Home > Informatica > Digital Think Tank: da AUSED un Report su quattro macro aree di indagine

Digital Think Tank: da AUSED un Report su quattro macro aree di indagine

scritto da: Marcomm | segnala un abuso

Digital Think Tank: da AUSED un Report su quattro macro aree di indagine


 Dall’Innovation LAB & AUSED ACADEMY uno studio su Digital Business Strategy, profili organizzativi alla luce della Digital Transformation, Tech Trends e implicazioni socio economiche.

Il Gruppo di Lavoro coinvolto nel primo progetto del DIGITAL Think Tank, a cura dell’Innovation LAB & AUSED ACADEMY, ha rilasciato in questi giorni il Report prodotto al termine della sua prima fase.

Come si evince dal Summary di questo Report, la ricerca empirica del progetto “DTT: digital think tank”, condotta mediante la formulazione di interviste semi-strutturate nel periodo compreso tra i mesi di Novembre 2015 e Gennaio 2016 ad un campione composto da 10 aziende utilizzatrici di soluzioni IT e 3 soggetti fornitori di servizi IT, ha permesso di ottenere dati di tipo qualitativo utili per indagare su quattro macro aree di indagine:

– Digital Business Strategy
– Profili organizzativi alla luce della digital transformation
– Tech Trends (IoT, Big Data e 3D Printing)
– Implicazioni socio economiche

  1. Con il progetto DTT, l’obiettivo è quello di dare forma e concretezza al fenomeno della digital transformationindividuandone le linee guida per la diffusione delle nuove tendenze.
  2. Le interpretazioni di Digital Business Strategy rilevate nel corso dell’indagine hanno messo in rilievo differenti interpretazioni del concetto di strategia digitale. In alcune aziende si è rilevata la presenza di una strategia stabile, formalizzata e sviluppata sotto la responsabilità e collaborazione di CIO e CEO, contrariamente per altri champions la visione strategica aziendale risulta essere ancora scarsamente o per niente strutturata all’interno del business model aziendale, rilevando la persistenza di un approccio di tipo silos dove le singole funzioni operano in completa autonomia. Da ultimo si riscontrano aziende in cui si nota un approccio alla strategia digitale intesa come innovazione di prodotto/ servizio ed in ottica di rapporto con la clientela vista come elemento fondamentale.
  3. Rilevanti risultano anche essere i cambiamenti che stanno attraversando la funzione IT ed il ruolo del CIO che, in assenza di una strategia digitale formalizzata, correrebbe il rischio di perdere peso all’interno dell’intero processo. In termini di responsabilità e di gestione ci troviamo di fronte ad una forte interazione tra il CIO ed il direttore marketing.
  4. Il CIO dovrà avere un ruolo proattivo acquisendo le nuove competenze richieste dal contesto e portando una nuova cultura digitale in azienda. Il CIO dovrà inoltre adattarsi al cambiamento acquisendo sia competenze specifiche di business, che soft skills come le competenze relazionali, problem solving, gestione di rapporti interpersonali e team working. La figura del Chief Digital Officer diviene la naturale evoluzione del CIO, rappresentando colui che unisce il tradizionale mondo dell’IT con le nuove tecnologie di evoluzione. Ciò che però è emerso dalla quasi totalità delle interviste è che nelle organizzazioni attualmente mancano persone in grado di svolgere questi ruoli, da qui la necessità della nascita di nuove figure come il CDO ed il Data Scientist/Analyst.
  5. A riguardo dei driver tecnologici abilitanti del processo di digitalizzazione, il tema dei Big Data, visti come strumento di interazione tra fonti interne e fonti esterne, è risultato essere quello che ha riscontrato il maggior interesse. Anche la tematica dell’Internet of Things risulta in ogni caso essere fortemente connesso a quello dei Big data: i sensori incorporati in prodotti e processi generano flussi di dati che, per essere utili, dovranno essere sottoposti ad analisi e interpretazioni sofisticate. Per quel che riguarda il tema delle 3D Printing ciò risulta ancora essere un fenomeno scarsamente considerato e di minore impatto all’interno delle organizzazioni.

Il tema delle implicazioni socio economiche della trasformazione digitale ha invece riscontrato un interesse mediocre, in particolare, l’attenzione è stata posta al ruolo delle donne, il rapporto con il territorio (principalmente con gli istituti scolastici) ed il tema delle diversità. Per quanto riguarda il ruolo delle donne, non si riscontra un significativo divario di genere, mentre per la tematica relativa allediversity, si riscontra un significativo gap di stampo culturale tra le diverse generazioni, ciò induce a suppore che il processo di digitalizzazione dovrà essere accompagnato anche da un cambiamento culturale, nonché da una maggiore attenzione nei confronti del mondo accademico e scolastico.

Chi volesse maggiori informazioni su questo Report può richiederle alla segreteria AUSED scrivendo ad aused@aused.org, mentre i soci AUSED possono scaricarla direttamente dal sito www.aused.orgnell’area riservata.

