Home > Primo Piano > Lo psicologo può avere un effetto importante sull'atleta

Lo psicologo può avere un effetto importante sull'atleta

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Lo psicologo può avere un effetto importante sull'atleta


Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Lo psicologo dello sport a volte diventa una figura di riferimento per il singolo atleta, per l’intera squadra, per lo staff, tecnici, dirigenti. Lo sport non è tutto rose e fiori, si fatica tanto, possono capitare infortuni, sconfitte, risultati che non vengono, incomprensioni con altri atleti della stessa squadra, con l’allenatore, con i dirigenti. Lo psicologo dello sport può lavorare non solo sulle criticità ma anche sulle risorse, sull’autoefficacia, sulla resilienza. Lo stato di forma va e viene; con l’impegno, la passione e la determinazione si riesce a stare in forma il più a lungo possibile cercando di durare fino all’obiettivo ambito, così come anche le crisi vanno e vengono e si può cercare di essere pazienti, fiduciosi, rimodulare lievemente gli obiettivi per rifarsi in momenti migliori. Di seguito alcune testimonianze. Pensi che potrebbe essere utile lo psicologo dello sport? In che modo e in quali fasi? Ecco la risposta di un maratoneta: “Lo psicologo può avere un effetto importante sull'atleta. Subiamo carichi di lavoro enormi e spesso viviamo momenti difficili. Può farci vedere sempre la luce in fondo al tunnel e darci messaggi positivi.” Alessandra Penna, oltre ad essere valida ingegnere, è anche ed è sempre stata un’atleta competitiva, prima forte nuotatrice ed ora notevoli sono i suoi risultati nell’atletica leggera, anche lei intravede la figura dello psicologo dello sport utile per diversi motivi: “Si credo che ogni squadra debba avere uno psicologo dello sport soprattutto nei periodi prossimi alle gare o nei mesi più intensivi di allenamento. Inoltre credo che lo psicologo serva di più agli allenatori che spesso non sono in grado di capire certi meccanismi psicologici dell’atleta o dell’atleta inserito nel gruppo. Spesso inconsapevoli delle loro azioni hanno rovinato moltissimi atleti nella fase della loro crescita per non essere riusciti a capirli nel modo giusto.” Ecco cosa ne pensa l’ultrarunner Luisa Balsamo: “Si, potrebbe essere utile in fase di preparazione, per riuscire a capire i punti deboli e come affrontarli, magari con dei dialoghi informali.“ Alcuni si preoccupano più dei ragazzi, di seguito alcune opinioni Onofrio Carnevale, giocatore di basket: “Si. Dovrebbe far consapevoli i ragazzi di riconoscerne i propri limiti e accettarli come tali e che alla fine l’impegno ripaga.” La testimonianza di un altro atleta: “Lo psicologo dello sport dovrebbe essere alla base dell'allenamento, fin dalle prime fasi. Anche se si pensa che i ragazzini siano troppo piccoli la cosa si potrebbe improntare sul gioco, anche collettivo mangari, ma sarebbe l'ideale iniziare anche quel tipo di allenamento quanto prima.” In effetti è importante il lavoro di consapevolezza dei propri limiti e delle proprie risorse e porre l’accento oltre al talento personale, alla passione e motivazione che ti portano ad impegnarti negli allenamenti e nelle gare sperimentando benessere. Di seguito il triatleta Gian Luca Di Nunzio ci dice la sua opinione in merito: “Un supporto psicologico potrebbe essere utile in periodi di infortuni, soprattutto per atleti di livello; ma anche, per il medesimo tipo di atleti, per coloro che dopo un periodo di gloria stanno per finire il loro corso e finiscono in sordina. Alcuni potrebbero risentire di questo stato di cose. Ma non è assolutamente il mio caso, dal momento in cui non sono un professionista.” Altra testimonianza di un triatelta, Francesco: “Sicuramente è un aiuto in più a favore dell’atleta e può essere utile in qualsiasi fase (dalla preparazione al post-gara). In generale può essere di supporto in un momento di difficoltà personali dell’atleta e poi nello specifico per il miglioramento della prestazione e curare ogni fase di preparazione della stessa.” Il maratoneta Alessandro di Meo parla di coccole, urla, sproni da parte dello psicologo, ecco la sua risposta alla domanda se pensa che potrebbe essere utile lo psicologo dello sport: “Molto, ma li subentra la conoscenza dei propri atleti, uno psicologo deve capire, come spronare, se coccolare, se urlare, se assecondare, e non te lo insegno certo io, ognuno deve essere gestito