Home > Ambiente e salute > I test di screening prenatale da fare in gravidanza

I test di screening prenatale da fare in gravidanza

scritto da: Digitalpr | segnala un abuso

I test di screening prenatale da fare in gravidanza


A cura di Uffico Stampa Genetica

Per ogni donna in dolce attesa è molto importante prendersi cura di se stessa per poter garantire il benessere del suo bambino. Proprio per questo è fondamentale che la gestante si sottoponga ai controlli di rito e ai test di screening prenatale non invasivi, come il test del DNA fetale, o ai test di diagnosi prenatale, come l’amniocentesi.

Esistono vari esami di screening prenatale non invasivi da svolgere in diversi periodi della gravidanza che permettono di determinare la probabilità che il feto possa presentare delle anomalie.

Durante il primo trimestre si effettuano il Bi Test e la translucenza nucale, esami che spesso vengono svolti nello stesso momento.  Questo esame di screening viene effettuato tra l’11° e la 14° settimana di gravidanza e consiste in un prelievo di sangue per analizzare il dosaggio di due proteine (Free Beta-HCG e PAPP-A), i cui valori alterati possono suggerire la presenza di anomalie. All’analisi del sangue si associa la translucenza nucale, esame ecografico in grado di eseguire una serie di misurazioni sul feto. Se queste misurazioni risultano fuori dai parametri standard allora è il caso di effettuare ulteriori approfondimenti con degli esami diagnostici invasivi. L’attendibilità del Bi test raggiunge una percentuale dell’85%1, non fornisce una diagnosi ma una probabilità di rischio di anomalie fetali, come la Sindrome di Down.

Dalla 10° settimana di gravidanza si può effettuare un altro test prenatale non invasivo di analisi del DNA fetale. Per svolgerlo viene prelevato un campione di sangue della gestante, che viene analizzato con appositi macchinari di ultima generazione capaci di rilevare i frammenti di DNA fetale che si trovano nel sangue materno. È un test di screening prenatale non invasivo con un’alta sensibilità, in grado di rilevare le principali anomalie cromosomiche (Trisomie 21,18,13) con un’affidabilità del 99,9%2.

Tra la 15° e la 18° settimana di gravidanza si può effettuare anche il Tri Test. Un esame che combina le analisi del sangue ad un’ecografia. Dal prelievo di sangue della gestante si analizzano i valori di tre sostanze quali l’alfafetoproteina (AFP), l’estriolo non coniugato e la gonadotropina corionica. Per interpretare meglio i risultati del test si esegue anche un esame ecografico che permette di avere un quadro completo sulla possibile presenza di difetti come la Sindrome di Down o la spina bifida. Una variante di questo esame può essere il Quadri Test che nell’analisi del campione di sangue della gestante aggiunge la misurazione dell’ormone inibina A. Si tratta di esami di tipo probabilistico con un’affidabilità del 70%.

I test di screening prenatale sono consigliati a tutte le donne incinte ma, in modo particolare, a coloro che presentano fattori di rischio, come l’età superiore ai 35 anni o casi di anomalie genetiche in famiglia. Quando i test di screening indicano la presenza di anomalie  cromosomiche nel feto è essenziale sottoporsi ad esami di diagnosi prenatale invasivi, per confermare i risultati del test.

Ogni gestante deve rivolgersi al proprio ginecologo, in grado di consigliare quali esami effettuare per avere tutte le informazioni sulla salute del bambino.

Per saperne di più sul test prenatale non invasivo Aurora: www.testprenataleaurora.it

 

Fonti:
1. Medicina dell'età prenatale: Prevenzione, diagnosi e terapia dei difetti congeniti e delle principali patologie gravidiche ­ Di Antonio L. Borrelli,Domenico Arduini,Antonio Cardone,Valerio Ventrut
2. Poster Illumina ISPD_2014 Rev A

amniocentesi | test DNA fetale | screening | gravidanza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Amniocentesi: quando farla e perché


Sindrome di Edwards: la seconda anomalia cromosomica più diffusa


Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale


Toxoplasmosi in gravidanza: scopriamo le misure preventive


Gravidanza: differenze tra screening prenatale ed esami diagnostici


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale

Primo trimestre di gravidanza e test di screening prenatale
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Quando si scopre di aspettare un bambino, è molto importante che la futura mamma si occupi sia del proprio benessere sia di quello del bimbo che porta in grembo. Intraprendere uno stile di vita sano ed equilibrato, nutrirsi in modo bilanciato, ma soprattutto farsi visitare regolarmente dal proprio medico e sottoporsi ad almeno uno (continua)

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante

Conservazione cellule staminali cordone ombelicale: perché è importante
  A cura di: Ufficio stampa Sorgente Quando si aspetta un figlio, sono tante le decisioni che la famiglia deve prendere, e tanti sono gli aspetti da considerare. Uno di quelli più importanti, e su cui questo articolo intende fare chiarezza in modo che le coppie possano compiere una scelta consapevole, è la conservazione cellule staminali cordone ombelicale. Le cellule stamina (continua)

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?

Tumore al seno e reggiseno: c’è un’associazione?
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   Il carcinoma mammario è la forma tumorale con il tasso di incidenza maggiore tra la popolazione femminile. Le cause che portano allo sviluppo di questa neoplasia sono molteplici: età, familiarità e presenza di mutazioni genetiche, come quelle dei geni BRCA [1]. Si tratta di un argomento molto delicato e non manc (continua)

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media

Il rischio di trasmissione del deficit di acil-CoA deidrogenasi a catena media
  A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica   La gravidanza è un periodo molto delicato nella vita di una donna. Quando una coppia è in cerca di un figlio, può sapere prima del concepimento se esiste una probabilità di trasmettere una malattia genetica al bambino effettuando un test genetico preconcepimento. Una delle malattie genetiche recessive che i (continua)

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento

Deficit di 3-idrossiacil-CoA deidrogenasi a catena lunga e test preconcepimento
 A cura di: Ufficio Stampa Sorgente Genetica     Quando una coppia decide di avere un bambino, è importante che inizi a preoccuparsi, fin da prima della gravidanza, di quelle che potrebbero essere le future condizioni di salute del piccolo. I test prenatali sono indicati per indagare lo stato di salute del nascituro, in particolare un test preconcepimento consente alla c (continua)