Home > Altro > Fjällräven lancia il progetto pilota “lana svedese”

Fjällräven lancia il progetto pilota “lana svedese”

scritto da: Bluwomud | segnala un abuso

Fjällräven lancia il progetto pilota “lana svedese”


Fjällräven, marchio di abbigliamento e accessori outdoor svedese, vuole rilanciare la produzione di lana svedese. In collaborazione con Brattlandsgården, una fattoria della Svezia centrale, mira ad assicurare la completa tracciabilità nell’ambito della propria catena di produzione di lana sul territorio nazionale. La prima fase è già stata completata: lana di alta qualità proveniente da pecore svedesi.

Fjällräven è un marchio che ha a cuore tutti gli aspetti della sostenibilità. Nel 2013 ha lanciato The Fjällräven Way, la sua missione per la sostenibilità. Obiettivo: donare una sana vita all’aperto alle generazioni attuali e a quelle future. Si tratta di una missione poliedrica che abbraccia natura, economia, benessere e responsabilità sociale. Di conseguenza, Fjällräven ha abolito l’uso di PFC durante la produzione, ha incrementato l’uso di materiali biologici e riciclati e ha istituito una politica di tracciabilità denominata Down Promise, eletta come la migliore dell’industria dell’outdoor da Four Paws.  

Attualmente Fjällräven sta facendo ulteriori passi lungo la strada della sostenibilità.  Guidata dall’Amministratore delegato Martin Axelhed e dalla manager della sostenibilità Christiane Dolva, Fjällräven spera di ottenere la piena tracciabilità anche nella catena di produzione della lana e punta a ravvivare l’industria svedese della lana. 

La tracciabilità è difficile, specialmente quando ci si rifornisce da Paesi lontani come l’Australia, la Nuova Zelanda o il Sudafrica. Non è facile arrivare al livello degli allevamenti, e neanche sapere che tipo di requisiti chiedere agli stessi.

“Abbiamo spesso acquistato la lana attraverso i produttori di filati o addirittura dai produttori di tessuti che sono in contatto con i produttori di filati che, a loro volta, sono in contatto con i filatori, e così via. Quindi non è stato semplice ottenere la lana direttamente dall’allevamento che la produce. Volevamo anche vedere se fosse possibile stabilire una catena di produzione e approvvigionamento completamente svedese ma ciò è molto difficile quando l’industria è stata esternalizzata per tanto tempo,” dice Christiane.

Le pecore svedesi, generalmente, vengono allevate per produrre carne. Di solito, gran parte della lana prodotta viene gettata via. Questo avviene perché la lana è deteriorata e dura, quindi di solito viene utilizzata per la produzione di tappeti. Ma Fjällräven ha voluto intervenire su questi sprechi studiando la catena di produzione della lana per colmare il divario ed eliminare le zone d'ombra.

Ed è così che è nato il miglior progetto di buone prassi dedicato alla lana svedese. In collaborazione con una fattoria a gestione olistica della Svezia centrale, la Brattlandsgården, Fjällräven e l’allevatrice Natasha Skott hanno acquistato alcune pecore. Si tratta di una nuova razza svedese, chiamata Jämtlandsfår, che produce lana di finissima qualità, tra i 19 e i 21 micron. In confronto, la lana merino è tra i 17 e i 24 micron (più basso è il numero, più fine è la lana).


Al momento le pecore adulte sono state tosate due volte alla Brattlandsgården e i nuovi agnelli, nati a giugno, hanno già ricevuto una prima tosatura. La prossima fase riguarda il lavaggio e la filatura della lana e, successivamente, la sua tessitura per un numero limitato di maglioni, che saranno disponibili per la stagione autunno/inverno 2017.

Nonostante il progetto sia appena nato, Fjällräven ha già imparato tanto. “Abbiamo imparato che tipo di requisiti dobbiamo richiedere ai nostri fornitori al fine di ottenere lana di ottima qualità. Non si tratta solo di chiedere una determinata morbidezza o lana d’agnello. Le nostre richieste si basano sui micron,” spiega Christiane.

“Inoltre, abbiamo imparato tanto sul processo di lavaggio e sui trattamenti che è possibile fare alla lana in un secondo momento; come ad esempio il superlavaggio, che consiste nel rivestire la lana con una pellicola di plastica per poterla mettere in lavatrice. Noi abbiamo deciso di non utilizzare questo tipo di trattamento. La nostra lana svedese non sarà colorata, sarà priva di tinture e avrà solo tonalità naturali. Ciò significa che i nostri clienti dovranno imparare a trattare la lana e prendersi il tempo di lavare a mano il prodotto finito.”

Fjällräven spera di poter usare opinioni ed esperienze relative a questo progetto pilota per applicarle alla propria catena di approvvigionamento internazionale di lana. Sta collaborando anche con lavanderie, filatoi e maglieristi per assicurare un prodotto realizzato al 100% in Svezia. Lo scopo, per il futuro, è quello di ingrandire ed espandere il progetto mantenendo la completa tracciabilità.

Fjällräven – www.fjallraven.com
Nel 1960, Åke Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia. Oggi i capi outdoor dell'azienda - intramontabili, funzionali e robusti - sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi. La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.
Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l'interesse per le attività all'aria aperta.
L’azienda ha dato vita a due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che richiamano migliaia di partecipanti ogni anno.

