Home > Spettacoli e TV > Luca Jurman in "Vorrei la pelle nera" al Brancaccio di Roma

Luca Jurman in "Vorrei la pelle nera" al Brancaccio di Roma

scritto da: DAC | segnala un abuso

Luca Jurman in


 Dal 13 ottobre al teatro Brancaccio di Roma andrà in scena il musical "Vorrei la pelle nera". Con Luca Jurman e la partecipazione di Stefano Masciarelli , Per la regia di Maurizio Colombi. Lo spettacolo già un "sold-out" proporrà un viaggio nella musica "soul" degli anni ’60-‘80 con la vicenda che si svolge al "Motown Club", tempio della musica soul e ultimo baluardo dove ascoltare musica dal vivo. È un night club rinomato, luogo di incontro per impresari, discografici, artisti e appassionati di musica. Arredato in stile anni Sessanta, sui muri sono appesi i quadri dei più grandi interpreti della black music: James Brown, Ray Charles, Marvin Gaye, Barry White, Stevie Wonder, Whitney Houston, Michael Jackson, Donna Summer, Prince. A gestire il locale è Gino (Stefano Masciarelli), boss italo-americano. Fissato con la musica afroamericana, ingaggia le migliori band della città con cantanti esclusivamente di colore, ma non sempre di qualità. Luca (Jurman) lavora nel locale come cameriere e sogna di cantare ed esibirsi sul palco del "Motown Club". Una sera Gino, per festeggiare il suo compleanno, decide di accontentarlo. Ma l'emozione tradisce Luca, che demoralizzato dall'imbarazzante figura torma a servire i tavoli, abbandonando i suoi sogni di gloria. Finita la serata e rimasto in solitudine a riordinare il bar, Luca si siede al pianoforte. Mentre strimpella maldestramente le note di "Vorrei la pelle nera" (Hey, hey, dimmi Wilson Pickett / Hey, hey, dimmi tu James Brown / Questa voce dove la trovate / Signor King, signor Charles, signor Brown) evoca i grandi artisti raffigurati nei quadri alle sue spalle. E come per magia questi prendono vita all'interno della cornice. Dialogano dall'aldilà, ognuno mantenendo le proprie caratteristiche, con un taglio caricaturale: Ray Charles (voce di Pino Insegno) non vede, Whitney Houston è la più sensata, Marvin Gaye è scatenato, Michael Jackson non capisce perché Luca desideri diventare di colore, James Brown e Barry White sono in perenne ed esilarante disaccordo. I quadri trasformeranno Luca in un cantante nero dalle incredibili doti canore, in perfetto stile Commodores: pelle nera, capelli afro e giacca di paillettes. In pochi secondi Luca diventerà la star Leachim (Michael al contrario) e, in incognito, porterà il "Motown Club" di Gino al successo, tanto che un discografico vuole registrare in diretta un concerto nel locale. Luca è in crisi: ha finalmente raggiunto il successo ma ha perso la sua identità e decide di ritornare se stesso. Ma i quadri ancora una volta non sono d'accordo fra loro.

 

Angelo Antonucci

luca jurman | stefano masciarelli | vorrei la pelle nera | antonucci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Jennifer Mischiati e Francesco Ferdinandi nei panni di Sissi e di Francesco Giuseppe al Palazzo Brancaccio di Roma


Jobs act e voucher, economista: ‘Gentiloni si contraddice. Parla di tutele ma vuole continuità con Renzi che le ha tolte’


Gran Ballo di Sissi a Palazzo Brancaccio con Samanta Togni e il marito Mario Russo


Intervista al soprano Olga De Maio ed al tenore Luca Lupoli a cura di Raffaele Brio blog NuBeSparsa


Luca Maris in radio con il nuovo singolo “Messaggio perfetto”


The Destiny of Wedding. L’importanza di formare le grandi professionalità nel Destination Wedding in Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

CAMMINANDO NEL CIELO SU AMAZON PRIME VIDEO

CAMMINANDO NEL CIELO SU AMAZON PRIME VIDEO
Il film evento speciale al Giffoni film festival La storia di Alessio ( Luca Mordenti) , diciottenne, che è costretto sulla sedia a rotelle dopo un incidente con la moto, ha profondamente coinvolto gli oltre 300 spettatori presenti nella sala Alberto Sordi .Nel raccontare la storia il regista Angelo Antonucci ha messo ben in risalto i momenti più intimi e profondi che accompagnano le vicende del protagonista e la sua relazione con la famiglia, g (continua)

AMORE E LIBERTA'-MASANIELLO IL 7 OTTOBRE SU RAI 2

AMORE E LIBERTA'-MASANIELLO IL 7 OTTOBRE SU RAI 2
Il film kolossal del regista Angelo Antonucci in prima tv alle 23:50 Amore e libertà Masaniello  , è un film scritto e diretto da Angelo Antonucci  con Sergio Assisi, Anna Ammirati, Franco Nero, Anna Galiena, Patrizio Rispo, Lucio Ciotola, Mimmo Sepe, Antonio Casagrande, Tina Femiano, Francesco Procopio.La vicenda del film segue le gesta del famoso eroe napoletano, Masaniello, che nel luglio del 1647, guidò la rivolta del popolo napoletano contr (continua)

Nient'altro che noi, film sul bullismo su Amazon Prime Video e Chili TV

Nient'altro che noi, film sul bullismo su Amazon Prime Video e Chili TV
Attraverso il racconto in flashback di Sara , il regista Angelo Antonucci ( Amore e libertà-masaniello, Dio ci ha creato gratis) ci racconta la vicenda di Marco vittima del bullo Miki. La storia si snoda tra vicende sentimentali, d'amicizia e di difficile rapporto genitori.-figli-insegnanti. Infatti sembra evidente che Antonucci abbia voluto porre l'accento sulla difficoltà comunicativa tra genito (continua)

NIFF LONDON- Festival del cinema indipendente a Londra -VINCITORI Edizione 2020

NIFF LONDON- Festival del cinema indipendente a Londra -VINCITORI Edizione 2020
Il NIFF London Film Festival ha annunciato i vincitori del concorso 2020, premiando i migliori film del programma di quest'anno Il NIFF London Film Festival ha annunciato i vincitori del concorso 2020, premiando i migliori film del programma di quest'anno. Oltre 300 lungometraggi e cortometraggi provenienti da 25 paesi hanno partecipato al Festival 2020. “Sfortunatamente, abbiamo dovuto annullare la cerimonia di premiazione a Londra a causa della pandemia di coronavirus, il  NIFF London tornerà nel 2021 con altre (continua)

Movie’s Art- l’arte di comunicare con le immagini

Movie’s Art- l’arte di comunicare con le immagini
 Il progetto MOVIE'S ART intende anzitutto rendere i ragazzi protagonisti di un percorso dinamico, in cui loro stessi possano esprimere idee che poi, grazie al linguaggio cinematografico, vengono rappresentate nel film; il video, in questo modo, diviene una sintesi efficace e coinvolgente del loro pensiero critico. Così facendo i ragazzi, in una prima fase del lavoro, si confront (continua)