Home > Sport > Bruno Pilar, runner: Dimostrare a me stesso che posso fare quello che voglio

Bruno Pilar, runner: Dimostrare a me stesso che posso fare quello che voglio

articolo pubblicato da: SENSITIVO | segnala un abuso

Bruno Pilar, runner: Dimostrare a me stesso che posso fare quello che voglio
Provar pra mim mesmo que sou capaz de fazer o quero! Matteo SIMONE Chi fa sport aumenta la propria forza di volontà e la propria autostima, si diventa più forti mentalmente non solo fisicamente. Di seguito l’esperienza del runner Bruno Pilar. Nel tuo sport quali sono le difficoltà ed i rischi, a cosa devi fare attenzione? “La difficoltà deriva dalla mancanza di incentivi e di infrastrutture per allenarsi, provengo da una famiglia povera, cerco di prestare attenzione ai più esperti, le mie qualità sono la forza di volontà ed il desiderio di performance!” Cosa e quali persone hanno contribuito al tuo benessere e performance? “Pochissimo riconoscimento, alcune persone mi sostengono ma la stragrande maggioranza mi dà solo una pacca sulla spalla! Voglio mandare un abbraccio alla famiglia IV CLIMA ADVENTURE TORRES Trail Run che mi hanno accolto, per non parlare del mio primo allenatore Adair José Gonçalves Ian Pinho. Caju, Malta, Flavia, Nilton Santos mi hanno aiutato molto, hanno fatto una grande differenza.” Nello sport è importante ricevere sostegno, riconoscimento, avere delle figure di rifermento, è molto importante la motivazione intrinseca, la passione, il piacere di fare lo sport, ma se c’è anche riconoscimento da parte degli altri è ancora meglio, si è più motivati a far bene, a impegnarsi. Qual è stata la gara della tua vita, dove hai sperimentato le emozioni più belle? “Circuito delle stazioni a primavera nel 2014, ho fatto il mio miglior piazzamento nei 10 km, 3° posto assoluto!” Quali i meccanismi psicologici ritieni ti abbiano aiutano nello sport? “Dimostrare a me stesso che posso fare quello che voglio!” Quali sensazioni sperimenti nello sport: allenamento, pregara, gara, post gara? “Gioia, l'adrenalina, mi sento come se nulla al mondo conta quanto superare me stesso!” Hai mai rischiato per infortuni o altro di smettere di essere atleta, hai mai pensato di smettere? “Sono tornato da un recente infortunio nella zona lombare, confesso che avevo paura di non tornare a correre più, già mi sono ripreso e mi sento molto forte!” Quando sperimenti belle sensazioni attraverso lo sport, non lo vuoi più abbandonare e quando ci sono infortuni un po’ sei preoccupato per il futuro ma piano piano si risolve quasi tutto, importante rimodulare gli obiettivi, comprendere come risolvere l’infortunio con una corretta diagnosi ed una adeguata riabilitazione riprendendo gradualmente un passo alla volta. Quali sono i tuoi prossimi obiettivi a breve, medio e lungo termine? Quali sono i sogni realizzati e da realizzare? “I miei obiettivi sono arrivare a una buon distanza a ritmo sostenuto (a lungo termine), inoltre vorrei abbassare di 30 secondi nei 5 km e abbassare di 1 minuto e 20’ nei 10 km (a medio termine).” Non bisogna mai smettere di sognare, è importante pianificare, programmare e vedersi mentalmente avanti nel tempo nel trasformare i sogni in realtà e poi impegnarsi duramente per la meta. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta 380.4337230 - 21163@tiscali.it http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm Provar pra mim mesmo que sou capaz de fazer o quero! Na sua disciplina, onde as dificuldades são os riscos, o que você tem que prestar atenção? O que conta, quais são as qualidades que você tem que treinar? “As dificuldades vem da falta de incentivo, os riscos vem da falta de estrutura pra treinar venho de família pobre, tento prestar atenção nos mais experientes, minhas qualidades vem da minha força de vontade e da minha Gana pela performance!” O que é e o que as pessoas têm contribuído para o seu bem-estar no esporte ou para o seu desempenho? “Muito pouco reconhecimento algumas pessoas me apoia mais a grande maioria só fica de tapinha nas costas! Quero deixar um abraço pro pessoal da família IV CLIMA AVENTURA TORRES TRAIL RUN que me acolheram sem contar o meu primeiro treinador Adair José Gonçalves Ian Pinho. Caju, Malta, Flavia, Nilton Santos me ajudaram bastante, fizeram uma grande diferença.” Qual foi a corrida de sua vida em que você experimentou as mais belas emoções? “Circuito das estações etapa primavera 2014, fiz a minha melhor colocação nos 10 km 3 lugar geral!” Quais são os mecanismos psicológicos que você sente você tem a ajuda de esportes? “Provar pra mim mesmo que sou capaz de fazer o quero!” O que são ou foram os sentimentos que você experiência em fazer esportes: Pregara, raça, após a corrida? “Alegria, adrenalina, me sinto como se nada no mundo importa quando to me superando!” Alguma vez você já arriscou a lesão ou outra para deixar de ser um atleta, você já pensou em desistir? “Voltei de uma lesão recente na lombar confesso que fiquei com medo não voltar a correr mais já me recuperei e estou bem forte, já tive medo de não poder correr agora desistir não foi uma opção válida!” Próximos metas de longo, médio, curto prazo? Quais são os sonhos realizados e para perceber? “Minhas metas e abaixar meu pace conseguir fazer uma boa disntacia em um ritmo forte (longo prazo) ainda quero abaixar 30 segundos nos 5 km e abaixar 1 min e 20 nos 10 km (médio prazo) curto prazo bater os tempos que batia antes de me lesionar (curto prazo).” Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta 380.4337230 - 21163@tiscali.it http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

