Home > Cibo e Alimentazione > Caffè: amore a primo chicco

Caffè: amore a primo chicco

scritto da: Eatamo | segnala un abuso

Caffè: amore a primo chicco


 Lo beviamo ogni giorno, anche più volte al giorno... Ma sappiamo davvero tutto di questa bevanda dal gusto un po' amaro e dall'aroma intenso e invitante?

La parola caffè ha due ipotesi di derivazione:

- dall'arabo "qahwa" che oggi vuol dire "caffè" ma che in origine significava "bevanda dagli effetti eccitanti", da cui deriva il turco "kahve" e l'italiano "caffè",
- da "Kaffa", una piccola regione dell'Etiopia del sud-ovest dove la pianta cresceva spontaneamente.

Dal Medioriente questa pianta si diffuse via via prima in Europa e poi nel resto del mondo. Oggi i maggiori produttori sono il Brasile, il Vietnam, la Colombia e l'Indonesia.
Il caffè viene preparato con i semi della pianta di Coffea appartenente alla famiglia delle Rubiacee. I suoi fiori sono bianchi e i frutti hanno l'aspetto di piccole bacche rotonde e verdi che, maturando, diventano rosse, da cui vengono raccolti i semi che vengono poi tostati (o torrefatti) acquistando il tipico colore scuro e in alcuni casi macinati.

Hanno in origine molte sostanze - fra cui proteine, carboidrati, vitamine B e C, minerali (fosforo, potassio, magnesio, ferro, rame, zinco, calcio), grassi e acidi - che vengono perse quasi del tutto dopo la tostatura.

Le varietà di caffè più utilizzate sono: la Coffea Arabica, la Coffea Robusta (o Canephora), la Coffea Liberica e la Coffea Excelsa. 
- Arabica: è la varietà più usata e ha origine nel Kenya settentrionale, nell'Etiopia e nel Sudan. I suoi chicchi sono di colore verde, hanno un profumo molto aromatico, una forma piatta e allungata, e un gusto gradevole. Questa pianta di solito cresce al di sopra dei 600 metri di altezza ad una temperatura media ideale di 20°C. I tipi più diffusi sono Moka, Bourbon, Tipica e Maragogype.
- Robusta: è una varietà di origini congolesi ed è molto coltivata perché la fioritura dura tutto l'anno, quindi la produzione risulta abbondante e più economica. I semi sono piccoli, contengono più caffeina di quelli dell'Arabica e sono più profumati. Cresce sia in pianura che in zone più difficili. E' diffusa in Indonesia, India, Guinea, Uganda e Africa occidentale. Dall'incrocio tra Arabica e Robusta deriva l' "Arabusta"
- Liberica: originaria della Liberia, è una pianta robusta con semi più grandi e più resistenti ai parassiti. Ha bisogno di una temperatura elevata e acqua abbondante e il suo aroma è profumato.
- Excelsa: il gusto di questa varietà è simile a quello dell'Arabica, ma la pianta è più resistente ai parassiti e alla siccità.

Esistono inoltre molte altre varietà, meno adattabili e quindi meno utilizzate, tra cui troviamo le Coffee: Mauritiana, Racemosa, Stenophylla e Congencis.
Un tipo particolare di caffè che si sta diffondendo sempre più è il caffè verde, i cui chicchi non vengono torrefatti, ma lasciati crudi ed essiccati, e le cui proprietà benefiche sono sempre più riconosciute.

