Home > Economia e Finanza > Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia

Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia

scritto da: Webmasterdeslab | segnala un abuso

Risorse negli autotrasporti, via libera alla ripartizione dal Ministero dell’Economia


 Il decreto interministeriale per la ripartizione dei fondi destinati agli autotrasportatori ha ottenuto nei giorni scorsi l’attuazione definitiva con la firma del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan. Il provvedimento, siglato in precedenza anche dal Ministro dei Trasporti Delrio, va a sbloccare di fatto le risorse che riguardano le agevolazioni fiscali, dando il via libera non solo alle deduzioni forfetarie delle spese non documentate, ma anche al recupero dei contributi al Servizio Sanitario Nazionale sui premi di assicurazione relativi alla RCA e ai danni derivanti dalla circolazione dei mezzi per il trasporto merci dalla massa complessiva non inferiore a 11,5 tonnellate.

Ma ancora più importante sarà il passo successivo con la firma del decreto ministeriale per gli Investimenti 2016 da parte del Ministero dei Trasporti contenente una serie di misure strategiche per il rilancio economico ed occupazionale del settore. Il tema degli investimenti nei trasporti su gomma in Italia rappresenta senza dubbio una priorità che le istituzioni sono chiamate a gestire nella maniera più efficiente, e soprattutto un argomento di interesse primario per operatori e rappresentanti di categoria.

Lo stanziamento dei fondi, infatti, sarà finalizzato ad incentivare un processo di ammodernamento che riguarda sia i mezzi di trasporto che le infrastrutture stesse. Come ha sottolineato lo stesso presidente di Anita – Thomas Baumgartner – tali investimenti voluti dal Governo servono ad incentivare l’utilizzo di mezzi pesanti e semirimorchi rispettosi dei vincoli legati all’inquinamento ambientale, e soprattutto compatibili con il trasporto intermodale.  L’intento è quello di favorire la cosidetta conversione modale, incrementando l’efficienza del trasporto intermodale ferroviario e marittimo. Una condizione essenziale per far tornare ad essere competitive le imprese italiane, nonché a rendere il nostro Paese più attrattivo per gli investitori stranieri.

Il trasporto auto bisarca guarda con interesse agli sviluppi connessi alle decisioni dell’Esecutivo in materia di investimenti, e lo fa con la consapevolezza della necessità di attuare una serie di interventi strategici mirati a migliorare l’intera rete dei trasporti in Italia. Tuttavia, le problematiche legate all’efficientamento logistico permangono, come dimostrano i disagi registrati negli ultimi giorni in diversi porti italiani derivanti dalle nuove disposizioni in materia di certificazione pesatura dei container. 


Fonte notizia: http://www.autotrasportiprocacci.it/


autotrasporto | trasporto auto bisarca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’ azienda familiare Corti Autotrasporti ha un nuovo blog


Profilo Google Plus di Ippolito Corti, titolare della Corti Autotrasporti srl


Logistica di magazzino e trasporto merci: l’importanza del partner giusto


indagini investigative difensive


Ottava Edizione Conferenza sulla Comunicazione e sui Media BRAND IDENTITY. L’IDENTITA’ FRA IMPRESE, BRAND, PRODOTTI E SERVIZI 4 dicembre 2013 Ore 9.30-17.00 Auditorium Enel - Roma, Viale Regina Margherita 125


Cashback è lo specchietto delle allodole della privacy


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Goudotostes Angelii: dalle montagne del Madagascar un nuovo coleottero

Goudotostes Angelii: dalle montagne del Madagascar un nuovo coleottero
Trattamento antitarlo: la scoperta in Madagascar del Goudotostes Angelii, un coleottero microscopico capace di mimetizzarsi. Microscopico e potenzialmente un bersaglio del trattamento antitarlo: dalle montagne del Madagascar arriva la scoperta, tutta italiana, di un nuovo coleottero tropicale, ovvero il Goudotostes Angelii. Presente negli ambienti umidi delle foreste pluviali dell’isola africana, questo insetto è stato scoperto dall’entomologo bresciano Alberto Ballerio, setacciando le foglie cadute e utilizzando a (continua)

Omofobia, spray peperoncino salva ragazzo da pestaggio

Omofobia, spray peperoncino salva ragazzo da pestaggio
Violenza e omofobia: un ragazzo riesce a salvarsi da un’aggressione veemente grazie allo spray urticante. Essere vittima di un linciaggio perché omossessuale, un fenomeno sociale che, assieme alla violenza sulle donne, dilaga ormai inesorabilmente in ogni parte del mondo. Non a caso, l’omofobia è un tema centralissimo nel dibattito politico-sociale di oggi. E uno spray antiaggressione, anche in questo caso, può salvare davvero la vita delle persone. Questo è successo qualche giorno fa ad un rag (continua)

Immobili: la pandemia non lascia ripercussioni sui mercati

Immobili: la pandemia non lascia ripercussioni sui mercati
Effetti della pandemia e prospettive del comparto immobiliare: cosa pensano gli agenti immobiliari in Italia. La pandemia da Covid-19 e la ripresa della curva dei contagi in Italia non sembrano mutare in peggio il quadro relativo al settore immobiliare. A dirlo è l’indagine congiunturale sul mercato condotta da Banca d’Italia, Agenzia delle Entrate e TecnoBorsa su un campione di 1425 agenti immobiliari, al fine di comprendere lo stato di salute del comparto nel periodo fine 2021 e inizio 2022. Per (continua)

Ristrutturazione casa: il Bonus Mobili con la sostituzione infissi

Ristrutturazione casa: il Bonus Mobili con la sostituzione infissi
Infissi esterni: quando la loro sostituzione dà diritto all’agevolazione fiscale Bonus Mobili. Con la Legge di Bilancio 2022 sarà prorogato fino al 2024 il Bonus Mobili e grandi elettrodomestici, ovvero uno degli incentivi fiscali più richiesti dai contribuenti italiani negli ultimi anni, ma tra quelli ad essere più vincolati ad altri interventi per la riqualificazione della casa. Un bonus legato anche alla sostituzione infissi. E a chiarire questo importante aspetto ci ha pensato l’Ag (continua)

Coleotteri parassiti del legno: milioni di anni fa furono ad un passo dall’estinzione

Coleotteri parassiti del legno: milioni di anni fa furono ad un passo dall’estinzione
Tarli del legno: le cause dell’estinzione di massa degli insetti xilofagi di 250 milioni di anni fa. Immaginare oggi un eco-sistema senza la presenza dei tarli del legno è difficile, eppure in un passato remoto questo è avvenuto sul nostro pianeta. Il periodo è quello del Permiano, ossia 250 milioni di anni fa, un’era durante la quale c’è stata una vera e propria estinzione di massa dei coleotteri. Un team di ricercatori, analizzando alcuni fossili e l’evoluzione di questi insetti fino al (continua)