Home > Economia e Finanza > Forex: i dati positivi sul PIL danno un po' di ossigeno alla sterlina

Forex: i dati positivi sul PIL danno un po' di ossigeno alla sterlina

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Dopo aver vissuto momenti molto nebulosi nell'ultimo periodo, la Gran Bretagna (e la sterlina) può brindare ad un dato macro positivo. Secondo le ultime rilevazioni infatti, nel terzo trimestre del 2016 s'è avuta una crescita del PIL dello 0,5%, più alta delle aspettative degli economisti, che avevano previsto un +0,3%. Malgrado i rischi connessi alla hard Brexit, quindi l'economia anglosassone tiene il passo.

La crescita resta comunque minore dello 0,7% registrato nel trimestre precedente. Su base annuale invece, la stima preliminare dell'Office for National Statistics parla di una crescita tendenziale del 2,3%, maggiore del 2,1% precedente ed atteso.

La sterlina ringrazia i nuovi dati macro

In virtù di questi dati macroeconomici, la sterlina ha segnato un bel recupero nel Forex market. Sulla base dei dati della piattaforma 24 option conto demo, si apprende che la valuta britannica ha recuperato il ribasso iniziale registrato contro il dollaro, mentre il cross con lo yen è giunto a 128,36. anche contro l'euro c'è stato un apprezzamento, visto che la sterlina è giunta a 0,8890 per poi scivolare attorno a 0,89.

Nel frattempo, continua a tenere banco la question dei negoziati per l'uscita della Gran Bretagna dalla UE. Il settore finanziario è preoccupato per il rischio che i negoziati possano durare molto, e questo lascerebbe in una sorta di "limbo" regolamentare l'intero settore finanziario. Ecco perché Carolyn Fairbairn, direttore generale di Cbi, ha chiesto che venga definito un accordo di transizione, in attesa della conclusione dei negoziati sulla Brexit.

forex | sterlina | trading online |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)