Home > Eventi e Fiere > DIMITRI RESTAURANT PORTA IL VIOLA IN TAVOLA

DIMITRI RESTAURANT PORTA IL VIOLA IN TAVOLA

articolo pubblicato da: studiocru | segnala un abuso

DIMITRI RESTAURANT PORTA IL VIOLA IN TAVOLA

 Il colore viola nei piatti di una cena a tema: un gioco di materie, tecniche e colori. Giovedì 17 novembre al Dimitri Restaurant di Altavilla (VI)

 

Una cena dove i piatti giocano con il colore viola. È questa l'ultima sfida che Dimitri Mattiello, giovane ma già esperto chef del Dimitri Restaurant di Altavilla Vicentina, proporrà al pubblico giovedì 17 novembre 2016 alle ore 20.30.

Il viola è considerato erroneamente un colore non gastronomico - dice Dimitri - ma molte materie prime e ingredienti contengono in natura questo colore. Basta pensare alla patata violetta o al cappuccio viola. Ho voluto quasi per gioco provare a costruire un menù che avesse come filo conduttore tra i piatti questo colore. Dall'antipasto al dolce”.

Alla padronanza nelle tecniche di cucina con cui lavora la materia, Dimitri abbina una profonda conoscenza delle materie prime e una capacità innata di selezionarle, abbinarle e prepararle, guidato dalla curiosità e dall'intelligenza vivace che lo caratterizzano. La sua cucina parte dalla tradizione e si innalzalza verso più leggere e fantasiose sperimentazioni, senza mai perdere di vista il gusto e la godibilità del piatto. Così anche nella scelta delle materie Dimitri ama raccogliere le sfide e ricercare nuovi abbinamenti. Per creare il menù viola si è lasciato tentare dalla versatilità di rape e bietole rosse, dalla croccantezza e forte personalità di cappuccio viola o del radicchio trevigiano, dal sentore esotico delle mazzancolle viola, dalla dolcezza della cipolla di tropea.

Nel menù viola le patate violette diventano spuma leggera e accompagnano il petto di cappone francese, con foie gras e granella di nocciole. Ritroviamo la spuma anche sul tronchetto di maialino da latte cotto a bassa temperatura, tecnica molto amata da Dimitri, che viene servito su un letto croccante di cappuccio viola. In questo caso le patate violette vengono cotte nell'acqua di cottura del maialino. Ma il viola può anche essere un dessert. Nel Cremoso al cioccolato con mirtilli e sfoglie croccanti di patate violetta il viola del frutto dona freschezza mentre le sfoglie croccanti di patata creano un piacevole contrasto.

I piatti non diventeranno un menu, ma saranno preparati tutti insieme solo per questa occasione. Il costo della cena è di 40 euro e solo su prenotazione. I posti sono limitati.

Per info e prenotazioni: http://www.dimitrirestaurant.it/contatti.php



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

DIMITRI RESTAURANT: IL MENU DELLA SVOLTA


VERDURE DIMENTICATE: IL MENU A QUATTRO MANI DI DIMITRI MATTIELLO E MORELLO PECCHIOLI


Viola Giustino e Dario Santoro vincono la “CORRENDO TRA I VIGNETI”


Romanoff- Schwarzberg e Maisky in concerto: due figlie d'arte


S. VALENTINO TRA RELAX E GOURMET - Le proposte dei Baglioni Hotels per gli innamorati e non solo


MG INC: MADNESS E’ L’ESORDIO DELL’INSOLITO DUO


 

Stesso autore

GIANNITESSARI PRESENTA LA NUOVA LINEA ALPONE

GIANNITESSARI PRESENTA LA NUOVA LINEA ALPONE
 Tre nuovi spumanti metodo Charmat da uva Durella  nelle tipologie Brut, Extra Dry e Dolce Si chiama Alpone la nuova linea di spumanti dell’azienda agricola Giannitessari, prodotti con metodo Charmat da uva Durella. In etichetta il torrente Alpone è rappresentato graficamente in rilievo, su fondo grigio, in tre diversi colori fluo: azzurro per la versione Brut, giallo per (continua)

CANTINE APERTE: CALINVERNO SI DEGUSTA A TUTTO TONDO

CANTINE APERTE: CALINVERNO SI DEGUSTA A TUTTO TONDO
 Domenica 26 maggio 2019 l’azienda agricola Monte Zovo propone esperienze avvolgenti con Calinverno, il vino simbolo della famiglia Cottini Calinverno sarà il protagonista di Cantine Aperte all’azienda agricola Monte Zovo di Caprino Veronese. Domenica 26 maggio, in occasione della tradizionale giornata indetta dal Movimento Italiano Turismo del Vino, la famiglia Cottini ha (continua)

GRAVNER: BIANCO BREG 2011 IL VINO CHE HA LASCIATO IL POSTO AL BOSCO

GRAVNER: BIANCO BREG 2011 IL VINO CHE HA LASCIATO IL POSTO AL BOSCO
 Tra il 2011 e il 2012 Josko Gravner ha espiantato tutti i vigneti da cui è stato ottenuto questo vino. Solo 3000 bottiglie, frutto di un’ottima annata Arriva sul mercato il Bianco Breg 2011 di Gravner. Prodotto con uve Sauvignon, Pinot Grigio, Chardonnay e Riesling Italico, è la penultima annata ad andare in commercio. I vigneti dai quali è stata raccolta l’ (continua)

RADICI DEL SUD: L’AUTOCTONO PROTAGONISTA A SANNICANDRO DI BARI

RADICI DEL SUD:  L’AUTOCTONO PROTAGONISTA A SANNICANDRO DI BARI
 Lunedì 10 giugno apre al pubblico il Salone, dove degustare i migliori vini e oli del Sud Italia. Alle 19.30 conferenza sui vitigni autoctoni con la maison Tarlant I vini da vitigno autoctono del Meridione tornano protagonisti con Radici del Sud. Il Salone dei vini e degli oli del Sud Italia è in programma per lunedì 10 giugno 2019 dalle 11.00 alle 21.00 al Castello di (continua)

SETTIMA EDIZIONE DE L’ORO DEL GARDA: PREMIATI I MIGLIORI OLI GARDA DOP

SETTIMA EDIZIONE DE L’ORO DEL GARDA: PREMIATI I MIGLIORI OLI GARDA DOP
 Il concorso unico indetto dal Consorzio Garda DOP premia ogni anno i migliori oli delle tre denominazioni. Primo posto al frantoio Turri e all’Agraria Riva del Garda Sono l’olio Garda Orientale DOP del frantoio Fratelli Turri di Cavaion Veronese (Verona) e quello dell’Agraria Riva del Garda di Riva del Garda (Trento) a vincere il primo posto de L’Oro del Garda, il co (continua)