Home > Altro > Scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli

Scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli

scritto da: Luciospartaco | segnala un abuso


Scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli
 
A proposito del rapporto che si instaura, inestricabilmente, tra militanza politica e scrittura, mi sorge una riflessione. A partire dall'esigenza di far ricorso alla parola scritta, anzitutto, ma non solo, per ragioni di militanza politica. Uno scopo che condivido e metto in pratica anch'io. Io scrivo per motivi di lavoro e per finalità riconducibili alla propaganda politico-ideologica (se così vogliamo dire). Ma non scrivo solo per tali necessità. Scrivo anche e soprattutto per un bisogno esistenziale: per una sorta di "legittima difesa". Come suggerisce un'arguta e formidabile battuta umoristica di Woody Allen. Non mi limito a scrivere per essere letto ed apprezzato dalla massa. Il "gregge" lo lascio volentieri ai "pastori". Non mi interessa nemmeno raggiungere il traguardo tanto ambito o anelato da giornalisti, pennivendoli e blogger, cioè la popolarità, né riscuotere i consensi e le simpatie altrui, o conseguire il successo e la "gloria". Ancor meno mi preme esibire il "buon senso". Una prerogativa che riservo volentieri ai benpensanti e ai moralisti, che sono sempre in agguato. Tantomeno mi preoccupo di dispensare prediche. Le lascio ai preti e ai baciapile di ogni confessione religiosa. I valori a cui tengo sono l'etica (intesa come giustizia sociale) e l'estetica, concepita come ricerca del bello. Da non confondersi, banalmente, con la bellezza squisitamente esteriore. Ebbene, che cosa potrei guadagnare nello scrivere contenuti spiacevoli o sgraditi al "gusto medio" della gente? Soldi? Fama? Visibilità? Nisba. Allora, cosa? Ricerco tutt'altro. Direi che mi trovo costantemente alla ricerca, ma non saprei spiegare esattamente di cosa. Le strade della ricerca potrebbero rivelarsi errate, ma il punto essenziale consiste nell'intraprendere il cammino, insistere con tenacia ed onestà in un "viaggio senza valigie". Così scriveva Emilio Salgari: "scrivere è come viaggiare senza la seccatura dei bagagli". Ecco, dunque, la ragione latente della mia grafomania: un'irrefrenabile istanza di libertà interiore.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Depositare i bagagli a Firenze grazie a Stasher.com in assoluta sicurezza e comodità


Aeroporti di Roma: Fabrizio Palenzona "niente più bagagli smarriti con Net 6000"


Aeroporti di Roma, Fabrizio Palenzona, tutte le informazioni utili sui bagagli a mano e da stiva per vivere l’aeroporto tra sicurezza e confort


Vola all’Elba in 30 minuti su Rosie Probert Too


Quando l'auto è troppo carica


TERMINAL ISONZO 2: INAUGURATA OGGI, MERCOLEDI' 13 LUGLIO 2011, LA NUOVA STAZIONE CROCIERE DI VENEZIA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Re-nzi-ferendum

Si approssima la data fissata per il referendum costituzionale ed il "premier" Renzi spara le sue ultime cartucce (a salve). Dopo le politiche di macelleria sociale, Jobs Act e Buona Scuola in primis, la ratifica a colpi di fiducia delle peggiori controriforme degli ultimi anni, ecco le briciole per incantare ed ingannare giovani, lavoratori e pensionati. Prima la miserabile uscita sui 5 (continua)

Il pane e i denti

Il pane e i denti
Come recita un antico adagio popolare, "il padreterno regala il pane a chi è sprovvisto dei denti", l'Istituto Comprensivo di Lioni ha ricevuto il pane, ma non i denti per masticarlo. Nel senso che l'istituto dispone di due edifici all'avanguardia, sia per ospitare la sezione dell'infanzia e della primaria, sia per la secondaria di primo grado. Si tratta di strutture che furono co (continua)

Una proposta di Educazione digitale

Finora non ho avuto il tempo a disposizione per riflettere sul caso di Tiziana, la ragazza suicida per la vergogna. Ma non credete che si debba tentare un approccio più serio, intelligente ed approfondito rispetto ai vari post e ai commenti letti a riguardo? La tragica vicenda della donna che si è tolta la vita, amareggiata e depressa da una sorta di "gogna virtuale" a cui (continua)

Diario di un maestro

https://youtu.be/YZrcJhrm_Qk   All'inizio di ogni anno scolastico, si rinnova l'abitudine (quasi fosse un rito propiziatorio) di rivedere, con sommo diletto personale, lo sceneggiato televisivo "Diario di un maestro", prodotto nel 1972 da Mamma Rai, che all'epoca assolveva ad un'importante funzione pedagogico-culturale.   Trasmesso in TV l'anno seguente, lo sceneggiato era (continua)

Mafia S p A

Assistiamo ad un'opera di cementificazione sempre più selvaggia ed incontrollata del territorio italiano, che ospita una vasta percentuale del patrimonio artistico, architettonico e culturale dell'umanità, ma pure un ricco patrimonio naturalistico. La speculazione edilizia è un affare della malavita imprenditoriale che stringe accordi con le istituzioni politiche ed altri cent (continua)