Home > Economia e Finanza > Marco Carra:Recapito di Poste Italiane al collasso

Marco Carra:Recapito di Poste Italiane al collasso

scritto da: Avv. Marco Carra | segnala un abuso

Marco Carra:Recapito di Poste Italiane al collasso


In queste ultime settimane i problemi già denunciati sono peggiorati: il modello di consegna a giorni alterni dimostra di non funzionare affatto; ciò che non viene consegnato resta in giacenza per molti giorni con forti disagi per l'utenza. E la situazione si è aggravata ulteriormente a seguito della sottoscrizione del contratto con Amazon. Se a livello nazionale sono uscite 4800 persone dall'organico aziendale, il 20% di esse è concentrato in Lombardia: la carenza di organico negli uffici postali e la privatizzazione in atto rischiano perciò di generare effetti ancora più devastanti.
La richiesta è ora quella di convocare urgentemente il tavolo regionale con le Poste già chiesto a dicembre. Su tutto il territorio lombardo le condizioni sono andate via via peggiorando, col rischio di portare al collasso l'intero servizio; tante sono infatti le segnalazioni di malfunzionamento che quotidianamente arrivano dagli utenti e dagli amministratori locali. Si rende pertanto necessaria una revisione del nuovo piano di consegna a giorni alterni che non tiene oggi conto delle esigenze dei cittadini e della diversa conformazione dei nostri territori.

Poste italiane | Marco carra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Poste Italiane: collaborazione strategica con Egypt Post


Nasce Poste e-commerce, la soluzione di Poste Italiane per l'e-commerce delle PMI italiane


Poste Italiane supporta le PMI nell’e-commerce


Simona Giorgetti Poste Italiane Vincitrice del Premio Sviluppo Sostenibile


Nuova home page per poste.it, più semplice la navigazione con tablet e smartphone


Aliexpress e dogana: come comportarsi.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale

Marco Carra: ancora bloccati 66 milioni per i Piani di Sviluppo Locale
 Con la pendenza al Tar dei ricorsi fatti dai soggetti rimasti esclusi dalla Misura 19 del Piano di sviluppo rurale 2014-2020 ‘Sostegno allo sviluppo locale Leader – Gal’ si sta delineando una situazione paradossale: “Poiché chiaramente è tutto bloccato, se non si risolverà la questione in tempi rapidi, dando il via ai finanziamenti, si corre il ri (continua)

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo

Marco Carra: Tavolo sulla salute mentale in fortissimo ritardo
Abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata in Consiglio Regionale per fare il punto sull’istituzione del tavolo per la salute mentale. Previsto già da sette mesi, in base alla legge 15 del 2016, è rimasto sinora sulla carta. Il tavolo prevede la partecipazione di soggetti istituzionali, operatori, terzo settore, società scientifiche, associazioni, (continua)

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...

Marco Carra: terza puntata della riforma sanità..continua...
In Commissione sanità è stata approvata la terza puntata della legge di riorganizzazione del sistema socio sanitario regionale, relativa a malattia diabetica, organizzazione delle donazioni di sangue, organi e tessuti, assistenza farmaceutica e prevenzione. Il nostro voto al provvedimento nel suo complesso è stato contrario. E questo perchè, come dimostra anche lo stato (continua)

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia

Marco Carra: sullo smog la Regione assuma il ruolo di regia
 Arriva l'inverno e la storia si ripete: lo smog, il Pm10 e tutto il corollario di polveri sottili e veleni vari schizzano alle stelle. A Milano e Lombardia. Come in un grande catino insalubre, per l'ambiente e per i suoi abitanti. Il primo passo delle istituzioni è applicare regole restrittive sulle emissioni, ma poi succede che non tutti lo facciano e la sostanza non cambia. Di chi (continua)

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale

Marco Carra: senza stipendio da 4 mesi i lavoratori del calo center regionale
I lavoratori del call center di Regione Lombardia non prendono lo stipendio dallo scorso ottobre. E alcuni di loro corrono il rischio di essere licenziati al momento del subentro della nuova società che sostituirà, nell'erogazione del servizio, la Gepin Contract, per scelta di Lombardia Informatica. Il Pd, per questo, si è immediatamente attivato per richiedere la convocazi (continua)