Home > Lavoro e Formazione > Training box: aggiornare efficacemente i formatori

Training box: aggiornare efficacemente i formatori

scritto da: AIFUS | segnala un abuso


Training box: aggiornare efficacemente i formatori

 

Per affrontare l’imminente scadenza dell’aggiornamento triennale per formatori sono stati prodotti tre efficaci strumenti formativi di 8, 16 e 24 ore per ciascuna area tematica.

 

Perché migliori la qualità della formazione alla sicurezza sul lavoro erogata ai lavoratori sono necessari formatori competenti, consapevoli delle proprie responsabilità, abili nel comunicare e aggiornati alle ultime novità normative, tecnologiche e metodologiche.

 

Con questi obiettivi il Decreto Interministeriale del 6 marzo 2013 – in vigore dal 18 marzo 2014 – ha dettato i “criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro”; criteri che sono articolati in requisiti minimi per garantire nel docente la contemporanea presenza di tre elementi fondamentali: conoscenza, esperienza e capacità didattica.

Se la qualificazione si acquisisce in modo permanente il decreto richiede tuttavia ai formatori un aggiornamento con cadenza triennale. E il triennio decorre dalla data di entrata in vigore del decreto, per chi era già qualificato a tale data, o dalla data di effettivo conseguimento della qualificazione.

 

Dunque è imminente la prima scadenza importante per i formatori (marzo 2017) che prevede, secondo quanto richiesto dal Decreto del 6 marzo 2013, 24 ore di formazione per ognuna delle 3 possibili aree tematiche di competenza del formatore (Normativa/giuridica/organizzativa; Rischi tecnici/igienico-sanitari; Relazioni/comunicazione).

 

Esistono degli strumenti formativi efficaci per l’aggiornamento dei formatori, conformi a quanto richiesto dalla normativa e in grado rispondere a tutte le loro esigenze?

 

In relazione alla prossima scadenza dell’aggiornamento triennale e alla necessità di strumenti formativi adattabili alle varie esigenze dei formatori, l’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro (AiFOS) presenta alcuni strumenti, nella forma del “Training Box”:

- un percorso di 8 ore disponibile per ciascuna area tematica (I, II, III);

- un percorso di 16 ore disponibile per ciascuna area tematica (I, II, III);

- un percorso di 24 ore disponibile per ciascuna area tematica (I, II, III).

 

Veniamo al dettaglio di ogni training box.

 

Il Training box di 8 ore prevede:

- per la prima area un corso in aula a scelta tra: “Near-miss: prevenzione partecipata”; “La catena delle responsabilità nella sicurezza sul lavoro”;

- per la seconda area un corso in aula a scelta tra: “Il valore organizzativo delle diverse età”; “Ergonomia e movimentazione manuale dei carichi”;

- per la terza area un corso in aula a scelta tra: “Ergonomia della formazione: percezione, pensiero, creatività”; “Gestione efficace delle riunioni”.

 

Il Training box di 16 ore prevede:

- prima area: “Post infortunio e dati INAIL” (corso in E-learning), tre videoconferenze (Classificazione INAIL del rischio e premio assicurativo/ Tutela dell'infortunio in itinere/ Riduzione del premio INAIL tramite istanza OT24) e un corso in aula a scelta tra: “Near-miss: prevenzione partecipata”; “La catena delle responsabilità nella sicurezza sul lavoro”;

- seconda area: “Diversity management” (corso in E-learning), tre videoconferenze (Alcool e droga/ Guida sicura/ Rischio sismico) e un corso in aula a scelta tra: “Il valore organizzativo delle diverse età”; “Ergonomia e movimentazione manuale dei carichi”;

- terza area: “Presentazioni efficaci” (corso in E-learning), tre Videoconferenze (Comunicazione non verbale per il formatore / Self marketing / L'utilizzo delle metafore nella formazione) e un corso in aula a scelta tra: “Ergonomia della formazione: percezione, pensiero, creatività”; “Gestione efficace delle riunioni”.

 

Il Training box di 24 ore prevede:

- prima area: “Post infortunio e dati INAIL” (corso in E-learning), tre videoconferenze (Classificazione INAIL del rischio e premio assicurativo/ Tutela dell'infortunio in itinere/ Riduzione del premio INAIL tramite istanza OT24) e i due corsi in aula: “Near-miss: prevenzione partecipata”; “La catena delle responsabilità nella sicurezza sul lavoro”;

- seconda area: “Diversity management” (corso in E-learning), tre videoconferenze (Alcool e droga/ Guida sicura/ Rischio sismico) e i due corsi in aula: “Il valore organizzativo delle diverse età”; “Ergonomia e movimentazione manuale dei carichi”;

- terza area: “Presentazioni efficaci” (corso in E-learning), tre Videoconferenze (Comunicazione non verbale per il formatore / Self marketing / L'utilizzo delle metafore nella formazione) e i due corsi in aula: “Ergonomia della formazione: percezione, pensiero, creatività”; “Gestione efficace delle riunioni”.

