Home > Auto e Moto > Cambio gomme: oltre la metà degli italiani monta pneumatici deteriorati

Cambio gomme: oltre la metà degli italiani monta pneumatici deteriorati

scritto da: SABMCS | segnala un abuso

Cambio gomme: oltre la metà degli italiani monta pneumatici deteriorati


 L’indagine condotta a inizio marzo dallo specialista degli pneumatici 123gomme.it su un campione rappresentativo di 1000 intervistati, mette in luce il ruolo essenziale dell’autofficina di fiducia nel reperimento di informazioni, lascia però anche trasparire un primato preoccupante, quello di chi corre grossi rischi prima di sostituire i propri pneumatici.

 
Il passaggio dagli pneumatici invernali a quelli estivi a partire dal 15 aprile p.v. rappresenta per molti automobilisti anche un’occasione per sostituire l’intero treno di gomme. Il sondaggio commissionato da 123gomme.it e condotto sul territorio nazionale all’inizio di marzo dall’istituto di ricerca indipendente Norstat, valuta le abitudini degli Italiani in merito alla sostituzione del set di pneumatici: dove si reperiscono le informazioni sul potenziale nuovo acquisto e cosa decreta che è davvero giunto il momento di acquistare un nuovo treno di gomme?
 
Reperimento informazioni: risicata la maggioranza di chi si fida dell’officina
 
Quando si tratta di acquistare un nuovo treno di gomme, il 40% del campione maschile e il 42% del campione femminile, senza variazioni rilevanti tra le diverse aree geografiche del Paese, non ricerca alcuna informazione. Si rivolge al contrario direttamente al rivenditore o all’officina di fiducia, ritenendo che proponga i migliori pneumatici. Internet contende quasi a pari merito il primato delle officine con un 38% degli intervistati che o confronta i top seller tra gli pneumatici proposti dai  negozi online  e reperisce poi informazioni mirate sul treno di gomme desiderato su appositi forum (il 34% degli intervistati di sesso maschile contro il 20% delle intervistate di sesso femminile), oppure confronta semplicemente i prezzi online e acquista il set più economico (8%), essendo dell’opinione che ormai uno pneumatico valga l’altro. Il 14% degli intervistati fa invece affidamento sulle esperienze della propria cerchia familiare o di amicizie. Con un 23% sul totale delle partecipanti femminili, la percentuale delle donne che ha selezionato questa risposta supera di gran lunga quella maschile (11%). Infine l’8% afferma di optare sempre per la stessa marca di gomme presente sulla vettura al momento dell’acquisto, ritenendo che lo pneumatico selezionato dal produttore sia il migliore per la propria automobile.
 
Quel 51% che rischia troppo prima di acquistare nuovi pneumatici
 
I mille intervistati del sondaggio di 123gomme.it hanno risposto molto chiaramente alla domanda relativa a cosa li spinge ad acquistare un nuovo treno di gomme. Gli intervistati che confidano nel giudizio dell’autofficina sullo stato di deterioramento degli pneumatici sono solo il 49% (ma in totale il 57% delle donne che hanno partecipato al sondaggio). Il 51% pospone l’acquisto fino a correre gravi rischi per la propria sicurezza. La suddetta quota si compone di un 26% degli intervistati, che conferma la propria propensione all’acquisto solo quando riscontra un comportamento anomalo degli pneumatici durante la guida. Il 15% (con un 16% degli intervistati nell’Italia nordoccidentale e un 17% degli intervistati dell’Italia centrale) indica invece che acquista nuove gomme solo in presenza di  fessure che superino 1,5 cm di profondità e 10 cm di lunghezza. Considerando che questa risposta è frutto della creatività di 123gomme.it al fine di misurare le competenze degli italiani in merito alla sicurezza stradale, risulta allarmante che un discreto numero di intervistati l’abbia reputata verosimile. Segue chi ritiene opportuno sostituire il treno di gomme quando gli pneumatici raggiungono l’età media massima, ossia all’incirca ogni sette anni (7%), e un esiguo 3% di intervistati che invece acquista nuovi pneumatici solo quando viene multato perché il battistrada è troppo sottile, una percentuale che sale al 4% nell’Italia nordoccidentale e al 5% a nordest, ma scende al 2% tra le intervistate.
 
CHI E’ REIFENCOM GMBH
 
reifencom GmbH gestisce in Italia 123gomme.it, uno shop online che offre un ampio assortimento di pneumatici di marca a prezzi convenienti. 1.070 partner garantiscono ulteriori servizi quali il cambio degli pneumatici e il montaggio in Italia. In Germania l’azienda vanta una rete di 37 filiali, uno shop online (reifen.com) e 2.600 partner per il montaggio. L’impresa è inoltre attiva in Austria, Francia, Svizzera e Danimarca con uno shop online per ogni paese e oltre 1.590 partner per il montaggio. La gamma di prodotti include pneumatici per autovetture, cerchi, ruote complete, pneumatici per motocicli, off road e per furgoni e un’ampia scelta di accessori. reifen.com si è nettamente distinta per qualità nell’ambito di un test comparativo effettuato dalla prestigiosa rivista tedesca “MOTORRAD” sui servizi offerti da sei portali di vendita di pneumatici (valutazione globale: “Buono”).

