Home > Cultura > Adonis, ecco il mio nome per la voce di Cosimo Cinieri

Adonis, ecco il mio nome per la voce di Cosimo Cinieri

articolo pubblicato da: Inventaeventi srl | segnala un abuso

Adonis, ecco il mio nome per la voce di Cosimo Cinieri

ADONIS, ecco il mio nome per la voce di COSIMO CINIERI

 

Roma, TEATRO INDIA,  SALA A, ore 21.00

 

ROBERTO BELLATALLA contrabbasso, FABIO CARICCHIA chitarra e canto, LUCIANO OROLOGI sax soprano e fiati, GIOVANNI LO CASCIO batteria e percussioni.

Musiche originali e arrangiamenti: Roberto Bellatalla-Fabio Caricchia

Drammaturgia e regia: IRMA IMMACOLATA PALAZZO

 

 

A Roma, l’11 aprile al Teatro India Sala A è in programma il Concerto ADONIS, ECCO IL MIO NOME per la voce di COSIMO CINIERI, drammaturgia e regia di IRMA IMMACOLATA PALAZZO, con ROBERTO BELLATALLA contrabbasso, FABIO CARICCHIA chitarra e canto, LUCIANO OROLOGI sax soprano e fiati, GIOVANNI LO CASCIO batteria e percussioni; musiche originali e arrangiamenti: Roberto Bellatalla e Fabio Caricchia. Un viaggio suddiviso in 6 stazioni: Damasco, Andalusia, New York, Beirut, Parigi e Napoli dove si snodano i temi cari al poeta: la rinascita della poesia araba, l’esilio, il dialogo ininterrotto con l’Altro, il disprezzo per la tecnocrazia e la logica del mercato, l’amata Beirut martoriata dalle guerre civili, la poesia e l’utopia di condividere con l’Occidente valori comuni nel rispetto della propria diversità.

'Ali Ahmad Sa'id Esber, il più grande poeta arabo vivente, è nato in un villaggio della Siria nel 1930.  A 14 anni, per aver recitato i suoi versi al cospetto del Presidente della Repubblica, ottiene una borsa di studio. A 17 adotta lo pseudonimo di Adonis. Si laurea a Damasco in filosofia. Dopo un anno di carcere per questioni politiche, emigra a Beirut dove ottiene il dottorato e in seguito la cittadinanza. E’ stato più volte candidato al Premio Nobel. Adonis è nomade, da sempre in viaggio: l’erranza è la dimensione del suo spirito teso verso una ricerca inesauribile.

LA POESIA. LA GRANDE UTOPIA DEL MEDITERRANEO.

Un proverbio dice che ogni arabo è poeta. L’arabo ha la poesia dentro di sé come l’amore. Per Adonis il mondo ha assolutamente bisogno della poesia per esistere, perché è l’espressione più alta del pensiero umano. La parola crea la bellezza. In Occidente, però, è diventata inefficace, nei Paesi Arabi, invece, la parola fa paura, ed è per questo che certi governi la censurano. La poesia cambia il modo di vedere le cose –egli dice- e modifica il nostro rapporto con l’universo, perché la conoscenza è un’esplorazione infinita dell’ignoto. A tal proposito Adonis ha coniato il termine di ‘transcreare’ che significa incamminarsi ‘verso un orizzonte contro cui si staglia la città poetica universale’. Ancora un sogno meraviglioso: il profeta preconizza l’unica strada che vale la pena di percorrere e la poesia è lo strumento più adeguato.

Il progetto a cui da anni Adonis lavora instancabilmente è la creazione di un ponte ideale tra le due sponde del Mediterraneo. Incrementare il dialogo tra gli intellettuali arabi ed europei è necessario per allontanare ogni minaccia di guerra. Inoltre, il dialogo potrà sicuramente aiutare l’Occidente a recuperare l’umanesimo e l’Oriente a costruire una società democratica. E Napoli, città speciale, è la prescelta, perchè meglio incarna l’utopia di una nuova civiltà del meticciato. Il poeta rilancia una nuova rinascita, che parte proprio da Napoli, crogiolo di razze così come la tanto amata Beirut, specchiate nello stesso mare.  “Senza poesia non ci sarà futuro e non ci sarà futuro se non meticcio, pena la strage”, dice Adonis. E bisogna credergli.

