Home > Cibo e Alimentazione > Metalli Pesanti

Metalli Pesanti

scritto da: Pieromartino | segnala un abuso


Le recenti disposizioni della Comunità Europea che hanno bloccato il “regime di deroga” sui parametri di potabilità dell’acqua non fanno altro che aumentare allarme e paura nel pubblico.

Vediamo di chiarire l’argomento:

I metalli pesanti cosa sono?
Da dove vengono?
Quali sono i loro effetti?
A cosa dobbiamo fare attenzione?

L’inquinamento da metalli pesanti

I metalli pesanti sono sostanze che alla base della composizione di molti organismi viventi, e quindi, anche del nostro  corpo.

Alcuni di essi sono molto tossici, se penetrano nel nostro organismo in dosi superiori a quelle tollerabili comportano gravi conseguenze, in alcuni casi letali.

L’Ente Governativo Americano per la Protezione dell’Ambiente già nel 1979 dichiarava che i metalli tossici rappresentano un grave problema essendo largamente utilizzati in tutte le attività produttive, dall’agricoltura all’industria.

Molte sostanze vengono introdotte nell’aria, nell’acqua, nella catena alimentare e vengono quindi assorbite dall’organismo umano.

Che cosa si intende però per metalli tossici?
In realtà non esiste un elenco univoco dei metalli tossici poiché essi rientrano nella categoria più generale e meglio definita dei metalli pesanti.

Due caratteristiche dei metalli pesanti sono da analizzare con attenzione:

• si comportano come cationi, ossia come ioni dotati di carica positiva quando entrano in un campo elettromagnetico;

• hanno una tendenza a dare vita a legami chimici complessi;

Ecco l’elenco dei metalli pesanti:

  • alluminio
  • ferro
  • argento
  • bario
  • berillio
  • cadmio
  • cobalto
  • cromo
  • manganese
  • mercurio
  • molibdeno
  • nichel
  • piombo
  • rame
  • stagno
  • titanio
  • tallio
  • vanadio
  • zinco

ed alcuni metalloidi con proprietà simili a quelle dei metalli pesanti:

  • arsenico
  • bismuto
  • selenio

Fra i metalli pesanti si distinguono quelli indispensabili per gli organismi viventi, con potenziale tossicità:

ferro, cobalto, cromo, rame, manganese, molibdeno, selenio, zinco;

dai metalli tossici:

alluminio, arsenico, berillio, cadmio, mercurio, nichel e piombo.

Quando si parla di inquinamento da metalli pesanti, ci si riferisce normalmente a questi ultimi.

La loro tossicità è elevata per l’uomo in quanto si legano con le strutture cellulari in cui si depositano, ostacolando lo svolgimento di determinate funzioni vitali, e l’organismo spesso non è in grado di eliminarli.

Il mercurio scaricato nei bacini d’acqua, viene trasformato dai batteri marini ed è facilmente assimilabile da vegetali e plancton. Così dai primi anelli della catena alimentare, il mercurio si trasmette via via ai pesci più grandi, fino ad arrivare all’uomo. Il mercurio provoca gravi intossicazioni. Lungo la catena alimentare, la sua dose di concentrazione aumenta, proprio perché gli organismi non sono in grado di smaltirlo.

Il cadmio, presente nell’ambiente per l’uso nei fertilizzanti chimici, nelle batterie e semiconduttori, oltre al fumo delle sigarette e agli inceneritori, è ritenuto il responsabile dell’insorgere di ipertensione, di disturbi gastrointestinali e dell’apparato riproduttivo, di forme di arteriosclerosi e di diverse forme tumorali.

Il piombo si riversa nell’ambiente da scarichi industriali e dalla combustione di benzina, produce i suoi effetti negativi sia sulle ossa, ed è ritenuto inibitore della produzione di numerosi enzimi. Inoltre al piombo si fa risalire l’insorgenza di disturbi cerebrali e di forme più o meno gravi di depressione.

L’alluminio, largamente utilizzato come materiale per gli utensili da cucina, si diffonde nell’ambiente, dalle pentole, lattine e altri contenitori, e tramite anche i farmaci antiacidi di uso comune. L’effetto principale di una quantità eccessiva di alluminio nel corpo è la comparsa di disturbi neurologici, che nei casi più gravi degenerano nel morbo di Alzheimer, perché si deposita prevalentemente nel cervello.

L’arsenico e molti dei suoi composti sono veleni particolarmente potenti. L’arsenico uccide danneggiando in modo gravissimo il sistema digestivo ed il sistema nervoso. Composti contenenti arsenico sono cancerogeni e una estesa letteratura scientifica disponibile su prestigiose riviste internazionali ha ormai provato che l’esposizione cronica all’arsenico ha effetti multipli sulla salute:

  • riduce le difese antiossidanti dell’organismo;
  • provoca stress ossidativo direttamente nell’ambiente intracellulare, inattivando diversi enzimi;
  • interferisce pesantemente con i meccanismi endocrini;
  • può attaccare direttamente i filamenti di DNA.

Inoltre tutti i metalli pesanti tossici sono in grado di penetrare la placenta e causare gravi malformazioni al nascituro o inaspettati aborti spontanei.

Abbiamo già visto che i metalli pesanti reagiscono quando entrano in un campo elettromagnetico e hanno una tendenza a dare vita a legami chimici complessi.
Per questo è raccomandata l’assenza di questi metalli nelle camere di ionizzazione e ed è necessario eliminarne l’eventuale presenza dall’acqua.

Non fare economia sulla Tua Salute: la Leveluk è l’unico ionizzatore che elimina i metalli pesanti.

Piero Martino
Tel.: (039) 3388119975
Il mio stato
 

www.vivereKangen.com

info@vivereKangen.com

Acqua Kangen | Acqua alcalina | acqua ionizzata | acqua potabile | metalli pesanti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Lamiera forata: come un prodotto semplice sa reinventarsi continuamente sfidando i cambiamenti delle diverse epoche


Oro in Svizzera anche nelle Fogne


Taglio laser a Como? Scegli Franchi Laser di Proserpio, la carpenteria metallica di qualità


Oxygenio: lava sano, lava pulito!


Assocamerestero: “la Lombardia incontra l’Europa dell’Est” a Milano per approfondire le future opportunità di business della Regione


Opinioni dei clienti su Farmacqua


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore