Home > Spettacoli e TV > TASSE, BALZELLI E TANTI GUAI

TASSE, BALZELLI E TANTI GUAI

scritto da: In arce | segnala un abuso

TASSE, BALZELLI E TANTI GUAI

Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha raccontato la secolare lotta fra chi impone le tasse e chi tenta di sfuggirle.


Tasse, balzelli e tanti guai
 
L’intramontabile competizione su tasse e imposte (chi le esige, chi le paga e chi le evade); un variopinto affresco sociale del Centro-Nord Italia fra tardo Medioevo, Rinascimento ed Età Moderna; uno spettacolo coinvolgente, ironico e scanzonato che mette in luce aspetti senza tempo dell’animo e delle azioni umane.
È lo spirito di Tasse, balzelli e tanti guai, che si è svolto dal 2016 al 2019 in Lombardia e in Liguria.
L’evento è stato impostato come narrazione storica: un racconto di vicende accadute secoli fa ma molto attuali nel loro significato.
Tasse, balzelli e tanti guai ha avuto come protagonista il variegato mondo che fra XIII e XVIII secolo ruotava attorno alle risorse fiscali: dazi, gabelle, decime, taglie e sovrattasse.
Difficile non ritrovare nel corso della storia umana istituzioni, signorie o potentati che decidano di non imporre tributi ai propri sottoposti; altrettanto difficile non ritrovare sistemi (più o meno ingegnosi, sistematici, criminosi, cervellotici o bizzarri) messi in atto per evadere tasse e imposte. Talvolta, con esiti comici o grotteschi da entrambe le parti.
Ha narrato queste vicende Davide, utilizzando i risultati delle ricerche che conduce da anni sulla storia medievale, rinascimentale e moderna dell’Italia centro-settentrionale.
Ispirato al teatro di narrazione, il racconto dello studioso ha descritto molti episodi legati al commercio, al contrabbando, all’economia, alla politica e alla società fra Duecento e Settecento.
Castellani che vendevano sottobanco le munizioni delle fortezze loro affidate; sovrani che ordinavano il conio di monete contraffatte; oneri feudali pagati in pesci e capponi; corvées richieste per mantenere rocche e castelli; tratte di sale e salnitri; leve militari; “sfrosi” di pedaggi su fiumi e laghi; malversazioni e peculati commessi da amministratori e ufficiali.
Sono stati parecchi i personaggi e le stirpi nobiliari menzionate nelle quattro rappresentazioni dello spettacolo (tenutesi nei territori di Cremona, La Spezia e Genova): gli Asburgo, i Doria, i Farnese, i Fieschi, i Fregoso, i Landi, i Malaspina, i Medici, i Pallavicino, i Rossi, gli Sforza, i Trivulzio, i Valois, i Visconti.
Numerosi anche gli antichi stati italiani citati da Davide: la Repubblica di Genova, il Ducato di Milano (Stato di Milano), la Repubblica di Firenze, lo Stato Pallavicino, il Marchesato del Monferrato, il Ducato di Parma e Piacenza, lo Stato Landi, il Ducato di Modena e Reggio, la Repubblica di Venezia, lo Stato Rossi.
Per le tappe di Tasse, balzelli e tanti guai sono state scelte ambientazioni come la sponda orientale del fiume Adda, la spianata di San Pietro a Porto Venere (affacciata sull’Isola Palmaria e sul Golfo dei Poeti) e il parco di San Nicolò dell’Isola a Sestri Levante (sul promontorio del Tigullio che divide la Baia del Silenzio dalla Baia delle Favole).
In questi scenari Davide ha raccontato al pubblico i retroscena di un mondo antico la cui essenza è sempre attuale e ben presente nella realtà odierna.
La narrazione dello storico ha avuto uno stile vivace, coinvolgente, brioso, ironico e ha fatto emergere aspetti della vita umana comuni a ogni tempo e luogo: cupidigia, compassione, desiderio di un futuro migliore, invidia, lotte per il potere. Pulsioni a volte contrastanti ma che sono tutte profondamente umane.
 
Lo spettacolo di narrazione storica Tasse, balzelli e tanti guai si è svolto con il seguente calendario: in provincia di Cremona (Lombardia) il 6 novembre 2016 e il 29 ottobre 2017; a Porto Venere (La Spezia, Liguria) presso la spianata di San Pietro il 18 agosto 2018; a Sestri Levante (Genova, Liguria) presso il parco della chiesa di San Nicolò dell’Isola (Via Penisola) il 29 giugno 2019. Gli eventi del 2016 e del 2017 facevano parte della serie itinerante «Racconti d’autunno»; quelli del 2018 e del 2019 sono stati organizzati per la rassegna viaggiante «Racconti d’estate». La paternità creativa di Tasse, balzelli e tanti guai appartiene a Davide Tansini, che detiene ogni diritto sullo spettacolo e sulle serie «Racconti d’autunno» e «Racconti d’estate». Per informazioni: Facebook tasse.balzelli.e.tanti.guai, e-mail e v e n t i @ i n a r c e . c o m.

