Home > Musica > "Riso fa buon sangue" con Enrico Nadai, Paolo Franceschini, Senso d'Oppio e Leonardo Manera a Bottrighe-Adria (RO). Regia di Enrico Cibotto

"Riso fa buon sangue" con Enrico Nadai, Paolo Franceschini, Senso d'Oppio e Leonardo Manera a Bottrighe-Adria (RO). Regia di Enrico Cibotto

articolo pubblicato da: gianni | segnala un abuso

Sabato 30 Luglio alle 21.00, in Piazza Libertà a Bottrighe-Adria (RO), si terrà uno spettacolo di cabaret con gli artisti di "Riso fa buon sangue" Paolo Franceschini, leonardo Manera, Senso d'oppio e il giovane cantante Enrico Nadai, conosciuto al grande pubblico per le sue partecipazioni alle trasmissioni televisive "Io canto" e "Xfactor", che presenterà i suoi nuovi singoli "Instabile" e "Rido" scritti dal maestro Dino Doni. Alla regia il direttore artistico Enrico Cibotto. L'evento, organizzato dall'Avis Comunale di Adria e Avis regionale Veneto in collaborazione con l'associazione no profit "amici del cabaret" , ha lo scopo di promuovere, attraverso la comicità, la donazione del sangue.Ingresso libero e gratuito.

cabaret | musica | teatro | comici | live | piazza | rovigo | adria |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE

ENRICO NADAI-PORTAMI LONTANO- INNO ALL'AMORE
Ho conosciuto Enrico Nadai alcuni anni fa quando, invitato a cantare al Centro Culturale Humanitas di Conegliano, venne premiato per la sua attività in mezzo ai giovani. Nato a Conegliano il 26 maggio 1996, in giovanissima età ha intrapreso alcune esperienze televisive, per le quali ha ricevuto il riconoscimento di Giulio Rapetti (Mogol). Nel 2011 ha partecipato al Concerto per la pace, tenutos (continua)

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...

ENRICO NADAI-SE IL CONSUMISMO S'E' MANGIATO ANCHE LA MUSICA...
Se dicessimo a qualcuno che oggi la musica è scomparsa gli daremmo buone ragioni di pensare che siamo impazziti. Ma si regga il peso del paradosso: la musica è scomparsa dopo essersi fatta totale. Tra coloro che se ne resero conto ci fu Thomas Bernhard. Nel 1985, nell’opera “Antichi Maestri”, l’autore austriaco scriveva che l’ascolto della musica non è più un fatto eccezionale giacché la si trova (continua)

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO

ENRICO NADAI-SONO L'UNICO ARTISTA INDIE RIMASTO
ono anni che mi domando cosa sia la musica indie. Me lo chiedevo già alle scuole superiori quando, ascoltando alcuni artisti di punta del panorama suddetto, mi chiedevo cosa potesse caratterizzarne la diversità. Era bello ascoltare musica apparentemente destinata a pochi. Non ero abilissimo a coglierne i messaggi politici (quando ce n’erano), ma era palese che quelle partiture suonassero dalla par (continua)

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE

ENRICO NADAI-L'EREDITA' DEL DOLORE E DELLA CROCE
“La notte del Getsemani” – l’ultima fatica letteraria dello psicoanalista Massimo Recalcati – è un bel saggio. Ci si avvicina con sospetto ad uno scritto che accosta con ricorrenza il nome di Gesù a quello di Jacques Lacan, eppure in quest’occasione c’è quasi da gioirne. È un libro che accarezza la memoria nell’epoca dell’«ossessiva dimenticanza», come avrebbe scritto Kundera; ci ricorda che, p (continua)

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO

ENRICO NADAI-DERUBATI DEL TEMPO
Dormire, annoiarsi, concedersi qualche ora di tregua dai dispositivi elettronici, cancellare il proprio profilo Facebook, Instagram, Twitter o Google sono – a nostra insaputa – gesti rivoluzionari. Se nel Novecento le rivoluzioni si facevano ribaltando i grandi luoghi di potere, oggi la situazione è cambiata: la rivoluzione è a portata di mano e i luoghi si sono fatti piccolissimi da quando i prin (continua)