____________________________________________________________

INNOVATION LAB & AUSED ACADEMY

INNOVATION LAB & AUSED ACADEMY nasce nel 2015 come evoluzione dell’Osservatorio ICT Governance (2006), ereditandone gli obiettivi di monitorare le nuove tendenze e le trasformazioni continue nella nostra community professionale e nella società ma soprattutto persegue il nuovo scopo di adottare modalità più incisive della semplice osservazione dei fenomeni, ovvero attuare la sperimentazione in iniziative e progetti congiunti tra i soci della DOMANDA, gli abilitatori dell’ OFFERTA ed i ricercatori UNIVERSITARI e condividere le rispettive ESPERIENZE.

COORDINATORE: Beppe Ingletti – Director, Chief Information Officer, del Gruppo Fiera Milano. Consigliere AUSED, Delegato ai rapporti con le Università.
______________________________________________________________

L’AUSED, è una Associazione tra Utenti di Sistemi e Tecnologie dell’Informazione, indipendente e senza scopi di lucro, nata nel 1976; raccoglie circa duecento aziende operanti nei settori: industriale, manifatturiero, dei servizi, nonché alcuni enti pubblici. Dal 1996 accetta tra i propri Associati anche persone fisiche che, per formazione o per esperienza aziendale, siano interessate agli scopi ed alle attività dell’ Associazione. Dal 2000 l’AUSED accetta tra i proprio Associati anche aziende che operano nel settore dell’I.C.T., qualificandole dal 2005 come Soci Sostenitori. Le Persone fisiche ed i Soci Sostenitori non possono rappresentare più di un terzo dei Soci totali. L’AUSED non ha condizionamenti di tipo politico, non ha sponsorizzazioni di fornitori e “vive” della sola quota associativa. L’attività dell’AUSED si realizza con l’organizzazione di incontri, seminari, corsi, gruppi di studio, indagini ecc., che sono caratterizzati, oltre che da elevata professionalità, da estrema concretezza, in quanto costantemente tesi alla risoluzione dei problemi di scelta, sviluppo e gestione dei Sistemi Informativi delle aziende.
Per informazioni: www.aused.org

AUSED | Digital Think Tank |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

AUSED e ClubTi: verso una partnership di successo


AUSED: nuove cariche sociali per il biennio 2020-2021


unCONVENTIONal Aused 2020


Evento AUSED dell’Osservatorio Tecnologie presso l’Experience Center di Vodafone


SUMM.IT 2018: “No User Group? Ahi! Ahi! Ahi!”


Evento AUSED dell’Osservatorio Tecnologie presso il Data Center di British Telecom


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AUSED: un webinar sulla Salesforce Platform grazie all’USFIT

AUSED: un webinar sulla Salesforce Platform grazie all’USFIT
Dagli aspetti legali a quelli relativi alla sicurezza AUSED ha organizzato un incontro con Salesforce durante il webinar “Salesforce Platform” del 10 novembre scorso nel quale si sono affrontati alcuni aspetti che ruotano attorno a questa rinomata piattaforma. Sono intervenuti Tommaso Fè, Stefano La Rosa e Marco Dragoni, rispettivamente Regional Sales Director, Legal Counsel e Cloud Architect di Salesforce. Nello specifico, oltre a una breve panorami (continua)

AUSED – Transizione 4.0: un bancomat fiscale o un’opportunità IT?

AUSED – Transizione 4.0: un bancomat fiscale o un’opportunità IT?
Un webinar in collaborazione con il socio DOTSAUSED in collaborazione con il socio sostenitore DOTS (PQE Group) ha organizzato lo scorso 27 ottobre un webinar sul tema della transizione 4.0. DOTS è una azienda che si definisce “IT quality provider”: indipendente dalle tecnologie, il focus di questa realtà è sul mantenimento della qualità, connettendo in modo efficace il bisogno dei clienti con i s (continua)

AUSED e SIS: Statistica e Big Data al servizio dell’azienda

AUSED e SIS: Statistica e Big Data al servizio dell’azienda
Come gestire il business con le informazioni e la data scienceAUSED e la Società Italiana di Statistica si sono incontrare durante il webinar “Statistica e Big Data al servizio dell’azienda” del 20 ottobre scorso per approfondire le tematiche che vedono coinvolti gli specialisti e le tecnologie ICT con la sfida della gestione dei dati. Si è trattato di un confronto coordinato da Giuseppe Ingletti, (continua)

AUSED – Ransomware: è solo un problema di cybersecurity?

AUSED – Ransomware: è solo un problema di cybersecurity?
L’elevata estensione della superficie di attacco rappresenta un problema crescenteDopo il grande evento del CIOsumm.it di Lazise, a cavallo tra fine settembre e i primi di ottobre, l’AUSED ha organizzato lo scorso 13 ottobre l’evento virtuale dal titolo “AUSED: Ransomware: è solo un problema di cybersecurity?”. All’incontro hanno partecipato attivamente Stefano Lombardi (consigliere AUSED), Gabrie (continua)

Anche Aused al Digital Security Festival

Anche Aused al Digital Security Festival
A Udine e online dal 22 al 29 ottobre 2021 la sicurezza informatica spiegata sempliceRitorna a Udine e online il “Digital Security Festival – La sicurezza informatica spiegata semplice” organizzato da ITClubFVG. Inizia dalla sede di Confindustria Udine nel pregiato Palazzo Torriani e si svolge con la formula Phygital unendo la presenza fisica alle video conferenze e ai webinar online, (continua)