Home > Economia e Finanza > Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex

Dollaro, la settimana comincia con il freno a mano tirato nel Forex

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Lo spunto più interessante per i mercati finanziari lo ha dato Charles Evans, presidente della Fed di Chicago. Ha spiegato che secondo la sua idea, quest'anno potrebbero esserci tre se non addirittura quattro rialzi del costo del denaro da parte della Banca Centrale Usa. Per la precisione, potrebbero essere 4 se l'economia americana continuerà a mandare segnali positivi. Quello di Evans è stato il primo di una serie di interventi dei membri della FED attesi in settimana. L'istituto centrale Usa qualche giorno fa ha proceduto al primo rialzo in questo 2017, come era ampiamente nelle previsioni degli economisti.

A seguito di quella mossa di politica monetaria, però il dollaro non aveva brillato nei mercati valutari. Anzi tutt'altro. E anche oggi è continuato il momento di debolezza del dollaro. Il biglietto verde infatti nel forex ha camminato sui minimi a 5 settimane. Infatti il dollar index, che misura la variazione del dollaro contro un paniere composto dalle altre sei principali valute, è sceso dello 0,25% finendo sotto quota 100 (per la precisione 99,86). Si tratta del livello più basso dal 6 febbraio scorso. Se avete tempo, vi suggeriamo di studiare il dollar index con la strategia fascia di pesca con Bande Bollinger.

Appuntamenti clou per il dollaro

Nel corso di questa settimana è atteso (giovedì) il primo discorso di Janet Yellen susseguente la stretta monetaria. A livello macro però ci saranno anche altri appuntamenti. Domani sul fronte macro Usa oltre all’indice Redbook relativo alle vendite al dettaglio, verrà reso noto il dato sulla bilancia delle partite correnti. Gli analisti si aspettano un saldo negativo di 128,06 miliardi di dollari, in peggioramento rispetto al trimestre precedente. C'è poi anche il discorso di Esther George, presidente della Fed di Kansas City, oltre a cui parlerà anche Loretta Mester, a capo della Fed di Cleveland, e William Dudley, presidente della Fed di New York. Tornando alla questione dollaro, oggi il biglietto verde ha chiuso in rosso con l'euro. Il cross Eur-Usd infatti é scambiato a 1,0739, su di 0,01% al momento della scrittura. La coppia é arrivata a trovare supporto a 1,0601, il piú basso di mercoledì, e resistenza a 1,0784, la piú alta di venerdì. Suggeriamo di utilizzare il breakout pullback strategia per valutare eventuali ingressi in questo trade.

Una considerazione a parte merita il petrolio, altro importante driver dei movimenti di mercato (specie per via di molte correlazioni esistenti). L'oro nero ha recuperato gran parte delle perdite che aveva patito durante la mattinata, e alla fine il prezzo del petrolio Wti cede lo 0,74% a 48,42 dollari al barile. Sale invece la consegna maggio sul Brent, che segna +0,08% a 51,80 dollari. Qui consigliamo di utilizzare una strategia segnale tendenza.

Infine, è ancora in crescita il prezzo dell'oro, che segna 1235 dollari l'oncia (+0,25%). 

dollaro | usd | forex | valute | finanza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

La Dispensa di Patrizia: Il lavoro di ogni giorno è sulla tavola di chi ci sceglie


Cos'è Il Forex


Dollaro USA e canadese: cosa succede nel mercato valutario?


CHE COS'È IL FOREX?


La coppia di valuta AUD/USD


Test Driver per la Stampa in Sabina Honda Xadv 2021 ha fatto Centro!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)

Investitori, tanti appuntamenti in focus nei prossimi giorni

La settimana che ci aspetta sui mercati finanziari. Dati PMI evidenzieranno la salute economica di USA, UE e Regno Unito Tra meeting di banche centrali, dati macro molto importanti e verbali del FOMC, l'ultima settimana di novembre si preannuncia intensa per gli investitori dei mercati finanziari. Nel frattempo, il primo assaggio è arrivato dalla Cina, dove la banca popolare ha mentenuto invariato il tasso di interesse per il 19esimo meeting di fila. Dove guarderanno gli investitoriI dati clou per gli investitori (continua)

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.La Cina e la moneta australianaRicordiamo che la moneta austr (continua)

Investimenti, è in corso al rivoluzione utility: da settore difensivo a occasione

La transizione energetica ha avuto un impatto notevole sul settore delle utility. Quella che tradizionalmente era considerata una asset class tipicamente difensiva, adesso sta diventando una grossa occasione per gli investimenti.Da settore divensivo a occasione per investimentiI dati evidenziano infatti che le ex municipalizzate hanno chiuso il bilancio dei primi 9 mesi del 2021 con una crescita a (continua)

Mercati europei titubanti prima della FED (che poi vara il tapering)

Le Borse Europee hanno marciato blande prima che la FED prendesse la sua decisione La Federal Reserve ha deciso di varare il tapering, ossia di ridurre il suo stimolo all'economia. Nell'attesa di questa decisione, che è stata presa quando i mercati europei erano già chiusi, le borse del Vecchio continente si erano mosse in ordine sparso. Proprio l'attesa del meeting della banca centrale americana, aveva indotto i mercati a muoversi con cautela. In giornata aveva però parlato Ch (continua)