Fonte notizia: https://sabmcs.wordpress.com/2017/03/22/cambio-gomme-oltre-la-meta-degli-italiani-monta-pneumatici-deteriorati/


123gomme it | acquistare pneumatici online | cambio gomme | gomme estive | gomme invernali | Pneumatici | autovetture | pneumatici danneggiati | pneumatici premium | quando cambiare uno pneumatico | sicurezza stradale | usura penumatici | vendita online pneumat |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Pneumatici Panda: quali modelli calzare?


Pulizie di primavera anche per l’auto? Il 16 aprile parte il mese del cambio gomme!


Cos'è una Fat Bike?


Cambio gomme invernale: Oltre la metà degli italiani non lo farà


Gomme e moto: gli italiani montano solo le migliori. Per l’auto invece si risparmia.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Snom chiude il 2021 con un pieno di successi e oltre 50 nuovi partner certificati

Snom chiude il 2021 con un pieno di successi e oltre 50 nuovi partner certificati
Un anno magnifico il 2021 per la filiale italiana di Snom Technology, che a fronte dei risultati conseguiti da aprile 2021 guarda con ottimismo all’ultimo trimestre del proprio anno fiscale. Lasciatosi alle spalle lo shock delle prime ondate della pandemia nel 2020 con un risultato che ne ha confermato status quo e quote di mercato, Snom Technology, noto vendor di terminali IP premium per aziende e industria ha beneficiato dei segni di ripresa manifestatisi già nel dicembre 2020, colti dal team con un’oculata strategia di anticipazione delle esigenze del mercato a fronte di una potenz (continua)

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione

Lo straordinario caso di Petrovax Pharm: la flessibilità di Snom batte ogni complessità di configurazione
In alcuni settori industriali, diversamente da altri, non è facile integrare le nuove tecnologie. Il motivo? Le condizioni sono sempre diverse. Ad esempio può essere necessario coprire grandi superfici, servire un elevato numero di dipendenti o, ancora, conformarsi a complessi standard specifici. Quest’ultimo caso si verifica, in particolare, nel settore farmaceutico.Se da una parte la comunicazione è un aspetto chiave per la produzione, dall'altra nell'industria farmaceutica vanno rispettati sempre protocolli stringenti. Questo vuol dire (continua)

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria

Un anno di cambiamenti: Gestione delle risorse umane nonostante e alla luce della crisi sanitaria
Le misure adottate in tutto il mondo per contenere la pandemia hanno generato enormi cambiamenti anche nell’ambito delle risorse umane. Tuttavia, un ritorno ai vecchi schemi non è più concepibile e nemmeno voluto. Una relazione sulla gestione delle risorse umane 2021. Berlino | La lotta contro il coronavirus non ha avuto solo conseguenze macroeconomiche negli ultimi 18 mesi. In tutte le organizzazioni di tutte le dimensioni e in tutti i settori, sono state adottate le più svariate misure per evitare il contagio, in conformità con le normative in vigore nei diversi Stati. Questo è stato un periodo molto impegnativo, specialmente per le aziende con sedi dislocate (continua)

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite

Snom: quando il telefono IP fa risparmiare tempo per salvare vite
Negli ospedali la corsa contro il tempo è una circostanza quotidiana, soprattutto in strutture sanitarie spesso sotto pressione. Snom evidenzia i vantaggi che scaturiscono dall'ottimizzazione della comunicazione ospedaliera. Berlino - Un trattamento ottimale può essere garantito solo in condizioni ottimali. Nelle strutture sanitarie questo principio andrebbe applicato non solo alle condizioni di lavoro del personale infermieristico ma anche alle attrezzature di lavoro.La digitalizzazione del sistema sanitario promossa dai governi di tutta l’Unione Europea dall'inizio del 2000 non può prescindere dal rinnovamento dell' (continua)

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni

Quando il progresso scaturisce dall’integrazione: Con Snom l'asset tracking diventa parte integrante dell'infrastruttura per le telecomunicazioni
Nonostante l'uso di moderne infrastrutture VoIP, le aziende beneficiano solo in minima parte dell'impareggiabile potenziale di ottimizzazione derivante dall'integrazione di telecomunicazioni, IT e OT. Con la sua tecnologia Beacon, Snom porta sul mercato le sue ultimissime innovazioni nell’ambito dell’integrazione di soluzioni per la localizzazione precisa (al metro), protezione antifurto e chiamate di emergenza. Berlino | Quando si tratta di telecomunicazioni IP professionali, i clienti che non vogliono scendere a compromessi in merito alla robustezza e versatilità dei terminali si rivolgono volentieri a Snom. Il marchio premium su scala globale per la moderna telefonia IP nelle aziende e nell'industria fa leva sulle sue potenti soluzioni DECT per la telefonia VoIP cordless professionale e molto altro: co (continua)