Home > Arte e restauro > “Rumore di fondo”, Giovanni Maranghi

“Rumore di fondo”, Giovanni Maranghi

scritto da: Filippo Lotti | segnala un abuso

“Rumore di fondo”, Giovanni Maranghi


 TREVISO. L’arte di Giovanni Maranghi approda, per la prima volta, in Veneto. E lo fa nella splendida cornice della prestigiosa Casa dei Carraresi, nella "città dipinta", in concomitanza con la grande mostra di Francis Bacon.

L’esposizione dal titolo “Rumore di fondo” si inaugurerà sabato 14 gennaio 2017, alle ore 17.00.

Una tappa fondamentale, quella dell’artista fiorentino Maranghi in terra veneta, dove si rappresenta attraverso il proprio universo stilistico fatto di “dame e regine, femmes fatale e moderne veneri”. Un percorso frutto di 12 mesi di lavoro dove tradizione e sperimentazione trovano qui il giusto equilibrio.

Sono circa 35 le opere esposte a Casa dei Carraresi e daranno al visitatore una visione d’insieme dell’intera opera dell’artista toscano: dalle preziose resine agli innovativi “kristall”, dalle eleganti tecniche miste su carta alle sculture in alluminio e plexiglass -qui esposte al grande pubblico per la prima volta- fino arrivare ai grandi tappetti, opere che negli ultimi mesi hanno riscosso grande successo nell’interesse dei collezionisti più raffinati.

Infine, due lavori ad olio, di grandi dimensioni, oramai “datati”, saranno a dare il benvenuto agli intervenuti quasi come fantomatici guardiani. In essi, due “pomone”, di indescrivibile leggerezza e felliniana memoria danno all’intera esposizione un piglio antologico.

Una intera mostra dedicata alle donne, muse ideali dell’intera cifra stilistica di Maranghi, tant’è vero che il Prof. Quaroni nel suo testo critico sottolinea: - “Quando si scrive delle donne”, sosteneva Denis Diderot, “bisogna intingere la penna nell’arcobaleno”. La donna è, infatti, la musa per eccellenza non solo dei poeti e dei letterati. Si potrebbe agilmente riassumere la storia dell’arte in una lunga pletora di ritratti femminili, riuscendo comunque a tracciare una fedele cronaca delle sue evoluzioni -.

All’interno della mostra verrà proiettato un video realizzato dal regista Viacheslav Zakharov, che attraverso il proprio lavoro guiderà il visitatore nello spirito di questa esposizione che sarà documentata anche da un prezioso catalogo, realizzato appositamente in occasione dell’evento, per i tipi della Bandecchi & Vivaldi di Pontedera, dove all’interno troverà visibilità oltre al contributo prezioso del curatore, Prof. Ivan Quaroni, anche un testo critico del Prof. Antonio Natali, già Direttore della Galleria degli Uffizi di Firenze.

La mostra resterà aperta ai visitatori fino al 12 marzo, dal martedì al giovedì 12.00 – 18.00 e dal venerdì alla domenica 10.00 – 20.00. Martedì 28 febbraio: 10.00 – 20.00. Chiuso il lunedì. Ingresso a pagamento.

Per info: Casa d’Arte San Lorenzo, 0571 43595, galleria@arte-sanlorenzo.it, www.arte-sanlorenzo.it

arte | casa dei carraresi | giovanni maranghi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Un gioco irriverente


Jabra Elite 65e: non sentirai altro!


LE BOMBE: il nuovo singolo di Ivan Stray fuori il 22 ottobre


Riparte il festival SENZA FAR RUMORE


Il potere del Suono: dallo stato embrionale all’età avanzata


Problemi di rumore dal soffitto


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Balla e il ‘900”

“Balla e il ‘900”
 SAN MINIATO. Giacomo Balla è stato uno dei vertici dell'arte italiana del Novecento, promotore del Futurismo e dell'Astrattismo. Quest'anno - 2018 - ricorrono i 60 anni dalla morte. Il critico d'arte Luca Nannipieri cura la mostra "Balla e il '900", mettendo in luce il suo genio attraverso varie opere pittoriche e scultoree, a confronto con altri grandi artisti come De Chiri (continua)

Pinocchio al Pinocchio

Pinocchio al Pinocchio
 Si inaugura sabato 6 gennaio 2018 (ore 11.00), alla Casa culturale di San Miniato Basso (Pi), la mostra collettiva dal titolo “Pinocchio al Pinocchio”. La mostra, curata da Filippo Lotti, riunisce trentasei pittori, selezionati tra i nomi più illustri del panorama artistico toscano, ognuno invitato a illustrare, secondo la propria cifra stilistica ed iconografica, uno dei (continua)

“Archeologie”, Giuliano Giuggioli

“Archeologie”, Giuliano Giuggioli
 VETULONIA (Gr) - Si inaugura sabato 9 dicembre 2017 (ore 17.00), nel Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia (Gr) la personale di pittura di Giuliano Giuggioli dal titolo “Archeologie - Segni di un passato in un tempo futuro”. Nella mostra, organizzata da Casa d’Arte San Lorenzo e FuoriLuogo - Servizi per l’Arte e curata da Filippo Lotti (continua)

“Antropology - I fiori della nostra distrazione”, Massimo Barlettani

“Antropology - I fiori della nostra distrazione”, Massimo Barlettani
 Massimo Barlettani torna ad esporre in Toscana con la nuova mostra dal titolo “Antropology - I fiori della nostra distrazione”, curata dalla giornalista, critico d’arte milanese Alessandra Redaelli. E lo fa per un solo giorno, in una mostra che di per sé è un evento pensato per svilupparsi e concludersi in una sola sera, sabato 18 Novembre 2017 (dalle ore 18) (continua)

Pier Toffoletti, “La bellezza resistente”

Pier Toffoletti, “La bellezza resistente”
 SAN MINIATO (PI) – L’artista friulano Pier Toffoletti, reduce da importanti successi internazionali, in occasione della 47^ Mostra Mercato del Tartufo Bianco di San Miniato (11/12 - 18/19 - 25/26 novembre 2017), arriva ad esporre nella città federiciana per la prima volta e su invito di Casa d'Arte San Lorenzo. “La bellezza resistente”, curata da Filippo Lotti (continua)