Home > Economia e Finanza > Trading, cosa sta succedendo al dollaro neozelandese?

Trading, cosa sta succedendo al dollaro neozelandese?

articolo pubblicato da: Elleny | segnala un abuso

Negli ultimi giorni, uno degli appuntamenti più attesi nel forex era la mossa della RBNZ, ovvero la banca centrale della Nuova Zelanda. Nessuno si aspettava un ritocco ai tassi di interesse, ma c'era comunque molta curiosità di sapere i commenti dei membri dell'istituto neozelandese alla situazione economica che si sta vivendo nel paese dei Kiwi. Nella sostanza, la mossa fatta dalla RBNZ tradisce una valutazione: è disposta a tollerare un’inflazione più elevata pur di avere una valuta più debole.

Analisi del dollaro neozelandese nel trading

Ma andiamo per ordine. Come era nelle previsioni, alla fine l'istituto centrale neozelandese (Reserve Bank of New Zealand, RBNZ) ha deciso di mantenere invariato il tasso OCR al minimo storico dell’1,75. Era una scelta prevedibile, tenuto conto che lo stesso governatore della RBNZ Graeme Wheeler, disse che la politica monetaria sarebbe rimasta invariata per un ragionevole periodo di tempo. Sia in un verso che nell'altro. Siccome sono frasi di un mesetto fa, non c'era motivio di ritenere un cambio improvviso di programma da parte delle RBNZ. Uno scenario lineare, che avrà aiutato a fare previsioni corrette ai miglior software trading automatico funziona.

La cosa che più sta a cuore all'istituto centrale è allentare la forza del dollaro kiwi, perché solo in questo modo sarà possibile raggiungere una crescita più equilibrata. Anche se tenere un dollaro kiwi debole significa far salire l'inflazione. A tal proposito, va detto che secondo Wheeler l'impennata delle pressioni inflazionistiche è stata temporanea e dovuta all’aumento passeggero dei prezzi delle materie prime.

Ma è giusta o sbagliata questa mossa? Sacrificare l'inflazione per avere un NZD meno forte è giusto? Potrebbe, soprattutto considerando che l’inflazione di fondo è salita a un ritmo più lento rispetto a quella primaria. Tuttavia sembra complicato pensare che il mercato coopererà. Il kiwi, infatti, è stato fra le valute con l’andamento peggiore nel comparto delle divise legate alle materie prime (+1,8% contro l’USD), soprattutto contro il dollaro australiano (+6% contro l’USD). Lo abbiamo potuto vedere sul nostro conto Forex bonus senza deposito. Il cross AUD/NZD ha già ceduto l’1,6% da metà marzo e viaggia verso quota 1,08-1,07, ovvero il supporto chiave.

forex | trading | dollaro | investimenti |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Dollaro Neozelandese spinto al rialzo dai dati sul deficit commerciale


Tipi e Vantaggi delle Strategie di Trading CFD


Trading online: le opzioni binarie


La coppia di valuta AUD/USD


Comment maîtriser l'art de la stratégie de trading d'action du prix


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Investimenti, dopo il rally è giusto abbandonare l'oro?

Gli investimenti in oro si sono rivelati un buon affare in questa prima metà del 2019, visto che la quotazione è tornata oltre quota 1400 dollari l'oncia come non accadeva da tempo. I numeri degli investimenti in oro Chi avesse investito circa 10mila in un Etf che replica il prezzo del metallo prezioso, oggi avrebbe un capitale di 11.125 euro. Parliamo di un guadagno dell'11,25%. M (continua)

La Federal Reserve si avvicina al taglio dei tassi. Dollaro in discesa

Come era prevedibile, la Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi di interesse al livello attuale. Tuttavia, ha confermato in modo evidente che si sta marciando verso un ormai prossimo taglio del costo del denaro. Il FOMC vota per non toccare i tassi La due giorni di meeting dell'istituto centrale americano si è concluso con un voto non unanime del Fomc. L'organo di politica monetari (continua)

Beni rifugio richiestissimi, cresce la paura sui mercati globali

Sui mercati è tornata a spirare in modo forte l'avversione al rischio, dando così una spinta ai beni rifugio come lo yen. La valuta giapponese è così arrivata ai massimi delle ultime due settimane nei confronti del dollaro, mentre sul biglietto verde pesano i timori di escalation delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e la discesa dei rendimenti sulla curva dei Treas (continua)

Commissioni, eToro decide di dare un taglio a quelle in Europa

Fare investimenti su internet diventa più conveniente grazie all'impegno di una delle società più attive del settore. Stiamo parlando di eToro, che ha annunciato un taglio netto alle commissioni praticate ai propri clienti per le operazioni su azioni stock ed ETF. La nuova politica di commissioni Le nuove condizioni si applicheranno alla clientela europea, rendendo quindi l' (continua)

Economia dell'Est, la Banca di Polonia continua a non toccare i tassi

Non sono giunte novità dalla riunione di politica monetaria della MPC, ovvero il consiglio della banca centrale di Polonia. Il costo del denaro è stato infatti mantenuto al livello record di 1,5% come del resto si aspettavano i mercati. Sono passati 4 anni dall'ultimo ritocco del costo del denaro, che avvenne nel marzo 2015 (taglio di 50 punti base). La decisione della Banca di Polo (continua)