Home > Sport > ARCO 2011, L’ARRAMPICATA È DI CASA. L’ALTO GARDA ATTENDE I “BIG” IL PROSSIMO LUGLIO

ARCO 2011, L’ARRAMPICATA È DI CASA. L’ALTO GARDA ATTENDE I “BIG” IL PROSSIMO LUGLIO

scritto da: Newspower | segnala un abuso

ARCO 2011, L’ARRAMPICATA È DI CASA. L’ALTO GARDA ATTENDE I “BIG” IL PROSSIMO LUGLIO


 Dal 15 al 24 luglio si disputa l’IFSC Climbing World Championship ad Arco (TN)

Grande attesa e tante iniziative per la “10 giorni” dell’arrampicata

Presentazione ufficiale a Roma, al Palazzo delle Federazioni, lo scorso 26 febbraio

Arco città “storica”, quasi 30 anni di arrampicata nell’Alto Garda Trentino

 

 

Cresce l’attesa per l’IFSC Climbing World Championship, in programma per la sua “prima volta” in Italia quest’estate, precisamente tra il 15 e il 24 luglio, ad Arco in Trentino.

Poco meno di due settimane fa, il comitato organizzatore della kermesse iridata ha presentato l’evento in una conferenza ospitata presso il Palazzo delle Federazioni a Roma, annunciando i dettagli della manifestazione e portando il proprio saluto a tutte le autorità presenti, compreso il presidente dell’IFSC Marco Scolaris.

È abbastanza intuitivo che l’IFSC Climbing World Championship sia una manifestazione maiuscola, sia dal punto di vista sportivo, sia da quello socio-turistico, con conseguente lustro e prestigio per tutta l’area dell’Alto Garda trentino. Quello che forse viene lasciato troppo spesso nel dimenticatoio è il significato più profondo che la sede di Arco racchiude, legato alla storia mondiale dell’arrampicata e alle origini di questo sport.

La cittadina trentina è infatti una delle protagoniste delle prime esplorazioni in verticale italiane, databili all’inizio degli anni ‘80, scintille originarie di quella che oggi è la disciplina sportiva che tutti conosciamo.

Circa 30 anni fa, ad Arco, la “palestra” più gettonata era quella costituita dalle rocce di falesia del monte Colodri, dove qualche raro e temerario innovatore iniziava, in quegli anni, a tentare l’ascesa in libera.

Fu proprio in quel periodo che una coppia di scalatori, di ritorno dalle pareti dolomitiche, passò da Arco e rimase molto affascinata dagli esperimenti innovativi sul Colodri. Si trattava di due futuri “mostri sacri” dell’arrampicata, Heinz Mariacher e Luisa Iovane, unica donna italiana, tra l’altro, qualche anno più tardi ad aver espugnato il podio della competizione arcense per antonomasia, il “Rock Master” (secondo posto per lei nel 1987).

I due tornarono all’attacco con una vera e propria squadra di talentuosi ed appassionati “rampegadores”, come ad esempio Maurizio Zanolla detto Manolo, Bruno Pederiva e Roberto Bassi, futuro vincitore del primo Campionato italiano di arrampicata, ed insieme iniziarono ad esplorare “in libera” le pareti.

Ormai il dado era tratto, e dopo Arco la squadra iniziò ad esplorare altre e nuove rocce, gettando così benzina su un fuoco oramai già ben avviato.

Non avrebbe tardato molto ad arrivare il battesimo ufficiale per lo sport dell’arrampicata, databile nel 1985 con le prime gare ufficiali italiane, che si tennero a Bardonecchia, in Piemonte, e che costituirono una prima assoluta, preceduta soltanto da qualcosa di simile in Russia. Nell’allora Unione Sovietica, infatti, si disputavano dagli anni ’70 gare di velocità, che costituivano però soltanto un intermezzo alle prove alpinistiche.

Dopo l’avvio dato in Piemonte, la seconda edizione di Sport Roccia si tenne in due manche, e a Bardonecchia si affiancò Arco. In quei primi appuntamenti ancora non era chiara la strada che lo sport dell’arrampicata avrebbe percorso, ma le potenzialità vennero intuite chiaramente. Un’ulteriore conferma della crescente rilevanza di questi incontri fu la risonanza mediatica, con la prima diretta RAI delle competizioni. Fu così che l’anno successivo ad Arco sbarcò il Rock Master, spettacolare appuntamento per i climbers più forti del mondo, e che in occasione dell’IFSC Climbing World Championship festeggerà la sua 25.a edizione. Questo traguardo è stato raggiunto anche grazie ai primi passi compiuti dagli “esploratori” e al duro lavoro dietro le quinte del gruppo di organizzatori. Tra questi vanno ricordati almeno i nomi di Mario Morandini, “lungimirante” assessore al turismo ad Arco negli anni ‘80, e quello di Ennio Lattisi, grande appassionato di montagna ed allora assessore allo sport, al quale è dedicato l’ormai tradizionale “Duello” del Rock Master, a cui si affiancarono subito Albino Marchi (attuale presidente del CO Arco 2011), Giuseppe Filippi, Sergio Calzà, Giuliano Emanuelli, Daniela Comperini ed Angelo Seneci, da sempre direttore tecnico della manifestazione.

