Home > Cibo e Alimentazione > Il VdA Torrette Superieur 2014 di Maison Anselmet conquista il gusto a stelle e strisce

Il VdA Torrette Superieur 2014 di Maison Anselmet conquista il gusto a stelle e strisce

scritto da: Contatto | segnala un abuso

Il VdA Torrette Superieur 2014 di Maison Anselmet conquista il gusto a stelle e strisce


Wine Spectator, opinion leader di riferimento per il mercato nordamericano dei vini, ha assegnato al Vallée d'Aoste Torrette Superieur 2014 della valdostana Maison Anselmet un punteggio elevatissimo (91 su 100), un riconoscimento quasi inaspettato per la Maison anche in considerazione del fatto che questo è un vino base.

La degustazione effettuata da Wine Spectator ha una procedura ben precisa e ormai consolidata, il tasting viene fatto all'insaputa del produttore, la bottiglia è acquistata e valutata direttamente dalla redazione, quindi niente trucchi e niente inganni per totale trasparenza nei confronti dei consumatori che si affidano al giudizio di giudici tanto esperti quanto severi.

“Per noi qualsiasi vino, - commenta Giorgio Anselmet mentre lavora le uve della vendemmia 2016 - dal più semplice sino ai pluripremiati Semel Pater e Le Prisonnier, merita la stessa cura e attenzione sia in cantina sia in vigna. La nostra Azienda ha una reputazione di alta qualità, conquistata in anni di duro impegno e ci impegnamo giorno dopo giorno per conservarla, sicuramente il giudizio di Wine Spectator mi rende doppiamente felice proprio perchè ad aggiudicarselo è stato un vino per noi considerato base e perchè tengo alto il valore della mia terra.”

In effetti la Cantina di Villeneuve tende a mandare in degustazione per la pubblicazione sulle guide i vini della gamma alta: ora stanno uscendo i primi risultati 2017 e da Gambero Rosso sono stati assegnati “Tre bicchieri” allo Chardonnay èlève en fût de chêne, per Slow Food invece il Petite Arvine é “Grande vino”, infine Bibenda ha assegnato i "5 Grappoli" a Le Prisonnier; ricevere da Wine Spectator un punteggio così alto per  un vino base è motivo di grande orgoglio.

Il Torrette Superieur che tanto incontra il gusto americano, è un vino autoctono, regolato da disciplinare DOC/DOP  ricavato  da uve Petit Rouge, Cornalin, Fumin, Mayolet. È prodotto e largamente diffuso in Valle.
L'annata 2014, in particolare, è caratterizzata da equilibrate note di ciliegia e fragola, con buona sapidità e un ottimo bilanciamento tra acidità e zuccheri, in bocca lascia una leggera nota tannica favorita dall'affinamento in barrique francese. Sono queste le caratteristiche che, secondo Wine Spectator, gli hanno fatto meritare questo punteggio così alto.

torrette | anselmet | winespectator | #cornalin | #fumin | #petitrouge | #mayolet |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Maison Anselmet: grandi vini da una piccola cantina


Le Roi du Terroir


Liberare il Prigioniero, come? Degustandolo


Maison Anselmet presenza riconfermata a Vignerons@Courmayeur 2016


DI CENTA METTE IL TURBO E LA ISHIDA “VOLA”. ARIA DA “MONDIALE” ALLA MARCIA GRAN PARADISO


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Tempo, Spazio, Silenzio, YOGA: il modo giusto per ritrovare se stessi all'Auberge de La Maison

Tempo, Spazio, Silenzio, YOGA: il modo giusto per ritrovare se stessi all'Auberge de La Maison
P { margin-bottom: 0.21cm; } Anche l'Auberge de La Maison, celebra la Giornata Internazionale dello Yoga, con una lezione di yoga outdoor sul grande prato, proprio al cospetto del Monte Bianco. L'Auberge de La Maison si trova in un contesto unico al mondo, tra colate di ghiaccio e roccia, in un suggestivo contrasto di colori che spaziano dal blu del cielo, al grigio-nero della roccia, al bianco (continua)

Sabato 15 Aprile: VIGNERONS@COURMAYEUR

Sabato 15 Aprile: VIGNERONS@COURMAYEUR
Gli albergatori di Courmayeur propongono una degustazione itinerante nelle loro case. Presso gli alberghi aderenti, in via Roma e all’Office du Tourisme di Courmayeur, sabato 15 aprile sarà possibile acquistare, al costo di 15 euro, il calice dell’evento con il quale effettuare le degustazioni. Un servizio navette gratuito garantirà la raggiungibilità di tutte le s (continua)

L'appuntamento della domenica mattina è con il Brunch Auberge

L'appuntamento della domenica mattina è con il Brunch Auberge
P { margin-bottom: 0.21cm; } Troppo tardi per il classico cappuccio e brioche? Troppo presto per una polenta concia? Niente paura l'Auberge de La Maison di Courmayuer vi viene in aiuto con il Brunch Auberge. Il brunch è la giusta via dimezzo tra la colazione e il pranzo, adatto a quelli che la domenica amano dormire fino a tardi, concedersi un po' di coccole e anche ai mattinieri atleti i (continua)

L'Auberge de La Maison a fianco degli sportivi

L'Auberge de La Maison a fianco degli sportivi
Punto di riferimento dell'hotellerie valdostana, l'Auberge de La Maison, si contraddistingue per i suoi servizi d'eccellenza e per la sua capacità di fornire particolare attenzione anche agli amanti della bicicletta. La montagna è trekking, arrampicata ma anche “bici”. All'Auberge de La Maison gli amanti delle due ruote trovano tutto il supporto per godere appieno di una vacanza all'insegna del (continua)

Dieci anni per un nuovo Prigioniero

Dieci anni per un nuovo Prigioniero
Nel settore agricolo il processo di riproduzione è particolarmente affermato, per quanto riguarda le piante è sufficiente moltiplicare un frammento vegetale, come una radice o un ramo, per avere un prodotto dalle caratteristiche uniformi, sempre ripetibili. Per estendere la superficie di una vigna, quella de Le Prisonnier, Maison Anselmet deve dedicare ben dieci anni. Cinque anni fa, Giorgio Anse (continua)