Home > Altro > Avv. Marco Carra: per la Cassazione legittimo licenziare per aumentare profitti

Avv. Marco Carra: per la Cassazione legittimo licenziare per aumentare profitti

scritto da: Avv. Marco Carra | segnala un abuso

Avv. Marco Carra: per la Cassazione legittimo licenziare per aumentare profitti


 imageLa sentenza  della Corte di Cassazione 25201 del 7 dicembre 2016, allarga il campo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, statuendo che non occorre che vi siano difficoltà economiche o uno stato di crisi aziendale, un calo di fatturato o bilanci in rosso per licenziare, ma è sufficiente la volontà di aumentare la redditività, ossia il profitto.  In altri termini, il licenziamento per giustificato motivo oggettivo, per essere legittimo, d’ora in avanti non dovrà più essere considerato la extrema ratio, ma uno dei possibili sbocchi dell’autonomia organizzativa, potendo essere giustificato anche per migliorare l’efficienza di impresa o per la soppressione di una posizione o anche per adeguarsi alle nuove tecnologie. In poche parole, se l’attività dei privati è libera, deve esserlo anche la possibilità di organizzarla al meglio. Resta, e ci mancherebbe altro, la potestà del giudice del lavoro, il quale dovrà comunque  verificare in concreto l’esistenza della ragione dedotta dell’azienda e il nesso di causalità tra la ragione medesima e il licenziamento di quel particolare dipendente. La Corte evidenzia, quindi, che le ragioni inerenti all’attività produttiva o all’organizzazione del lavoro possono essere le più disparate, senza che le si possa ridurre a quelle che presuppongono la necessità di fronteggiare situazioni sfavorevoli.  E’ bene rammentare però, che già da qualche anno la Suprema Corte alterna sentenze che sposano due diversi filoni: il primo, tuttora  maggioritario, che configura il licenziamento come extrema ratio; il secondo, per il quale non è necessaria una crisi conclamata perché il datore di lavoro possa licenziare. La sentenza del 7 dicembre scorso si inserisce  proprio su questa strada: non è la prima che segue questo indirizzo, ma questa volta le motivazioni giuridiche sono molto articolate e spaziano dalla legge ordinaria, alla Costituzione, fino ad abbracciare il diritto comunitario. Tuttavia ritengo che, in materia di licenziamenti per giustificato motivo oggettivo, possiamo ancora aspettarci futuri pronunciamenti in contrasto con quest’ultima sentenza, più aderenti alla giurisprudenza maggioritaria della Corte, anche se le motivazioni dovranno essere tali da superare i principi richiamati dalla sentenza in esame. Credo che si renderà pertanto necessaria una pronuncia a Sezioni Unite, per dirimere definitivamente il contrasto, in modo tale che vi sia certezza nell’applicazione del diritto.

Marco Carra | avvocato Marco carra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

LE RICHIESTE DEI PICCOLI PROPRIETARI IMMOBILIARI, AI TEMPI DEL CORONAVIRUS.


Brusciano grida “No alla camorra!”. Consiglio Comunale Straordinario, Sindaco Montanile, Istituzioni, Stato, Chiesa e Cittadini in unità di intenti. (Scritto da Antonio Castaldo)


Alfredo Romeo: La Cassazione rende nulli tutti i provvedimenti | Romeo Gestioni


Alfredo Romeo: Assolto dalla Cassazione - Caso Consip prove basate sul nulla -


Marco Carra:crisi latte si supera con unità


Fabio De Matteis, avvocato di Milano con comprovata esperienza nel diritto penale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale
 Con la pendenza al Tar dei ricorsi fatti dai soggetti rimasti esclusi dalla Misura 19 del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 ‘Sostegno allo sviluppo locale Leader – Gal’ si sta delineando una situazione paradossale: “Poiché chiaramente è tutto bloccato, se non si risolverà la questione in tempi rapidi, dando il via ai finanziamenti, si corre il ri (continua)

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo
Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata in Consiglio Regionale per fare il punto sull’istituzione del tavolo per la salute mentale. Previsto già da sette mesi, in base alla legge 15 del 2016, è rimasto sinora sulla carta. Il tavolo prevede la partecipazione di soggetti istituzionali, operatori, terzo settore, società scientifiche, associazioni, (continua)

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...
In Commissione sanità è stata approvata la terza puntata della legge di riorganizzazione del sistema socio sanitario regionale, relativa a malattia diabetica, organizzazione delle donazioni di sangue, organi e tessuti, assistenza farmaceutica e prevenzione. Il nostro voto al provvedimento nel suo complesso è stato contrario. E questo perchè, come dimostra anche lo stato (continua)

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia
 Arriva l'inverno e la storia si ripete: lo smog, il Pm10 e tutto il corollario di polveri sottili e veleni vari schizzano alle stelle. A Milano e Lombardia. Come in un grande catino insalubre, per l'ambiente e per i suoi abitanti. Il primo passo delle istituzioni è applicare regole restrittive sulle emissioni, ma poi succede che non tutti lo facciano e la sostanza non cambia. Di chi (continua)

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale
I lavoratori del call center di Regione Lombardia non prendono lo stipendio dallo scorso ottobre. E alcuni di loro corrono il rischio di essere licenziati al momento del subentro della nuova società che sostituirà, nell'erogazione del servizio, la Gepin Contract, per scelta di Lombardia Informatica. Il Pd, per questo, si è immediatamente attivato per richiedere la convocazi (continua)