Home > Primo Piano > G DATA: 9.468 nuovi malware per Android al giorno tra gennaio e giugno 2016

G DATA: 9.468 nuovi malware per Android al giorno tra gennaio e giugno 2016

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

G DATA: 9.468 nuovi malware per Android al giorno tra gennaio e giugno 2016

 G DATA pubblica il Mobile Malware Report per la prima metà del 2016: nuovi ransomware minacciano i dispositivi Android

 
Con la fine del 2015 gli esperti di sicurezza G DATA avevano previsto un ulteriore incremento del malware per Android ma le attuali tipologie di attacco hanno raggiunto un nuovo livello di qualità: i ransomware prendono sempre più spesso di mira anche gli utenti Android. Sinora i malware per Android raggiungevano lo smartphone degli utenti poiché questi ultimi scaricavano app da fonti non sicure. Nel frattempo i cybercriminali hanno trovato il modo di iniettare ransomware e altri malware sui device mobili senza alcuna interazione diretta con l’utente: basta una visita ad un sito per scaricare il malware sul dispositivo mobile tramite infezione “drive-by” (di passaggio). Gli esperti G DATA illustrano il nuovo metodo di infezione nell’attuale G DATA Mobile Malware Report relativo al periodo gennaio/giugno 2016, ora disponibile online.
 
“Gli smartphone e i tablet sono stati oggetto di particolare interesse da parte dei cybercriminali e gli attacchi perpetrati sono stati notevolmente perfezionati, lato qualitativo, nel corso di questo primo semestre”, spiega Christian Geschkat, Product Manager Soluzioni Mobili di G DATA. “Gli utenti dovrebbero dotare i propri dispositivi mobili di una protezione completa e assicurarsi di mantenere il sistema operativo sempre aggiornato[1]. In questo modo é possibile prevenire la maggior parte delle minacce”.
 
Come funzionano le infezioni “drive-by”?
I criminali accedono abusivamente a server web e creano siti manipolati ad arte, su cui attraggono eventuali utenti tramite spam o con campagne pubblicitarie. Quando vi si accede, il malware viene installato in modo invisibile sul dispositivo, sfruttando falle di sicurezza del sistema operativo Android ivi presente. Questa tipologia di attacco viene impiegata con crescente successo per infettare gli utenti con cavalli di Troja, preludio dell’installazione di ransomware, che criptano l’intero contenuto del dispositivo, chiedendo un riscatto in cambio della chiave di cifratura, o “congelano” il dispositivo e non permettono all’utente di accedere ai dati o a qualsiasi altra funzione, senza previo pagamento di un riscatto.
 
9,468 nuove istanze di malware al giorno!
I quasi due milioni (1.723.265) di nuove app fraudolente o istanze di malware per Android apparse nella prima metà del 2016 equivalgono ad un incremento delle minacce superiore al 30% rispetto allo stesso periodo del 2015. In media gli esperti G DATA hanno rilevato 9.468 nuovi malware per Android su base giornaliera, ossia un nuovo campione di malware ogni 9 secondi.  In questa prima metà dell’anno gli analisti hanno già identificato più malware che nell’intero corso del 2014.
 
Il G DATA Mobile Malware Report H1/2016 (in lingua inglese) é reperibile al link:
https://secure.gd/dl-en-mmwr201601
 
[1] Compito purtroppo arduo e non proprio per carente volontà degli utenti, come già accennato qui: bit.ly/2aUwtEe
 

G DATA | cybercriminalità | dispositivi Android | infezioni drive-by | malware | mobile malware report | ransomware | smartphone | Soluzioni Mobili | tablet |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Le cifre del malware nel primo semestre 2018: il pericolo si annida sul web


Oltre il 50% dei malware per Android mira a transazioni finanziarie


"Domenica In " - Mara Venier e Gianni Boncompagni i più amati della fortunata trasmissione. Lo dice il Web!


Impennata di cyberattacchi su dispositivi Android


Android: G DATA rileva oltre 4.500 nuovi malware al giorno


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom
 Con il suo A150, Snom, produttore internazionale di terminali VoIP premium per aziende e professionisti presenta un headset ultraleggero senza fili, che si avvale del protocollo DECT per massimizzarne la portata. L’eccellente qualità audio e la comodità d’uso una volta indossato caratterizzano l’elegante dispositivo sovrauricolare dotato di numerose funzionali (continua)

Un binomio inseparabile: la trasmissione di dati e voce in ambito professionale

Un binomio inseparabile:  la trasmissione di dati e voce in ambito professionale
 Sebbene oggi la maggior parte degli utenti di telefoni professionali sa che la propria voce viene trasportata „over IP“, solo a pochi è chiaro cosa ciò comporti esattamente e cosa sia necessario per renderlo possibile.   Mentre l’utenza privata si avvale ancora di piattaforme Internet pubbliche per chiamare a poco costo o gratuitamente amici e parenti, (continua)

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717
 Snom, pioniere e produttore tedesco leader di telefoni IP per l’uso professionale annuncia la disponibilità del suo nuovo D717, il modello “entry level” della serie premium di terminali IP da scrivania D7xx. A dispetto della qualifica di modello di base, lo Snom D717 é paperless, poichè dotato di tasti funzione digitali e di un display a colori, risulta (continua)

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze
 Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per aziende e professionisti illustra come soluzioni per teleconferenze non invasive nè impattanti sul budget IT consentano di incrementare la produttività di qualsiasi organizzazione, dalle start-up alle PMI, fino alle grandi aziende, grazie alla loro fruibilità nei più diversi scenari d’uso.   S (continua)

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT
 Nelle aziende, i responsabili dell’infrastruttura IT sono solitamente in prima linea quando si tratta di misurare l'impatto di eventuali variazioni del modo di operare dei dipendenti. Nonostante l’assiduo monitoraggio, negli ultimi anni sono emerse nuove pratiche non sicure tra cui la "Shadow IT", ovvero l'uso di applicazioni e servizi, spesso basati su cloud, parallela (continua)