Home > Economia e Finanza > Marco Carra: Garanzia di 450 milioni di Regione Lombardia per i debiti di Pedemontana

Marco Carra: Garanzia di 450 milioni di Regione Lombardia per i debiti di Pedemontana

scritto da: Avv. Marco Carra | segnala un abuso

Marco Carra: Garanzia di 450 milioni di Regione Lombardia per i debiti di Pedemontana


La società Autostrada Pedemontana Lombarda ha bisogno di soldi per realizzare le tratte rimanenti, ma le banche per concederle prestiti vogliono garanzie. Essendo la Pedemontana un'opera in finanza di progetto i soci privati dovrebbero garantire per la società, e invece lo fa la Regione Lombardia, per 450 milioni di euro. La garanzia varrà dal 2025 al 2044, quando la società dovrebbe iniziare a restituire il prestito alle banche.
La garanzia rilasciata a Pedemontana senza la revisione del piano economico finanziario e senza aver risolto il contenzioso con Strabag è un azzardo che rischia di costare carissimo ai lombardi. Ricordo che Pedemontana è un'opera in finanza di progetto e tutti sono capaci di fare progetti scaricando i rischi sul pubblico. La garanzia è una polpetta avvelenata i cui effetti si vedranno solo tra dieci anni, quando la giunta Maroni sarà ormai un ricordo.

Pedemontana | Marco Carra | regione Lombardia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Assocamerestero: “la Lombardia incontra l’Europa dell’Est” a Milano per approfondire le future opportunità di business della Regione


MARR: approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020


Consoft Sistemi rivende il sistema Adamo: teleassistenza per i lavoratori isolati


Inferriate di sicurezza: solidità e bellezza di grate per porte e finestre per sentirsi più sicuri.


Lombardia Speciale, Innovazione, Lombardia regina delle start up


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale
 Con la pendenza al Tar dei ricorsi fatti dai soggetti rimasti esclusi dalla Misura 19 del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 ‘Sostegno allo sviluppo locale Leader – Gal’ si sta delineando una situazione paradossale: “Poiché chiaramente è tutto bloccato, se non si risolverà la questione in tempi rapidi, dando il via ai finanziamenti, si corre il ri (continua)

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo
Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata in Consiglio Regionale per fare il punto sull’istituzione del tavolo per la salute mentale. Previsto già da sette mesi, in base alla legge 15 del 2016, è rimasto sinora sulla carta. Il tavolo prevede la partecipazione di soggetti istituzionali, operatori, terzo settore, società scientifiche, associazioni, (continua)

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...
In Commissione sanità è stata approvata la terza puntata della legge di riorganizzazione del sistema socio sanitario regionale, relativa a malattia diabetica, organizzazione delle donazioni di sangue, organi e tessuti, assistenza farmaceutica e prevenzione. Il nostro voto al provvedimento nel suo complesso è stato contrario. E questo perchè, come dimostra anche lo stato (continua)

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia
 Arriva l'inverno e la storia si ripete: lo smog, il Pm10 e tutto il corollario di polveri sottili e veleni vari schizzano alle stelle. A Milano e Lombardia. Come in un grande catino insalubre, per l'ambiente e per i suoi abitanti. Il primo passo delle istituzioni è applicare regole restrittive sulle emissioni, ma poi succede che non tutti lo facciano e la sostanza non cambia. Di chi (continua)

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale
I lavoratori del call center di Regione Lombardia non prendono lo stipendio dallo scorso ottobre. E alcuni di loro corrono il rischio di essere licenziati al momento del subentro della nuova società che sostituirà, nell'erogazione del servizio, la Gepin Contract, per scelta di Lombardia Informatica. Il Pd, per questo, si è immediatamente attivato per richiedere la convocazi (continua)