti e le conoscenze adeguate all’utilizzo in sicurezza dei gas tecnici industriali.

  Comunicato Stampa Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali   Un corso in presenza a Brescia il 26 gennaio 2022 permetterà di acquisire gli strumenti e le conoscenze adeguate all’utilizzo in sicurezza dei gas tecnici industriali.   Con “gas tecnici industriali” s’intende una vasta gamma di gas che, utilizzati in molti processi e se (continua)

Manifesti per ridurre i disturbi muscoloscheletrici lavoro-correlati

Manifesti per ridurre i disturbi muscoloscheletrici lavoro-correlati

 

La Fondazione AiFOS ha promosso la realizzazione di diversi manifesti sul tema della prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici e in relazione alla campagna europea “Alleggeriamo il carico!”. Saranno presentati in un webinar il 24 novembre 2021.

  Comunicato Stampa   Manifesti per ridurre i disturbi muscoloscheletrici lavoro-correlati   La Fondazione AiFOS ha promosso la realizzazione di diversi manifesti sul tema della prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici e in relazione alla campagna europea “Alleggeriamo il carico!”. Saranno presentati in un webinar il 24 novembre 2021.   In Europa milioni d (continua)

Il regolamento UE 625/2017 e i controlli in campo alimentare

Il regolamento UE 625/2017 e i controlli in campo alimentare

 

Il 25 e 26 gennaio 2022 un corso in videoconferenza permetterà di comprendere la filosofia ed i contenuti del nuovo Regolamento Europeo 625/2017 sui controlli in campo alimentare.

  Comunicato Stampa Il regolamento UE 625/2017 e i controlli in campo alimentare   Il 25 e 26 gennaio 2022 un corso in videoconferenza permetterà di comprendere la filosofia ed i contenuti del nuovo Regolamento Europeo 625/2017 sui controlli in campo alimentare.   Il trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) stabilisce che nell’attuazione delle p (continua)

Gestione delle batterie al litio: rischi, prevenzione e sicurezza

Gestione delle batterie al litio: rischi, prevenzione e sicurezza

 

Il 30 novembre 2021 un corso in videoconferenza fornirà conoscenze e competenze specifiche di carattere tecnico sui rischi e sulla gestione operativa delle batterie al litio.

  Comunicato Stampa Gestione delle batterie al litio: rischi, prevenzione e sicurezza   Il 30 novembre 2021 un corso in videoconferenza fornirà conoscenze e competenze specifiche di carattere tecnico sui rischi e sulla gestione operativa delle batterie al litio.   In questi anni abbiamo assistito ad una sempre maggiore diffusione di accumulatori, batterie e pile al liti (continua)

Antincendio e formazione: competenze e novità normative

Antincendio e formazione: competenze e novità normative

 

Un corso in presenza a Brescia il 25 e 26 novembre 2021 fornirà gli strumenti per comprendere i contenuti relativi all’erogazione di corsi di formazione in materia antincendio con riferimento anche alle novità normative.

  Comunicato Stampa Antincendio e formazione: competenze e novità normative   Un corso in presenza a Brescia il 25 e 26 novembre 2021 fornirà gli strumenti per comprendere i contenuti relativi all’erogazione di corsi di formazione in materia antincendio con riferimento anche alle novità normative.   Il Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 (Tes (continua)