Home > Cultura > Anzio Istituto Nautico e le imprese Antartiche di Ajmone Cat

Anzio Istituto Nautico e le imprese Antartiche di Ajmone Cat

scritto da: Info@pungoloclub.it | segnala un abuso

Anzio Istituto Nautico e le imprese Antartiche di Ajmone Cat


Alla luce di quanto descritto sarebbe auspicabile che l’Amministrazione potesse cogliere l’occasione di dare risalto alla figura del Comandante Giovanni Ajmone Cat concittadino Anziate intestandogli quantomeno l’edificio scolastico suddetto.
Finalmente dopo tante belle parole ritengo sia una importante occasione per il Navigatore della prima nave italiana in Antartide il "San Giuseppe Due".

 Da comunicato stampa pubblicato sul portale del Sindaco, sembrerebbe che sarà realizzata ad Anzio la sezione distaccata dell’Istituto Nautico Statale di Roma.

La sede e stata individuata dalla giunta comunale nell'edificio dell'ex Pretura di Anzio, in via Nettunense 67 rimasto disponibile in virtù della riorganizzazione delle preture italiane.
La storia pone in evidenza che l’edificio in questione è sorto sui terreni che erano di proprietà del concittadino Navigatore Antartico Giovanni Ajmone Cat che parti da Anzio per l’Antartide e fu il primo italiano a portare il tricolore in quel continente con lo storico veliero San Giuseppe Due.
Per l’appunto, nella sua proprietà, aveva ideato il museo della prima nave italiana in Antartide il San Giuseppe Due oltre un archivio di documenti dell’aviazione agli anni 50 appartenenti a suo padre il Gen. Mario Ajmone Cat nonché la documentazione relativa alla prima traversata dell’Africa Equatoriale con la spedizione Baragiola-Durini compiuta con mezzi italiani motorizzati OM.
Durante l’esproprio di una parte dei suoi terreni dove oggi sorgono diversi palazzi abitativi e l’ex pretura, il 24 Marzo del 1995, il Comandante inviò una proposta al Comune di Anzio con progetto corredato di mappe e particolari dettagli per la realizzazione di un centro culturale polivalente legato all’istituto Nautico Universitario Navale di Napoli per il conseguimento del diploma universitario in “navigazione” (secondo le normative CEE) e legato altresì al collegio Nazionale Capitani di Lungo Corso e Macchina per l’Istituzione di un centro di addestramento completo per ufficiali della Marina Mercantile. 
Un ambizioso progetto di un uomo che ha portato il nostro tricolore in diversi sorgitori del mondo che voleva dedicare ai protagonisti del mare. 
 Il Centro Culturale prevedeva la realizzazione di una sala congressi, un residence completo di servizi adeguata al centro culturale, biblioteca, punto di ristoro, aree espositive, alloggi per alunni e docenti, piscina e quant’altro e una superfice di 400 mq che poteva contenere lo storico veliero San Giuseppe Due…insomma una superfice totale di 9.940 mq dedicata alla CULTURA del mare per la nostra città, chiaramente nulla di tutto questo è stato realizzato. 
Dopo la sua morte vi fu l’impegno attraverso una petizione del giornale, il Granchio per far si che almeno il museo Antartico rimanesse ad Anzio ma anche questo fu trasferito e smembrato tra i musei: di Trieste, di Napoli, e di Torre del Greco.
Infine l’ultima delle beffe è stata fatta al veliero attraverso un accordo tra la Marina Militare e il Comune di Anzio per firma dell’ex Assessore Umberto Succi, dove quest’ultimo in rappresentanza del comune si era impegnato per il restauro e il mantenimento ad Anzio allo scopo per farne una nave scuola per favorire i giovani alle discipline nautiche. 
Nel frattempo il Veliero San Giuseppe Due fu trasferito presso cantiere Gallinari di Anzio per dove sarebbero dovuti iniziare lavori di restauro grazie e una incentivazione economica della sorella del Comandante profusa al cantiere stesso e da cui il comune di Anzio avrebbe dovuto successivamente mantenere gli impegni presi.
La Marina Militare vista la continua inadempienza del Comune il 21 giugno 2016 decise di trasferire l’unita in quel di La Spezia.
Durante il trasbordo nel porto di Anzio, l’unità corse il rischio di affondare poiché visto il lungo periodo in secco il fasciame si era allentato.

A favorire l’interesse di quest’Amministrazione abbiamo realizzato negli ultimi tre anni una serie di eventi attraverso un’interessante mostra fotografica “Ancora Sottozero “che è stata ospitata in diverse città MARINARE partendo da Anzio per proseguire a Nettuno, Viareggio La Maddalena-Bonifacio giungendo al Museo Tecnico Navale della Spezia visitata da 1656 visitatori in meno di un mese ricevendo una serie di riconoscimenti.
Ad Anzio è stato Istituito il Trofeo Challenge Giovanni Ajmone Cat con la collaborazione del Dott. Mario De Grenet e il Circolo Vela Roma, alla Spezia il Premio Challenge Vele Latine San Giuseppe Due nel Contesto del prestigioso Trofeo Mariperman indetto dalla Marina Militare. 
Nel 2017 inizieremo la terza edizione rinnovando gli appuntamenti aggiungendo l’esposizione fotografica presso una prestigiosa sede della Marina Militare a Venezia.
Inoltre ci siamo impegnati più volte a scrivere una serie di formali richieste all’amministrazione tra cui quella di intestare una piazza o una via all’epico Navigatore ma a oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta …

Alla luce di quanto descritto sarebbe auspicabile che l’Amministrazione potesse cogliere l’occasione di dare risalto alla figura del Comandante Giovanni Ajmone Cat concittadino Anziate intestandogli quantomeno l’edificio scolastico suddetto.
Finalmente dopo tante belle parole ritengo sia una importante occasione.

Da parte nostra l’ardito impegno ad allestire una mostra permanente del navigatore che ideò e progetto i viaggi Antartici nella cittadina Anziate. 
Andrea Cafà.


Fonte notizia: http://pungoloclub.it/anzio-istituto-nautico-non-tutti-sanno-che.html


nautico | anzio | antartide | san giuseppe due | Pungolo club | andrea Cafà | Giovanni Ajmone Cat | veliero | Istituto Nautico |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ITALIA SUPER VELOCE CON LEONARDO GONTERO, SPETTACOLO ANCHE IN PARETE LEAD AD ARCO (TN)


ARCO INCORONA SCHUBERT E FAKHRITDINOVA, PUCCIO E SHARAFUTDINOV PADRONI DEI MASSI


ARRAMPICATA MONDIALE IN SCENA AD ARCO (TN). PRETI, MORONI E SCARPERI VOLANO IN SEMIFINALE!


“Corri per abbattere le disabilità” Si rinnova il grande successo anche per l’edizione 2019


PUIGBLANQUE E SCHUBERT, SINFONIA MONDIALE. SOLO DUE VOLANO AL “TOP” IN SEMIFINALE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore