Home > Ambiente e salute > Se la salute mentale è ignorata

Se la salute mentale è ignorata

scritto da: Mazzoleni | segnala un abuso


 

Il 10 ottobre si è celebrata la ventiduesima edizione della Giornata Mondiale della Salute Mentale, promossa dall’OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Federazione Mondiale della Salute Mentale. I disturbi mentali rappresentano, per gravità e frequenza, un importante problema di sanità pubblica e le persone che ne soffrono sono spesso soggette ad isolamento sociale, qualità della vita insoddisfacente ed elevata mortalità. L’Organizzazione Mondiale della Sanità calcola che nel mondo ci siano 450 milioni di persone che soffrono di disturbi mentali, neurologici o del comportamento e che la maggior parte di questi non siano correttamente diagnosticati e trattati. La salute mentale è fondamentale per il benessere personale, le relazioni familiari e la capacità dell’individuo di contribuire alla costruzione del tessuto sociale. Il segretario generale dell’ONU ha affermato nel suo messaggio che occorre riconoscere che non ci può essere salute fisica senza salute mentale. Ora tutto è diventato patologia, c’è la sensazione che il mondo intero sia diventato ancora più folle, forse è per questo che la salute mentale viene così ignorata. Inoltre con il ritmo di lavoro dettato dalle comunicazioni in tempo reale e gli alti livelli di concorrenza, la frontiera tra lavoro e vita privata diventa sempre più difficile da identificare. Il mondo non deve guardare la malattia, ma la persona con la propria dignità e i propri diritti, che può lavorare, innamorarsi e fare una vita sociale come chiunque. Ricordiamo che il pensiero di Basaglia, culminato con la legge omonima, ha avuto come conseguenza principale il profondo ripensamento della follia in una connotazione radicalmente sociale. Purtroppo nonostante i dati siano in crescita, ignoranza e pregiudizio la fanno ancora da padroni con serie conseguenze per la salute mentale e per il benessere della popolazione in generale. In Ticino durante tutta la discussione sulla pianificazione ospedaliera cantonale la psichiatria è stata ignorata per non dire penalizzata. In un momento di aumento del bisogno di cure psichiatriche si riducono i letti con il rischio di aumentare il circuito di stigmatizzazione ed esclusione deleterio ed improprio sia per l’individuo che per la società. Su un piano generale occorre fare di più per integrare la consapevolezza di questa problematica in tutti gli aspetti delle politiche sociali e sanitarie, della pianificazione sanitaria e dell’assistenza sanitaria generale primaria e secondaria. In questa arida desertificazione della tolleranza e del rispetto dell’uomo ci preme ricordare come in Ticino esista ancora (non sappiamo fino a quando) una realtà come il Club 74 che fu fondata proprio il 10 ottobre di 42 anni fa. La psichiatria deve occuparsi sempre di più delle conseguenze della fragilizzazione del legame sociale, della precarietà, delle disfunzioni sociali, ma purtroppo i mezzi di cui dispone non solo non crescono in proporzione, ma calano vistosamente. Riaprire il dialogo con la società, riscoprire un ascolto rivolto a costruire fiducia, saper ascoltare in campo aperto, sviluppare integrazioni tra le risorse territoriali, mettere al centro il coinvolgimento del paziente nel lavoro terapeutico, deve significare una pratica ancorata al principio etico del rispetto della persona umana in un’ottica di recupero alla società delle varie forme di disagio. Come diceva lo psicoanalista Jacques Lacan “Lungi dall’essere per la libertà un insulto la follia è la sua più fedele compagna, segue il suo movimento come un’ombra. E l’essere dell’uomo, non soltanto non può essere compreso senza la follia, ma non sarebbe l’essere dell’uomo se non portasse in sé la follia come limite della sua libertà.” La psichiatria ha a che fare soprattutto con la cura, ma la cura non può essere soltanto farmacologica: è anche psicologica e sociale e dipende soprattutto dalla capacità di ascoltare, per cogliere quel colloquio interiore che ognuno di noi intrattiene con le voci e i silenzi della propria anima, anche quando ci si trova persi nelle pieghe più profonde della sofferenza psichica.
 