differentemente.” Altra testimonianza di un’atleta di livello nazionale: “Penso che lo psicologo dello sport sia utilissimo specialmente nell'alto livello e personalmente lo reputo indispensabile.” Ancora un’atleta professionista dà il suo parere in merito: “Nei momenti di ripetuta difficoltà e calo di motivazione, il supporto di uno psicologo può essere utile.” Molti atleti riportano l’utilità dello psicologo in caso di infortuni. L’ultrarunner Gianni Girod, appassionato di trail e di lunghe distanze, afferma l’importanza di parlare ed esprimersi con amici fidati e perché no con uno psicologo di fiducia che possa aiutare in momenti e situazioni delicate: “Non lo so, non l’ho mai sperimentato. Certo che ci sono momenti o situazioni che anche solo parlarne con amici aiuta molto. Quindi credo che possa essere molto utile e penso che possa essere utile in tutte le fasi, negli allenamenti, nel pregara, nel postgara, infortuni, sconfitte.” Di seguito la testimonianza di un altro atleta: “Si potrebbe essere utile, soprattutto prima di una gara importante ma ancora di piu possono essere fondamentali nei casi di infortuni seri nel quale l atleta magari pensa di non poter essere piu forte come prima o di mollare.” Da alcuni lo psicologo è ritennuto importante per gestire lo stress delle gare, di seguito alcune tesimonianze. La testimonianza di un atleta di tennis tavolo: “Penso che possa essere utile nel gestire la tensione delle gare e aiutare come supporto nei momenti più difficili quando non si è al massimo della forma fisica.” Bogdan Chiorean ha fatto dello sport la cura alla sua malattia, l’essenza della vita, la scommessa di arrivare a destinazione, la sfida da superare, la gara estrema più di tutte da organizzare, ULTRA MARATHON TRANS ITALIA 09/06/2017, http://www.trans-italia.com/ la sua gara da Ravenna a La Spezia nata per caso guardando il mare ad Est di Italia e partendo all’avventura segnandosi su un braccio le città da attraversare per arrivare ad ovest di Italia, precisamente a La Spezia. Ecco cosa risponde alla domanda su cosa ne pensa sull’utilità dello psicologo dello sport nell’organizzazione della sua gara? In che modo e in quali fasi? “Si, lo vedo molto utile, ti spiego tutto. Innanzi tutto lo psicologo sportivo deve essere presente anche durante la gara, non solo prima. Però cominciamo da prima. lo psicologo deve spiegare agli atleti in dettaglio cosa succede con la loro mente durante lo sforzo psichico, ma ti rendi conto che l’80% degli atleti non conoscono il significato di sforzo psichico? Quando un muscolo fa fatica a lavorare gli impulsi nervosi lo portano ad alti livelli, porta più ossigeno al muscolo con problema ecc, invece quando si stanca il psichico la maggior parte degli atleti non sa cosa fare, come procedere, come riprendersi, dove fermarsi ecc, io ho incontrato un sacco di gente alle gare che era seduta e piangeva, gente che aveva perso il psichico e doveva essere aiutata, se loro avessero saputo dallo start come procedere, come non perdere le emozioni ecc. quella cosa non sarebbe successa, non diamo sempre la colpa all’organizzatore.” Con la sua esperienza estrema Bogdan ne ha sperimentato e ne ha visto di tutti i colori, sa cosa entra in gioco in gare estreme, non solo la componente fisica ma tantissima la psiche, la testa, la mente, quindi è importante l’allenamento mentale volto ad una forte e sviluppata autoconsapevolezza, utilizzo di tecniche che ti permettono una visione introspettiva, una scansione sensoriale corporea e meditativa volta a monitorarti momento per momento le tue capacità, le tue motivazioni, la valutazione di giudizi altrui, c’è tutto un mondo che entra in gioco in una gara di endurance e la testa deve essere in grado di mettere a posto tutto, di sistemare tutto, di organizzare, di fare il punto, di coordinare se stesso e parti di se stesso, sono prove estenuanti che richiedono capacità multiple, non solo fisiche. Matteo SIMONE www.psicologiadellosport.net


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net




Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere

Peppa Randazzo, Resia Rosolina: Siamo andati con l'intenzione di vincere
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Peppa (Purosangue Athletics Club), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Per fortuna questa volta avevamo degli angeli ad accompagnarci in bici!Matteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, punt (continua)