Comunicato stampa in altre lingue:
www.fjallraven.com/presskit/

Per maggiori informazioni:
Sandra Ferino - sandra.ferino@bluwom.com t. 349 5327868
www.fjallraven.com

Fjällräven | lana svedese | abbigliamento outdoor svedese | accessori outdoor svedese | Brattlandsgården | Svezia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

“Mai fuori moda”: il design di Fjällräven che migliora il ciclo di vita degli indumenti


Barcellona e Madrid sostengono la Campagna per la lana


Waterjet per tagliare pannelli in lana di roccia e lana di vetro


Fjällräven Expedition Series: da un’icona del 1974, la nuova collezione di giacche invernali per gli appassionati delle attività outdoor


Intervista a Fabio Staffolani – Managing Director di Knauf Insulation S.p.A.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sedia e panca flor: il nuovo duo floreale di TEAM 7

Sedia e panca flor: il nuovo duo floreale di TEAM 7
L’azienda austriaca TEAM 7, pioniera nel settore dell’eco-arredo, presenta flor, la nuova famiglia di sedute ispirate alla natura. Realizzate in puro legno naturale e rivestite, a scelta, in tessuto o in pelle, nuova sedia e nuova panca flor interpretano le forme organiche del mondo floreale in un design moderno che offre eccellente comfort di seduta. Disponibile, tra le opzioni di rivestimento, il nuovo tessuto Ripley ottenuto al 100% da materiali riciclati. TEAM 7 rende ancora una volta omaggio alla natura e presenta la nuova famiglia di sedute flor. Ispirate alle forme organiche e al fascino dei fiori, le new entry della zona pranzo firmata TEAM 7 mostrano come il linguaggio della natura possa essere abilmente tradotto in un design moderno. Sedia, panca lineare e panca angolare: la nuova famiglia flor offre soluzioni adatte a tutti gli spazi e, graz (continua)

Cucina echt.zeit di TEAM 7

Cucina echt.zeit di TEAM 7
TEAM 7 amplia la sua gamma di cucine di design e presenta il nuovo modello echt.zeit. Celebrazione di valori autentici, finezza tecnologica e artigianalità tradizionale, la cucina echt.zeit promuove una nuova cultura culinaria e un nuovo concetto di comfort abitativo: sempre più funzionale, condiviso ed ecologico. Messa in pausa la frenesia del mondo digitale, tutti desideriamo un rifugio dove poterci riunire con famiglia e amici, o semplicemente con noi stessi. Per molti questo rifugio è rappresentato dalla cucina, il luogo della casa destinato alla sperimentazione e alla condivisione, che negli ultimi mesi ha visto tantissime persone cimentarsi come mai prima nelle vesti di piccoli o grandi chef.A tutti i (continua)

Gli arredi MYYOUR in TV a “La Pupa e il Secchione e Viceversa”

Gli arredi MYYOUR in TV a “La Pupa e il Secchione e Viceversa”
Specializzato nella produzione di arredi per esterno, il brand italiano MYYOUR partecipa per il secondo anno consecutivo all’allestimento della location che ospita il programma TV “La Pupa e il Secchione e Viceversa”, il reality cult tornato in onda dal 21 gennaio su Italia 1, il giovedì in prima serata. Suoi i lettini prendi sole e gli arredi luminosi utilizzati per attrezzare e decorare l’area piscina e il giardino. Colorati, luminosi, pop, accattivanti: questi sono solo alcuni dei tratti distintivi degli arredi MYYOURscelti per allestire la location che ospita i protagonisti de “La Pupa e il Secchione e Viceversa”, il programma che racconta l'incontro tra due mondi opposti, rappresentati da pupe e secchioni e da pupi e secchione. Da un lato le pupe, donne seducenti e prorompenti, tutte fitness, gos (continua)

CMP si espande all’estero: nuovi store in Francia e Germania

CMP si espande all’estero:  nuovi store in Francia e Germania
CMP, il brand sportivo dell’azienda italiana F.lli Campagnolo, aggiunge 3 bandierine alla sua mappa di store in Europa CMP, il brand sportivo dell’azienda italiana F.lli Campagnolo, aggiunge 3 bandierine alla sua mappa di store in Europa: le nuove aperture si collocano nelle rinomate località sciistiche di Avoriaze Tignes, in Francia, e a Rottach Egern, un’esclusiva cittadina bavarese nei pressi del lago Tegernsee.  “Siamo davvero felici di annunciare queste aperture in Paes (continua)

MyNet diventa Società Benefit e offre a onlus e non profit l’utilizzo gratuito della propria App

MyNet diventa Società Benefit e offre a onlus e non profit l’utilizzo gratuito della propria App
. Udine, 15 dicembre 2020 - Superare il tradizionale modello aziendale finalizzato alla mera produzione di profitto per adottare invece un approccio che armonizzi crescita economica, inclusione sociale e tutela dell’ambiente: è questo l’obiettivo di MyNet (https://appmynet.it/), startup innovativa udinese fondata da Manuele Ceschia, che è diventata una delle oltre 200 S (continua)