Ma vediamo adesso le caratteristiche principali del caffè tradizionale: 
- contiene la caffeina, un alcaloide naturale che nelle giuste dosi stimola la concentrazione, la memoria e il buon umore
- ritarda la sensazione di fatica
- stimola l'attività cardiaca
- facilita la digestione perché stimola la secrezione gastrica e riduce l'appetito
- ha un effetto lipolitico, favorisce cioè il dimagrimento perché aumenta le calorie bruciate per via della termogenesi
- è antiossidante, grazie agli acidi clorogenici che contiene
- sembra che nel lungo termine abbia un effetto antitumorale
- è antidepressivo
- combatte i radicali liberi
- regola gli zuccheri nel sangue
- ha effetti diuretici

Naturalmente tutti questi benefici si presentano con un'assunzione moderata ed equilibrata di questo alimento! Eccedere nelle dosi, come per tutte le cose, provoca effetti negativi mettendo a rischio la salute dell'organismo.
Oggi nelle varie parti del mondo il caffè viene consumato in tantissimi modi diversi: espresso, lungo, corto, decaffeinato, macchiato, corretto, americano, napoletano, shakerato, alla nocciola, al ginseng, d'orzo, greco, marocchino, turco, Irish, ecc. Ognuno di questi ha delle caratteristiche particolari che rendono la bevanda versatile e gustosa, tutti assolutamente da provare!


Fonte notizia: https://www.eatamo.com/blog/caffe.html


caffè | arabica | caffè robusta | caffè liberica | coffè excelsa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gran Caffè Italia ha successo a Napoli


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Premiati i vincitori di Napoli Coffee Challenge


Caffè Milani, uno stand dinamico con tante nuove idee per fare business


Da Caffè Milani abbinamenti e percorsi di gusto inediti


BIN CAFFÈ RILANCIA IL CAFFÈ FILTRO V60 PER I BARISTI PROFESSIONISTI UN NUOVO CORSO DI FORMAZIONE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il Mio Segreto? Olio Extra Vergine!

Il Mio Segreto? Olio Extra Vergine!
 L'olio extravergine d'oliva, diversamente dalla tipologia vergine, è ottenuto da una spremuta di olive di prima raccolta che mantiene intatte tutte le qualità nutrizionali ed organiche. Questa tipologia di olio è ottenuto dal frutto mediante operazioni puramente fisiche e senza alcuna miscelazione o aggiunta di oli di altra natura. Si tratta di un grasso m (continua)

L'onnipresente pomo d'or!

L'onnipresente pomo d'or!
 Classificato come uno dei migliori ortaggi per le sue proprietà salutari, il pomodoro sembra essere il prodotto adatto alle esigenze del consumatore moderno. Essendo l'ortaggio simbolo della stagione estiva, periodo fondamentale per la piena maturazione dello stesso, il pomodoro contiene numerosi elementi che lo contraddistinguono come un vero e proprio farmaco naturale per la p (continua)

Un melograno al giorno...

Un melograno al giorno...
 I nostri antenati lo consideravano la “cura di tutti i mali”, quel frutto che viene raccolto in autunno da grossi arbusti coltivati in tutta l'area mediterranea. Il succo di melograno, o melograna che dir si voglia, è ricavato dalla spremitura dei cosiddetti arilli, involucri rossi dei semini del melograno. Appare come una bevanda molto gustosa e dissetante e, al temp (continua)

Le proteine? Le voglio vegetali!

Le proteine? Le voglio vegetali!
 E' risaputo ormai che le proteine non sono presenti solo negli elementi di origine animale ma anche molti prodotti vegetali ne sono ricchi: legumi, cereali, tofu, tempeh, quinoa, semi di canapa, mandorle, semi di chia, alga spirulina, ortaggi ed albicocche desidratate rappresentano una possibile dieta proteica a base vegetale. Le proteine, in particolare, sono fondamentali per la formaz (continua)

Liberi dal glutine, Liberi di scegliere!

Liberi dal glutine, Liberi di scegliere!
 La celiachia è il nome della malattia infiammatoria dell'intestino causata dall'intolleranza al glutine. Ma cos'è il glutine? Si tratta di una componente proteica presente in molti elementi di cui ogni giorno ci cibiamo, in particolar modo la troviamo nel frumento e nei cereali (farro, orzo, segale, avena, kamut, spelta, triticale, malto, greuken, seitan). In realt&agra (continua)