Home > Economia e Finanza > Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia

Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia

articolo pubblicato da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia

 Il decreto interministeriale per la ripartizione dei fondi destinati agli autotrasportatori ha ottenuto nei giorni scorsi l’attuazione definitiva con la firma del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan. Il provvedimento, siglato in precedenza anche dal Ministro dei Trasporti Delrio, va a sbloccare di fatto le risorse che riguardano le agevolazioni fiscali, dando il via libera non solo alle deduzioni forfetarie delle spese non documentate, ma anche al recupero dei contributi al Servizio Sanitario Nazionale sui premi di assicurazione relativi alla RCA e ai danni derivanti dalla circolazione dei mezzi per il trasporto merci dalla massa complessiva non inferiore a 11,5 tonnellate.

Ma ancora più importante sarà il passo successivo con la firma del decreto ministeriale per gli Investimenti 2016 da parte del Ministero dei Trasporti contenente una serie di misure strategiche per il rilancio economico ed occupazionale del settore. Il tema degli investimenti nei trasporti su gomma in Italia rappresenta senza dubbio una priorità che le istituzioni sono chiamate a gestire nella maniera più efficiente, e soprattutto un argomento di interesse primario per operatori e rappresentanti di categoria.

Lo stanziamento dei fondi, infatti, sarà finalizzato ad incentivare un processo di ammodernamento che riguarda sia i mezzi di trasporto che le infrastrutture stesse. Come ha sottolineato lo stesso presidente di Anita – Thomas Baumgartner – tali investimenti voluti dal Governo servono ad incentivare l’utilizzo di mezzi pesanti e semirimorchi rispettosi dei vincoli legati all’inquinamento ambientale, e soprattutto compatibili con il trasporto intermodale.  L’intento è quello di favorire la cosidetta conversione modale, incrementando l’efficienza del trasporto intermodale ferroviario e marittimo. Una condizione essenziale per far tornare ad essere competitive le imprese italiane, nonché a rendere il nostro Paese più attrattivo per gli investitori stranieri.

Il trasporto auto bisarca guarda con interesse agli sviluppi connessi alle decisioni dell’Esecutivo in materia di investimenti, e lo fa con la consapevolezza della necessità di attuare una serie di interventi strategici mirati a migliorare l’intera rete dei trasporti in Italia. Tuttavia, le problematiche legate all’efficientamento logistico permangono, come dimostrano i disagi registrati negli ultimi giorni in diversi porti italiani derivanti dalle nuove disposizioni in materia di certificazione pesatura dei container. 

autotrasporto | trasporto auto bisarca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ azienda familiare Corti Autotrasporti ha un nuovo blog


Profilo Google Plus di Ippolito Corti, titolare della Corti Autotrasporti srl


indagini investigative difensive


Ottava Edizione Conferenza sulla Comunicazione e sui Media BRAND IDENTITY. L’IDENTITA’ FRA IMPRESE, BRAND, PRODOTTI E SERVIZI 4 dicembre 2013 Ore 9.30-17.00 Auditorium Enel - Roma, Viale Regina Margherita 125


MASTER IN ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE E DEI MEDIA


Autotrasporti: arrivano gli incentivi per rinnovare la flotta


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Detrazioni Bonus infissi: aggiornato il Vademecum ENEA

Detrazioni Bonus infissi: aggiornato il Vademecum ENEA
 Seppur con un sistema produttivo paralizzato dalla crisi causata dal Covid-19, il tema delle agevolazioni fiscali correlate alla riqualificazione e al risparmio energetico resta di vitale importanza sia per gli operatori del comparto serramenti e infissi in legno, che per gli stessi consumatori finali. Con l’aggiornamento del Vademecum infissi e serramenti dello scorso 25 marzo, l&rsq (continua)

Coronavirus: dal MIT arrivano rassicurazioni sul blocco delle macchine agricole

Coronavirus: dal MIT arrivano rassicurazioni sul blocco delle macchine agricole
 L’emergenza sanitaria Covid-19 che sta investendo l’intero pianeta, porta con sé ineludibili conseguenze sul piano economico e sociale. Lo sa ben il nostro Paese, costretto a rallentare il motore produttivo, fatta eccezione per quelle attività economiche ritenute essenziali. Ad essere travolta dallo tsunami Coronavirus anche la filiera agroalimentare, in particolare (continua)

Difesa personale: l’emergenza Covid-19 non ferma il pericolo aggressioni

Difesa personale: l’emergenza Covid-19 non ferma il pericolo aggressioni
  L’emergenza sanitaria che ha colpito pesantemente il nostro Paese non basta a fermare del tutto il rischio di subire attacchi e violenze alla propria persona. Nonostante il divieto assoluto di uscire di casa (se non per estrema necessità) imposto dalle norme anti Coronavirus, gli episodi di criminalità nelle nostre città deserte continuano a perpetrarsi. E protag (continua)

Mobili antichi e Shabby Chic: oltre al restauro è importante un trattamento antitarlo

Mobili antichi e Shabby Chic: oltre al restauro è importante un trattamento antitarlo
 Uno degli stili d’arredo più di tendenza nell’epoca contemporanea è indubbiamente quello dello Shabby Chic (letteralmente “trasandato”), un modo creativo di arredare gli interni votato al vintage, che si ispira a quello delle vecchie case di campagna inglesi. Nato negli Stati Uniti, questo stile d’arredamento consiste nel riutilizzare mobili e ogge (continua)

Immobiliare e Coronavirus: i rappresentanti di categoria chiedono interventi urgenti

Immobiliare e Coronavirus: i rappresentanti di categoria chiedono interventi urgenti
  La tempesta scatenata dal Covid-19 che si è abbattuta sulla nostra penisola sta mettendo in ginocchio l’intero sistema economico nazionale, con notevoli ripercussioni anche su un settore strategico come quello immobiliare. A subirne gli effetti sono famiglie e agenzie, per le quali il rischio concreto è quello di perdere il 50% del fatturato. Cambio Casa, l’agenzi (continua)