Fu proprio dall’eclettica figura di Lattisi che partì la spinta alla creazione di una parete artificiale, sulla quale spostare le competizioni. A partire dal 1988 l’idea di Lattisi venne messa in pratica, con la creazione di una prima parete artificiale, che si poteva smontare e rimontare in occasione di ciascuna gara. Nel 1992 fu progettata una struttura più durevole, una parete fissa adatta alle esigenze del nuovo millennio in arrivo. Nacque in questo modo il “germe” del Climbing Stadium, attraversato nel corso degli anni dai più grandi talenti mondiali, e che nel 2011 ospiterà il primo campionato iridato nella cittadina trentina.

La struttura è oramai pronta a tutti gli effetti per le competizioni dell’IFSC Climbing World Championship e (dato non da poco) del 1° IFSC Paraclimbing World Championship. Oltre al rifacimento ed ampliamento della copertura, è in fase di realizzazione una nuova struttura fissa, sotto la quale verrà posta la parete boulder, e lo stadio sarà dotato anche di un’altra parete mobile dedicata alla team speed.

Perché il grande spettacolo dell’arrampicata mondiale abbia inizio, non rimane che attendere i grandi atleti del panorama globale, e intanto le iscrizioni corrono già a ritmo folle, con ben 55 nazioni prenotate per la prossima estate…di fuoco.

www.arco2011.it


Fonte notizia: http://www.newspower.it/


sport | arrampicata | rock master | ifsc climbing | arco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ROCK MASTER 2012, SPETTACOLO POST-MONDIALE. IL CLIMBING STADIUM È CENTRO FEDERALE


L’ARRAMPICATA MONDIALE SI PRESENTA. TOLTO IL VELO ALL’IFSC CLIMBING WORLD CHAMPIONSHIP


ARCO (TN) PRESENTA IL CENTRO FEDERALE. IL CLIMBING STADIUM È IL CUORE DELL’ARRAMPICATA


UN TROFEO TUTTO TRENTINO PER ARCO 2011 IL CAMPIONATO MONDIALE È SEMPRE PIÙ VICINO


ROCK MASTER E “TRICOLORI” AL CLIMBING STADIUM, APERTO TUTTI I GIORNI CON LE GUIDE ALPINE


L’ARRAMPICATA AD ARCO CAMBIA VOLTO, ROCK MASTER FESTIVAL È UN “PRODOTTO”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito

 Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito
Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre 64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni “Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina (continua)

Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito

 Ciocco: terre di poeti e canzoni d'autore. In 15 a ballare sul podio con l'oro inedito
Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre 64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni “Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina (continua)

Pezzo, Pallhuber, Simoni e Bonazzi. Sabato al Ciocco il Mondiale Master con Revival

Pezzo, Pallhuber, Simoni e Bonazzi. Sabato al Ciocco il Mondiale Master con Revival
Campioni olimpici, mondiali e italiani per ricordare i 30 anni dal 1991 Master in gara nella prima Marathon iridata della storia Un pacco gara da leccarsi i baffi dalla “Terra di lupi e di briganti” I grandi campioni apripista e “attori” per il Revival 2022 Ludovico Ariosto, “padre” dell’Orlando Furioso, nel 500 fu governatore della Garfagnana a Castelnuovo, a due colpi di pedale dal tracciato di gara, e definì questa porzione di Toscana così diversa, aspra e selvaggia “Terra di lupi e di briganti”.Sabato i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master i boschi della Valle del Serchio e della tenuta del Ciocco, la ‘Living Mountain’, (continua)

In City Golf Trento: hole in one. Attenzione! Sabato golfisti in città

 In City Golf Trento: hole in one. Attenzione! Sabato golfisti in città
Presentata oggi a Palazzo Geremia l’edizione 2021 di In City Golf Sabato 18 settembre torneo con 72 golfisti in una gara a 18 buche Grande valore mediatico dell’evento a Trento per la quarta volta Si comincia dalle ore 11, coinvolto il centro della città “Da quello che era un sogno, ora siamo ben presenti e concreti. Su Google, cercando “In City Golf” appaiono ben 73.112 risultati, con un valore mediatico di 1,5 milioni di euro, ad ogni edizione abbiamo in media più di 55 ore di televisione e 5.421 pagine di rassegna stampa in totale, tra cui l’ultima copertina di Livein Magazine. Abbiamo portato mille giocatori in dieci diverse location ospitanti (continua)

Arco: Rock Master dà i numeri...L'arrampicata impazza in TV

Arco: Rock Master dà i numeri...L'arrampicata impazza in TV
Incontro con autorità e partner per annunciare i numeri della 34.a edizione Diretta RAI Sport con 700.000 contatti, servizi in vari TG nazionali e locali Su YouTube 130.000 visualizzazioni, 103.000 quelle sul canale di Ondra del Rock Master Istituzioni e sponsor ancora a braccetto con gli organizzatori: formula novità per il 2022 "Il mio sogno fin da piccolo non era vincere Olimpiadi o Mondiali, ma vincere il Rock Master!” Sono le parole di Adam Ondra, l’atleta più forte e venerato al mondo dell’arrampicata sportiva. E lui ha vinto per la sesta volta il Rock Master.È avvenuto a fine agosto, al Climbing Stadium di Arco, e oggi il successo non è ancora spento. A ravvivare l’interesse ci hanno pensato gli organizzatori guidat (continua)