Andrea Mazzoleni - socioterapeuta

salute | mentale | psichiatria | mazzoleni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Intervista a Francesco Codato sul suo nuovo saggio Che cos’è la malattia mentale - Edizioni Psiconline


Summer School 2021 Salute mentale e Covid: aumentano i casi di ansia e depressione, abuso di sostanze e alcol, violenza e suicidi. Il valore strategico di un PDTA efficace per la presa in carico


Intervista di Alessia Mocci ad Ernesto Venturini: vi presentiamo Il sale e gli alberi


LA “SALUTE COLLABORATIVA”, PER UNA SALUTE PIU' EQUA E SOSTENIBILE


Il 10 ottobre è stata la "Giornata mondiale per la salute mentale"


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Un mondo ineguale favorisce la stigmatizzazione del disagio psichico

Ogni anno viene portato all’attenzione un aspetto diverso relativo alla Salute Mentale. Per il 2021 è stato scelto: “Salute Mentale in un mondo ineguale” Un mondo ineguale favorisce la stigmatizzazione del disagio psichico  La Giornata Mondiale della Salute Mentale (World Mental Health Day) Istituita nel 1992 dalla Federazione Mondiale per la Salute Mentale (WFMH) e riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è un’iniziativa che si celebra il 10 ottobre di ogni anno e promuove, tramite campagne e attività, la consapevo (continua)

Pandemia e disagio psicosociale

Gli effetti della pandemia si sono intensificati sia a livello della salute globale che in quello delle ripercussioni economiche. Un terzo aspetto grave e preoccupante è però anche quello riguardante gli aspetti della sofferenza psichica collettiva, famigliare e individuale che sembra essere messo in secondo piano, ma che potrebbe a medio termine rivelarsi incisivo e devastante.   Gli effetti della pandemia si sono intensificati sia a livello della salute globale che in quello delle ripercussioni economiche. Un terzo aspetto grave e preoccupante è però anche quello riguardante gli aspetti della sofferenza psichica collettiva, famigliare e individuale che sembra essere messo in secondo piano, ma che potrebbe a medio termine rivelarsi incisivo e devastante. (continua)

DOVE STA ANDANDO LA PSICHIATRIA ?

DOVE STA ANDANDO LA PSICHIATRIA ?
 DOVE STA ANDANDO LA PSICHIATRIA ? La domanda di assistenza psichiatrica è certamente una questione complessa della quale è necessario considerare tutti gli elementi costitutivi: gli agenti dell’invio, il percorso di arrivo alle strutture, i precedenti passaggi istituzionali. Recentemente Peppe Dell’acqua, fra i più autorevoli successori ed eredi culturali (continua)

Andrea-Mazzoleni - Candidato Circoscrizione nord-ovest - Lista Io Cambio-MAIE Alcune considerazioni

Andrea-Mazzoleni - Candidato Circoscrizione nord-ovest - Lista Io Cambio-MAIE Alcune considerazioni
 La degenerazione incontrollata del sistema con cui oggi siamo confrontati genera un aumento del disagio sociale che, dal punto di vista psicologico, consiste in varie forme di inadeguatezza dell’individuo rispetto al sistema in cui vive che lo portano a uno stato di sofferenza o all’assenza di benessere. Questo malessere è così spesso un fenomeno legato al senso di (continua)

Andrea Mazzoleni, Candidato Circoscrizione nord ovest Lista Io Cambio - MAIE

 Andrea Mazzoleni, Candidato Circoscrizione nord ovest Lista Io Cambio - MAIE   L’esperienza di lavoro nei servizi socio psichiatrici del Canton Ticino mi ha fatto incontrare quotidianamente, tra i connazionali e gli emigrati di altri paesi, non solo i casi cosiddetti più gravi, affetti da problematiche psicologiche quasi incompatibili con una normale vita di relazio (continua)