Home > Cultura > “L’Italia ha centocinquanta anni”

“L’Italia ha centocinquanta anni”

articolo pubblicato da: Daniele Aiello Belardinelli | segnala un abuso

“L’Italia ha centocinquanta anni”

L’ex primo ministro Giuliano Amato ospite d’onore de “L’Italia ha centocinquanta anni”, l’iniziativa promossa dal Comune di Tarquinia, dall’Università Agraria e dalla fondazione Etruria Mater. All’evento, che si è svolto il 16 aprile nella sede del municipio, hanno partecipato tra gli altri il sindaco Mauro Mazzola, il deputato Ugo Sposetti, il vice prefetto di Viterbo Francesco Tarricone, gli assessori della giunta comunale, il presidente del consiglio comunale Alessandro Dinelli, il consigliere comunale Alberto Blasi, il presidente dell’Università Agraria Alessandro Antonelli, la vice presidente della fondazione Etruria Mater Silvia Grassi Pottino e le scuole cittadine. Il discorso di apertura è stato tenuto dal primo cittadino, che ha sottolineato l’importanza di celebrare l’unità d’Italia: «Sdegnare la ricorrenza e voltare le spalle ai simboli della Patria sono dimostrazioni di superficialità e indolenza intellettuale. Avere rispetto dei simboli che ci fanno sentire italiani non è eccessivo, ma al contrario, è debito, perché ricordare il nostro passato è l’unico modo che abbiamo per rispettare noi stessi e perché ignorare le proprie radici non a nessuno». Sono quindi seguiti gli interventi del presidente Antonelli, del consigliere Blasi e della vice presidente Grassi Pottino, che ha lasciato la parola ad Amato, autore di una splendida “lectio magistralis” di storia italiana, in cui ha sottolineato l’importante ruolo svolto dalle donne nel processo di unificazione della Penisola. «Il merito del successo delle celebrazioni va al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha creduto fermamente in questa ricorrenza. – ha affermato inoltre il presidente del Comitato dei Garanti per i festeggiamenti – Ricorrenza che non deve essere però rivolta al passato ma al futuro, in cui il popolo deve trovare aspettative comuni per costruire un’Italia migliore. In tal senso, è fondamentale il ruolo dei giovani come lo fu nel Risorgimento. Le nuove generazioni sono chiamate ad avere un ruolo da protagoniste, cosa che l’Italia attuale non permette, commettendo un gravissimo errore».

Tarquinia | Giuliano Amato | unità d Italia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Listone Giordano promuove sostenibilità e cultura del legno con L’Eco calcolatore ambientale


Da “Notti d’estate” ad “Adriano”: rinasce lo storico locale aretino


Il mercato degli immobili di lusso


Leggete "Teoria e Prassi" n. 29 - Edizione per il 100° anniversario della Rivoluzione d'Ottobre


Proxima Music investe sull’educazione musicale per i bambini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Concerto di Natale “Suoni per il Mondo – 1MattonexBatouri”

Concerto di Natale “Suoni per il Mondo – 1MattonexBatouri”
Semi di Pace si prepara già a un Natale all’insegna della solidarietà. L’associazione, insieme alla Bonifazi Franchising Immobiliare, brucia i tempi e presenta il concerto Suoni per il Mondo – 1mattonexBatouri, in programma il 10 dicembre, alle ore 21, nello splendido duomo di Narni. Patrocinato dal Comune di Narni e dalla Diocesi di Terni-Narni-Amelia, il concerto vedrà esibirsi Cristiana Pegor (continua)

L’Accademia Tarquinia Musica firma una convezione con il CET di Mogol

L’Accademia Tarquinia Musica incontra il CET, il Centro Europeo di Toscolano, eccellenza della musica pop italiana fondata da Mogol (Giulio Rapetti). Il 27 gennaio la presidente dell’Istituzione musicale della città etrusca, Roberta Ranucci, e il presidente del CET, Mogol, hanno firmato la convenzione per attivare una collaborazione didattica. È la prima volta che il CET sigla un accordo con u (continua)

Gli etruschi a San Valentino

A San Valentino facciamoci sedurre dagli etruschi, con un itinerario tra le più belle tombe dipinte della necropoli di Tarquinia (VT). Il 14 febbraio, giorno degli innamorati, Artetruria dedicherà, alle coppie, una suggestiva visita alle tombe delle Pantere, del Barone, dei Tori, degli Auguri e Aninas (necropoli Secondi Archi e Scataglini). Scendendo negli ipogei i visitatori, grazie alle puntua (continua)

Quarta edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”

Quarta edizione della rassegna “Il Quartetto d’Archi”
Con il concerto del Quartetto Delifico, il 31 gennaio (ore 17), si alzerà il sipario sulla quarta edizione della Rassegna “Il Quartetto d’Archi”, ideata e organizzata dalla Fondazione Etruria Mater, con la preziosa collaborazione della Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e del Comune di Tarquinia. Quest’anno, oltre al Quartetto Delfico, suoneranno altri tre straordina (continua)

Tra Acropoli e Necropoli, il fascino dell’arte etrusca a Tarquinia

I pochi che avevano perso l’occasione di conoscere la Tarquinia (VT) degli Etruschi, per il ponte dell’Immacolata, avranno modo di rifarsi il 2 e 3 gennaio 2016, perché Artetruria riproporrà l’iniziativa che tanto successo ha avuto tra il 6 e l’8 dicembre. «Il grande riscontro avuto ci ha spinto a fare il “bis”. - sottolineano le guide dell’associazione - Così sarà di nuovo possibile percorrer (continua)