L’avvocato Gianluca Borelli: “La SuisseGas Milano Marathon è stata un successo, quasi 20.000 runner”


Anderson João Bassi: Lo sport è il modo per incanalare la mia energia in eccesso


Mauro Tomasi: “Sono solo un maratoneta in carrozzina”


“Alberto Sordi segreto” - il primo libro sulla vita privata del grande attore scritto dal cugino Igor Righetti


Hector Mondragon, runner: un mondo migliore a partire dallo sport


Daniele Biffi, velocista: sono più forte del vento mi dico e dico sempre


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

TRIATHLON E IRONMAN La psicologia del triatleta di Matteo SIMONE

TRIATHLON E IRONMAN La psicologia del triatleta di Matteo SIMONE
Prefazione di Flavia Salomone (pagg. 9-11): "...Lo sport diventa così una metafora della vita, allenarsi a superare il limite, acquisire consapevolezza, conquistare la resilienza sono le chiavi per affrontare anche le giornate che ti si mettono di traverso, la fatica che accumuli nei muscoli ti insegna che qualunque cosa accada tu puoi farcela. Un libro positivo, un inno alla vita, un invito a non (continua)

Mini workshop gratuito su Sport e Motivazione

Mini workshop gratuito su Sport e Motivazione
Resilienza: Più dura è la lotta, più grande il trionfo Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Si è svolto il 6 febbraio alle 15:30 presso la SSML San Domenico a Roma, via Casilina 233, un mini workshop gratuito su Sport e Motivazione: Sono intervenuti, oltre al sottoscritto, Aldo Zaino, runner classe '35, e Luca Parisi Super Maratoneta. Un particolare ringraziamento a Penna Aless (continua)

Conosci il Gargano? La 100 km nel Gargano si svolgerà sabato 28 settembre 2019

Conosci il Gargano? La 100 km nel Gargano si svolgerà sabato 28 settembre 2019
L’ultramaratona sarà prova del 17° Grand Prix IUTA 2019 di Ultramaratona Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net Conosci la Puglia? Il Gargano? Lo sport diventa un treno che ti porta in giro per continenti, nazioni, città e paesi per sperimentare fatica e condivisione, per incontrare gente e approfondire la conoscenza di se stessi e degli altri. Il treno dello sport a volte passa e (continua)

Educare alla consapevolezza, fiducia in sé e resilienza

Educare alla consapevolezza, fiducia in sé e resilienza
E’ sempre più chiaro che per stare bene e sperimentare benessere occorre sviluppare autoconsapevolezza, cioè la propria personale consapevolezza di come ci si sente, come si sta, cosa si vuole, dove si vuole andare, e anche consapevolezza delle proprie possibilità, capacità, risorse e anche dei propri limiti. Di fondamentale importanza risulta essere la fiducia in sé che si costruisce fin da picc (continua)

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita
L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il c (continua)