E poiché il suo canto vola dai miti delle antiche civiltà mediterranee ai dissacranti scenari delle metropoli occidentali, il nostro Concerto è anche un viaggio su musiche originali di un quartetto jazz: contaminazioni composite (musica araba, jazz, valzerino francese per giungere alla pizzica, sound comune a tutte le culture che si affacciano sul Mediterraneo).

La voce di COSIMO CINIERI si intreccia con la musica e di volta in volta che cambia ‘stazione’ modifica ritmo, echi e atmosfere, convergendo in un Luogo Altro, in cui le diverse culture incontrate coesistono unificate in un afflato emotivamente vibrante e coinvolgente. Con l’augurio che i popoli, in memoria di ciò che si è culturalmente condiviso, siano affratellati da una comunanza di valori. Buongiorno, onda.

 

Irma Immacolata Palazzo

 

Uff.Stampa: Brizzi Comunicazione Cell. 334.5210057 monibrizzi@gmail.com

Promozione e segreteria organizzativa: Inventa Eventi Tel.06.98188901 progetti@inventaeventi.com

http://www.inventaeventi.com

Ufficio Promozione Pubblico: Alt Academy Tel.06.4070056 Cell.393.9755236 info@altacademy.it

Info costi e biglietti: tel. 06684000307 - 06.684000311

Teatro India, Via Luigi Pierantoni, 6

 

 

Teatro | poesia | spettacoli | musica |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Cosimo Cinieri, una carriera straordinaria


pier paolo poeta delle ceneri videopera


Le Rose del Parnaso al Maxxi - appuntamenti di settembre


Pier Paolo, poeta delle Ceneri: Comunicato - Intervista


"Viandando qui e altrove"rapsodia poetica contemporanea di italiani migranti e migranti in Italia


Stallone Rocky Balboa Torna sul Ring


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Concorso "Ritratti di Poesia.140" V edizione

Concorso
 Concorso “Ritratti di Poesia.140” V edizione   Anche quest’anno “Ritratti di Poesia”, manifestazione ideata, promossa e organizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo in collaborazione con InventaEventi S.r.l. – divenuta ormai nella Capitale un appuntamento culturale tradizionale ed imprescindibile, per gli adde (continua)

Stefania Barca in Fedra di Ghiannis Ritsos

Stefania Barca in Fedra di Ghiannis Ritsos
      Venerdì 16 e  Sabato 17 dicembre , ore 21.00 Domenica 18 dicembre - ore 18.00   Una produzione Teatro dei Due Mari   STEFANIA BARCA In F E D R A di Ghiannis Ritsos   Con GABRIELLA CASALI - ENRICA COSTANTINI Regia EDOARDO SIRAVO&nbs (continua)

Programma autunnale InventaEventi

Programma autunnale InventaEventi
 COSIMO CINIERI in IL GRANDE INQUISITORE da I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij TEATRO VASCELLO,  Via Giacinto Carini, 78, Roma 24 e 25 ottobre 2016 – ore 21.00 Con NICOLA VICIDOMINI, ROBERTA LAGUARDIA, la partecipazione di BIBIANA CARUSI, soprano, DOMENICO VIRGILI, orchestrazione e tastiere, PAOLA MAFFIOLETTI, coreografia, ESPERIMENTO CINEMA, montaggio video, GIANNANTONIO M (continua)

COSIMO CINIERI in IL GRANDE INQUISITORE da I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij

COSIMO CINIERI in IL GRANDE INQUISITORE da I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij
   COSIMO CINIERI in IL GRANDE INQUISITORE da I fratelli Karamazov di F. Dostoevskij TEATRO VASCELLO,  Via Giacinto Carini, 78, Roma 24 e 25 ottobre 2016 – ore 21.00 Con NICOLA VICIDOMINI, ROBERTA LAGUARDIA, la partecipazione di BIBIANA CARUSI, soprano, DOMENICO VIRGILI, orchestrazione e tastiere, PAOLA MAFFIOLETTI, coreografia, ESPERIMENTO CINEMA, montaggio video, GIANNAN (continua)

Ciak...si suona! Grandi Musiche per grande Cinema

Ciak...si suona! Grandi Musiche per grande Cinema
 Il progetto "Ciak… si suona! Grandi Musiche per Grande Cinema" vuole estendere al cinema della seconda metà del 1900 le conoscenze musicali dei giovani musicisti: quelle pellicole e brani memorabili che sono, invece, rimasti nell'immaginario visivo e nella memoria dei più adulti. "Un lavoro difficile – spiega l'ideatrice dell'evento Giulia Pasquazi (continua)