 

 

Per avere ulteriori dettagli sul Training box più adatto e iscriversi, è possibile utilizzare questo link:

http://aifos.org/home/formazione/training-box/aggiornamento-2017

 

Per informazioni:

Sede nazionale AiFOS - via Branze, 45 - 25123 Brescia c/o CSMT, Università degli Studi di Brescia - tel.030.6595031 - fax 030.6595040 www.aifos.it  - formarsi@aifos.it

 

 

03 novembre 2016

 

 

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

formatori | training box | sicurezza sul lavoro | corsi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Meglio Cessione del Quinto o Prestito Personale?


Vanessa Hudgens e Austin Butler si sono lasciati dopo quasi 9 anni, ma il motivo è ancora un mistero


CHIESA DI SCIENTOLOGY - CELEBRAZIONI DEL SETTANTESIMO ANNIVERSARIO DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE


Attualità e pandemia: 8 domande all'imprenditore Giuseppe Scaltriti, proprietario del Castello di Roccabianca


Scientologist presenti in cinque continenti uniti per i diritti umani


In Modo Semplice: scrivere canzoni è un mestiere da bambini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sicurezza sul lavoro: come cambia il decreto 81 e le prospettive future

Sicurezza sul lavoro: come cambia il decreto 81 e le prospettive future

 

Il 24 gennaio 2022 un webinar gratuito per conoscere e analizzare le recenti modifiche del D.Lgs. 81/2008 e le prospettive future delle figure della sicurezza.

  Sicurezza sul lavoro: come cambia il decreto 81 e le prospettive future   Il 24 gennaio 2022 si terrà un webinar gratuito per conoscere e analizzare le recenti modifiche del D.Lgs. 81/2008 e le prospettive future delle figure della sicurezza.   Di fronte ai molti infortuni mortali che sono avvenuti nei luoghi di lavoro in questi mesi, anche in relazione alla ripresa co (continua)

La valutazione del rischio elettrico e la nuova CEI 11/27

La valutazione del rischio elettrico e la nuova CEI 11/27

 

Nel mese di febbraio 2022 un corso in videoconferenza si soffermerà sulla valutazione del rischio elettrico, sulle principali misure di prevenzione e sulle novità introdotte dalla nuova edizione 2021 della norma CEI 11-27.

  Comunicato Stampa La valutazione del rischio elettrico e la nuova CEI 11/27   Nel mese di febbraio 2022 un corso in videoconferenza si soffermerà sulla valutazione del rischio elettrico, sulle principali misure di prevenzione e sulle novità introdotte dalla nuova edizione 2021 della norma CEI 11-27.   Se l’esposizione al rischio elettrico è present (continua)

Rapporto AiFOS: l’uso della videoconferenza per la salute e sicurezza

Rapporto AiFOS: l’uso della videoconferenza per la salute e sicurezza

 

I risultati della ricerca sull’uso della videoconferenza per la formazione alla salute e sicurezza sul lavoro, la presentazione del Rapporto AiFOS 2021 e il webinar gratuito del 19 gennaio 2022.

  Comunicato Stampa Rapporto AiFOS: l’uso della videoconferenza per la salute e sicurezza   I risultati della ricerca sull’uso della videoconferenza per la formazione alla salute e sicurezza sul lavoro, la presentazione del Rapporto AiFOS 2021 e il webinar gratuito del 19 gennaio 2022.   Per essere un efficace misura di prevenzione di infortuni e malattie professio (continua)

Disturbi muscoloscheletrici e lavoro: i manifesti premiati

Disturbi muscoloscheletrici e lavoro: i manifesti premiati

 

Premiati dalla Fondazione AiFOS i migliori manifesti prodotti dagli studenti dell’Accademia SantaGiulia di Brescia sul tema della prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici in relazione alla campagna europea “Alleggeriamo il carico!”.

  Comunicato Stampa   Disturbi muscoloscheletrici e lavoro: i manifesti premiati   Premiati dalla Fondazione AiFOS i migliori manifesti prodotti dagli studenti dell’Accademia SantaGiulia di Brescia sul tema della prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici in relazione alla campagna europea “Alleggeriamo il carico!”.   Secondo i dati diffusi in questi a (continua)

Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali

Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali

 

Un corso in presenza a Brescia il 26 gennaio 2022 permetterà di acquisire gli strumenti e le conoscenze adeguate all’utilizzo in sicurezza dei gas tecnici industriali.

  Comunicato Stampa Come utilizzare in sicurezza i gas tecnici industriali   Un corso in presenza a Brescia il 26 gennaio 2022 permetterà di acquisire gli strumenti e le conoscenze adeguate all’utilizzo in sicurezza dei gas tecnici industriali.   Con “gas tecnici industriali” s’intende una vasta gamma di gas che, utilizzati in molti processi e se (continua)