Home > Telefonia > La soluzione 3CX é il motore di PBX in a Flash 5

La soluzione 3CX é il motore di PBX in a Flash 5

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

La soluzione 3CX é il motore di PBX in a Flash 5

 PBX in a Flash ha scelto la piattaforma 3CX per Linux come base della nuova versione del suo popolare centralino VoIP.

 
Londra, GB – 3CX, produttore del noto sistema software-based di nuova generazione e completo per le Unified Communications 3CX Phone System annuncia che PBX in a Flash ha selezionato la piattaforma 3CX quale motore della nuova versione 5 del suo popolare centralino IP.
 
PBX in a Flash é una soluzione VoIP che consente agli utenti e alle aziende di installare e configurare in modo semplice un centralino IP completo. La piattaforma é impiegata presso decine di migliaia di utenti e aziende in tutto il mondo e gode del supporto di un’ampia comunità fidelizzata tramite i propri forum. La precedente versione di PBX in a Flash integrava il centralino Asterisk / FreePBX, ma la nuova release 5 lo vede sostituito con la nuovissima versione per Linux della soluzione 3CX. Debian 8 é la distribuzione Linux più avanzata e trova impiego sui migliori server.
 
Nick Galea, CEO di 3CX afferma:
 
“Siamo estremamente onorati di vedere la nostra soluzione integrata in PBX in a Flash 5, un centralino che si è guadagnato notorietà e rispetto sul mercato. Ottenere un tale endorsement per la versione Linux della nostra soluzione è una grande vittoria per 3CX.”
 
Ward Mundy, uno degli sviluppatori originari di PBX in a Flash, afferma:
 
“A fronte dei recenti sviluppi nel marketing di FreePBX ci siamo trovati di fronte ad un bivio per la scelta del servizio core da impiegare nella nuova versione di PBX in a Flash. 3CX per Linux é una soluzione per le Unified Communications seconda a nessuno. Semplice da installare, non necessita di particolare manutenzione e assicura la massima sicurezza di fabbrica. Il sistema di licenze chiarissimo e la versione gratuita ne fanno il motore perfetto per PBX in a Flash e per i suoi utenti. Il team di sviluppo di PBX in a Flash ha scelto all’unanimità 3CX come la migliore piattaforma su cui basare la nuova release del prodotto PIAF5.”
 
Disponibilità:
PBX in a Flash 5 é disponibile da subito e può essere scaricato qui:
 
A proposito di 3CX (www.3cx.it)
3CX sviluppa un centralino telefonico IP software e open standard in grado di rinnovare le telecomunicazioni e di rimpiazzare i centralini proprietari. 3CX taglia i costi telefonici ed aumenta la produttività e la mobilità aziendale. Le soluzioni 3CX sono commerciate esclusivamente attraverso il canale.
Grazie alla webconference integrata su base WebRTC, ai client per Mac e Windows ed alle app per Android, iOS e Windows phone, 3CX offre alle aziende una completa soluzione di Unified Communications subito pronta da usare.
 
50,000 clienti nel mondo hanno scelto 3CX, compresi, McDonalds, Hugo Boss, Ramada Plaza Antwerp, Harley Davidson, Wilson Sporting Goods e Pepsi. Presente nel mondo, 3CX ha uffici in U.S.A., Inghilterra, Germania, Hong Kong, Italia, Sud Africa, Russia e Australia. Scopri di più su 3CX su Facebook, Twitter e Google+.

3CX per Linux | asterisk | centralino 3CX | centralino Linux | Debian 8 | distribuzione Linux | FreePBX | PBX in a Flash |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Con 3CX Cloud Server il centralino IP sbarca sulla nuvola


3CX e Fanvil annunciano partnership strategica


Nuovi standard per le videoconferenze con 3CX WebMeeting e la completa integrazione delle tecnologie WebRTC


3CX arricchisce il 3CX Phone System con il sistema di videoconferenze clientless basato su WebRTC


3CX porta l’integrazione del mondo mobile ad un nuovo livello con il suo centralino “Cloud Ready”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom

La nuova libertà nelle conversazioni telefoniche: l’headset DECT A150 ultraleggero di Snom
 Con il suo A150, Snom, produttore internazionale di terminali VoIP premium per aziende e professionisti presenta un headset ultraleggero senza fili, che si avvale del protocollo DECT per massimizzarne la portata. L’eccellente qualità audio e la comodità d’uso una volta indossato caratterizzano l’elegante dispositivo sovrauricolare dotato di numerose funzionali (continua)

Un binomio inseparabile: la trasmissione di dati e voce in ambito professionale

Un binomio inseparabile:  la trasmissione di dati e voce in ambito professionale
 Sebbene oggi la maggior parte degli utenti di telefoni professionali sa che la propria voce viene trasportata „over IP“, solo a pochi è chiaro cosa ciò comporti esattamente e cosa sia necessario per renderlo possibile.   Mentre l’utenza privata si avvale ancora di piattaforme Internet pubbliche per chiamare a poco costo o gratuitamente amici e parenti, (continua)

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717

Snom presenta moderno terminale IP di base con display a colori e sensore di luminosità: il D717
 Snom, pioniere e produttore tedesco leader di telefoni IP per l’uso professionale annuncia la disponibilità del suo nuovo D717, il modello “entry level” della serie premium di terminali IP da scrivania D7xx. A dispetto della qualifica di modello di base, lo Snom D717 é paperless, poichè dotato di tasti funzione digitali e di un display a colori, risulta (continua)

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze

Tre scenari d’impiego delle moderne soluzioni per teleconferenze
 Snom, produttore internazionale di telefoni IP premium per aziende e professionisti illustra come soluzioni per teleconferenze non invasive nè impattanti sul budget IT consentano di incrementare la produttività di qualsiasi organizzazione, dalle start-up alle PMI, fino alle grandi aziende, grazie alla loro fruibilità nei più diversi scenari d’uso.   S (continua)

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT

Infrastruttura IT ombra: una vera sfida per il reparto IT
 Nelle aziende, i responsabili dell’infrastruttura IT sono solitamente in prima linea quando si tratta di misurare l'impatto di eventuali variazioni del modo di operare dei dipendenti. Nonostante l’assiduo monitoraggio, negli ultimi anni sono emerse nuove pratiche non sicure tra cui la "Shadow IT", ovvero l'uso di applicazioni e servizi, spesso basati su cloud, parallela (continua)