Home > Altro > MilleVoci 2017, designati i conduttori del programma televisivo.

MilleVoci 2017, designati i conduttori del programma televisivo.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

MilleVoci 2017, designati i conduttori del programma televisivo.


Sono addirittura cinque i cantanti-conduttori della prossima edizione del format “MilleVoci”.

Sono sei se contiamo anche Stefano Borgia con la sua rubrica “Canzoni d’autore”.

Tre di loro presenteranno gli ospiti italiani nelle registrazioni che si terranno ad aprile presso il solito dancing “Satiricon” ma con assegnazione di ruoli ben precisi. Tutti sono nomi importanti della canzone internazionale:

 

Gianni Drudi, notissimo personaggio arrivato alla ribalta qualche anno fa con la gialappa’s. Lui è un bravo  compositore ed autore di testi della musica leggera italiana. Capace di esprimersi in chiave goliardica ma anche con animo da innamorato ed a volte triste. Tra i successi indimenticabili di Drudi ricordiamo “Fiky Fiky”, con oltre 1.500.000 di copie vendute. Gianni è presente al programma di Gianni (Turco) fin dal 2006, quindi dagli arbori di questo magnfico, rilassante programma di intrattenimento musicale, divenuto un appuntamento fisso annuale che il pubblico attende ormai ogni inizio estate.

 Giò di Sarno, che ha accompagnato “MilleVoci” fin dagli esordi ed ha condotto alcune puntate con Gianni Drudi. Di Sarno è una cantautrice-attrice. Da Roma, dopo una fugace ma interessante esperienza nel cinema, guidata da un influente regista come Sergio Pastore, inizia una fruttuosa carriera canora esibendosi prima in alcune TV regionali e poi in numerosi concerti in giro per l’Italia. In seguito partecipò ad alcuni programmi Rai. Affezionatissima ormai a MilleVoci.

 Stefania Cento: Fu ospite di “MilleVoci” nel 2009 e da allora non si è mai allontanata dal format. In coppia col romagnolo Drudi (anche lei lo è) è un duo canoro d’eccezione. Tra i brani più noti e significativi ricordiamo “I vecchi sono ieri” e l’allegra “Vai a quel paese”. Da sola ha ottenuto molto successo con tanti brani di Drudi ma in particolare con “Ancora tua”. Stefania ha avuto un periodo di particolare notorietà fra il 1996 ed il 2002 per aver fatto parte del cast della trasmissione televisiva “Ci vediamo in tv”, programmata dapprima su RaiUno e poi su Raidue. Ha partecipato, con il brano sigla della trasmissione “Evviva il mio papà”, al format  di Carlo Conti “I migliori anni”.
Stefania venne alla ribalta nel 1994 con il festival di Castrocaro.

 Tony Angeli: E’ un cantante brasiliano di origine italiana. La sua prima esibizione fu a 10 anni, in Calabria. Promise a se stesso di non calcare più la scena ma fu inutile. La passione vinse. Partì con la famiglia per il Brasile dove ricevette da subito il meritato successo. Era il 1964 quando era in cerca di opportunità. Inizialmente ebbe successo in Montevideo, la capitale dell’Uruguai. Participò a vari programmi  televisivi. Fu padrino in molti balli di debuttanti e nel 1966 con la famosa “Funicuìi, funiculà” riscosse grande consenso e quindi molto successo. Da qui fu invitato nei principali programmi brasiliani. Attualmente é considerato uno dei più grandi interpreti della musica italiana in Brasile.

 Yara Coelho: Una cantante brasiliana che faceva parte del gruppo “Os caçulas” formatosi nel 1962 e poi sciolto nel 1970. Yara rimane il testimone testimone del gruppo vocale che senza dubbio è stato uno dei più importanti nel panorama canoro brasilino. Da sola ha scritto e
collaborato alla stesura di vari testi per molti famosi artisti. Non smette però anche di esibirsi, soprattutto in spettacoli per bambini. E’ recente un suo CD per il pubblico di quelle età. Amica personale di Giseli Martins (giornalista) e quindi del marito Gianni Turco, approda a MilleVoci per caso. Yara stava, infatti, coordinando le riprese delle tre puntate di MilleVoci con artist brasiliani in quel di San Paolo ma si è trovata ad essere conduttrice assieme a Tony Angeli.

 Tre delle 15 puntate dell’edizione 2017 saranno quindi registrate in Brasile, a San Paolo, con ospiti famosi in quel Paese che sono: Jerry Adriani, Sérgio Reis, Angelo Máximo, Nilton César, Luiz Américo, Luis Wagner, Deny da dupla Deny e Dino, Grupo Sunday, Tony Angeli, Waldireni, Antonio Luiz e Chico Neto (nuova proposta scoperta per caso da Gianni Turco).

Conosceremo gli ospiti italiani in un comunicato che sarà emanato prima di aprille, quando avrano inizio le registrazioni in Italia.

Bene, chi ben comincia è già a metà dell'opera, si dice. In bocca al lupo a tutti di “MilleVoci”.

Resta solo da ricordare che gli artisti emergenti che volessero partecipare al format (in forma promozionale) possono inviare almeno un provino in mp3 e due foto recenti a: casting@millevoci.it o cast.millevoci@gmail.com


Fonte notizia: http://www.millevoci.eu


Amici | Blues | Cantanti anni 70-80-90 | Cantanti gruppi emergenti | Cantafestivalgiro forever | Cantagiro | Cantautori | Cover | Canzoni napoletane | Castrocaro Concorso canoro | Discografia | Festival San Remo | Festivalbar | festival italia in musica | Jaz | Liscio | Musica | Nuov |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


MilleVoci, presto in onda.


MilleVoci si triplica.


MilleVoci 2018, uno show internazionale


MilleVoci 2019, prossimo alle registrazioni.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)