Fonte notizia: https://www.tansini.it/it/tasse-balzelli-e-tanti-guai.html


Liguria | Lombardia | Cremona | Genova | La Spezia | Porto Venere | Sestri Levante | Tigullio | storia | economia | tasse | politica | teatro | spettacolo | narrazione storica | cultura | Medioevo | Rinascimento | Ducato di Milano | Repubblica di Genova | Davide | Davide Tansini | Tansini |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Come Pagare Meno Tasse


Come Pagare Meno Tasse: Società Offsore


Ho risparmiato sulle tasse da versare il 35%! Ecco come ho fatto in 6 mosse


Il perfetto piano del nomade fiscale per non pagare le tasse in Italia


Il referendum e il ritratto bugiardo dell'Italia


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INTRECCI

INTRECCI
Le opere di Erminio Tansini in mostra fra le mura della Fortezza Firmafede di Sarzana dal 10 al 26 giugno. Esposizione a cura di Davide. Intrecci   La mostra d’arte Intrecci si svolgerà nella Fortezza Firmafede di Sarzana da venerdì 10 a domenica 26 giugno 2022. L’esposizione focalizzerà l’attenzione sull’opera di Erminio Tansini nei campi della pittura, della scultura e della fotografia. L’evento presenterà alcune decine di lavori (dipinti a olio su tela o su tavola, scatti fotografici, sculture in bronzo o in legno) che (continua)

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE

BRIGANTI, PIRATI E FRONTIERE
Uno spettacolo di narrazione storica ideato e condotto da Davide ha portato in scena dal 2017 al 2019 le vicende di predoni, contrabbandieri, spie e avventurieri che si aggiravano fra Valpadana, Appennino e Mar Ligure durante il basso Medioevo, il Rinascimento e l’Età Moderna. Briganti, pirati e frontiere Dal 2017 al 2019 si sono svolte in Emilia-Romagna, in Lombardia e in Liguria le tappe della narrazione storica intitolata Briganti, pirati e frontiere.La trama dello spettacolo è dedicata al territorio che va dal Mar Ligure alla Valpadana centrale passando per l’Appennino settentrionale: la sua storia e quella delle sue intricate e plurisecolari frontiere.Le aree (continua)

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO

FORME SFUGGENTI #94 – ROCCA DI GUSALIGGIO
Ha fatto tappa nell’Appennino emiliano la serie di shooting fotografici «Forme sfuggenti», dedicata alle sculture di Erminio Tansini e diretta da Davide. Forme sfuggenti #94Rocca di Gusaliggio Alla metà dell’aprile 2022 la Valmozzola, nell’Appennino Ligure, ha accolto il 94º evento della rassegna itinerante «Forme sfuggenti», intitolato Rocca di Gusaliggio.La serie è dedicata alle sculture in legno che Erminio Tansini realizza con ceppi, rami, radici e tronchi recuperati dalle spiagge marine e dai greti dei torrenti montani.«Forme sfuggenti» a (continua)

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE

CASTELLI DELLA VALTARO MEDIEVALE E RINASCIMENTALE
Due conferenze hanno raccontato l’architettura fortificata del Medioevo e del Rinascimento nelle valli del Taro e del Ceno. A cura di Davide. Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale La coppia di conferenze Castelli della Valtaro medievale e rinascimentale ha preso in esame le architetture fortificate poste nelle valli parmensi del Taro e del Ceno.Gli incontri si sono svolti nel 2012 e nel 2014 rispettivamente a Borgo Val di Taro e a Berceto. I due eventi sono stati condotti da Davide.Gli appuntamenti di Castelli della Val (continua)

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE

FORME SFUGGENTI #93 – CASTELLO DI PADENGHE
L’antico castello di Padenghe sul Garda è stato lo scenario del 93º set fotografico della serie «Forme sfuggenti», diretta da Davide e dedicata alle sculture di Erminio Tansini. Forme sfuggenti #93Castello di Padenghe Nella seconda metà del marzo 2022 Padenghe sul Garda ha ospitato il 93º appuntamento della serie itinerante «Forme sfuggenti», dal titolo Castello di Padenghe.La rassegna è dedicata all’opera artistica di Erminio Tansini: in particolare, alle sculture in legno che l’autore realizza con ceppi, radici, rami e tronchi rinvenuti sui greti dei torrenti e sul (continua)