Home > Sport > LA GUIDA ALPINA OMAR OPRANDI RACCONTA…

LA GUIDA ALPINA OMAR OPRANDI RACCONTA…

articolo pubblicato da: newspower | segnala un abuso

LO SPETTACOLARE DOLOMITI LAGORAI MTB CHALLENGE

 

2° Dolomiti Lagorai MTB Challenge dal 16 al 18 giugno a Roncegno Terme (TN)

Omar Oprandi ha gareggiato anche alla prima edizione dell’evento e lo conosce meglio di ogni altro

Itinerari da un minimo di 75 ad un massimo di 125 km e dislivello da 2000 a 3500 mt al giorno

Per iscrizioni comprensive di alloggio consultare il sito www.dolomitilagoraichallengemtb.com

 

 

La seconda edizione del Dolomiti Lagorai MTB Challenge si mostrerà al grande pubblico dal 16 al 18 giugno ed avrà il proprio fulcro a Roncegno Terme (TN), proponendo agli atleti itinerari da un minimo di 75 km ad un massimo di 125 km e un dislivello da 2000 a 3500 metri giornalieri.

Altro non è dato sapere, ed è questa una delle peculiarità della manifestazione, raccontata dalla voce di Omar Oprandi, scialpinista di razza e figura di riferimento fra le cime nostrane, il quale gareggia agli eventi del GS Lagorai perché: “La mtb è molto simile allo scialpinismo, anche muscolarmente è lo sport che si avvicina di più, inoltre è quello che mi permette di rimanere a contatto con la natura e quindi non c’è sport migliore per continuare ad andare in montagna “facendo fatica”. È vero, ogni tanto mi “sbilancio” nel gareggiare anche in mtb: lo faccio per avere un confronto con gli altri, che mi fa capire in che stato di forma mi trovo”.

Oprandi è un grande fan del Dolomiti Lagorai MTB Challenge, avendo partecipato anche alla prima edizione della manifestazione: “La ricordo come una grande e piacevole esperienza. Innanzitutto fatta con il compagno di avventura e poi nel gruppo in generale. Alla fine sembrava di conoscersi tutti ed eravamo una grande famiglia. Inoltre non posso sicuramente scordare il percorso, che ci ha fatto rimanere lontano dalle vie comuni e ad ogni scollinamento ci offriva paesaggi diversi. Voler fare questa gara nel Gruppo del Lagorai permette anche questo. Inoltre, un altro ricordo interessante è stato quello dell’uso del GPS, con un percorso da scoprire man mano che si avanzava”.

Quest’anno i dettagli dei percorsi verranno svelati solo all’ultimo, per aumentare il pathos e le abilità di orientamento degli sfidanti: “Reputo questa scelta molto curiosa, perché fino all’ultimo nessuno saprà su cosa misurarsi con precisione. Le cose poco scontate forse sono belle proprio per questo. Nella media delle nostre giornate abbiamo sempre tutto pianificato, ed è bello che nello sport questo non lo sia del tutto”, afferma Oprandi, il quale è abituato a questo tipo di scenari montani: “Gli scenari di montagna fanno parte della mia vita quotidiana, ma la catena del Lagorai è enorme e offre sempre angoli nuovi e molto interessanti. Conosco bene alcune zone ed altre meno. Penso che, come me, molte persone hanno già frequentato questa lunga catena montuosa, ma so che l’organizzazione riuscirà a scovare angoli nuovi anche per i più esperti… come successe nella prima edizione”.

Omar Oprandi affronta poi un discorso generico riguardante il suo legame con la competizione, da affrontare in egual maniera sia che si tratti di una sfida scialpinistica o di mountain bike, considerando tuttavia il Dolomiti Lagorai MTB Challenge come atipico rispetto alle altre gare: “La competizione mi ha subito attratto, proprio perché era diversa da quelle solite di una sola giornata, quindi posso dire di averla “condivisa” fin da subito. Vivere più di un giorno in sella alla mtb e poter frequentare sempre strade e sentieri diversi fa di questa gara già da sé “un’attrazione fatale”, che consiglierei a tutti. La mtb permette di misurarsi prima di tutto con se stessi, e poi con gli altri. E questa sensazione la ricerco d’estate e d’inverno, poi il risultato viene in secondo piano, qualsiasi posizione va bene, non è importante più di tanto essere davanti o meno, quello che conta è cercare di “rendere” al meglio ed essere consapevoli di aver dato tutto… per piacere e per lo sport”.

Per info ed iscrizioni: www.dolomitilagoraichallengemtb.com

 

dolomiti lagorai mtb challenge | gs lagorai | valsugana | trentino | newspower | omar oprandi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Omar Moschillo, titolare di due aziende che vendono slot e apparecchi per l’intrattenimento, è su Facebook


LA DITTA PIROVANO PREMIA GLI ARTISTI DEL “SANREMO MUSIC AWARDS”


“EPIC SKI TOUR”: ECCELLENZA SCIALPINISTICA. EVENTO AD HOC PER “BISONTI” E FUORICLASSE


“LA SPORTIVA EPIC SKI TOUR”: UN EVENTO PER TUTTI GLI AMANTI DELLO SCI ALPINISMO


IL MILLET TOUR DU RUTOR EXTRÊME PARLA STRANIERO: JORNET BURGADA-JACQUEMOUD COPPIA D’ASSI


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

BILANCIO MARCIALONGA PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO, DUE PODI E PANISI MIGLIOR ITALIANO

BILANCIO MARCIALONGA PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO, DUE PODI E PANISI MIGLIOR ITALIANO
  Marcialonga impegnativa per tutti, il bilancio va visto in positivo Non tutto è andato per il verso giusto, ma le gare sono così Panisi e Panzhinskiy si sono messi dietro i campioni olimpici Kriukov e Northug Prossimo weekend nuova trasferta “di casa” con la Dobbiaco-Cortina   La Marcialonga era, è e rimane l’obbiettivo principe del Team R (continua)

UNA TUTA “SPECIAL EDITION” ALLA MARCIALONGA, È LA GARA CLOU PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO

UNA TUTA “SPECIAL EDITION” ALLA MARCIALONGA, È LA GARA CLOU PER IL TEAM ROBINSON TRENTINO
Domenica attesa gara tra le Valli di Fiemme e di Fassa Gli atleti del Team Robinson Trentino con un nuovo look, dedicato alla regina delle granfondo Debertolis punta su tutti, ma in particolare occhi su Panzhinskiy e Panisi Un’attenzione particolare anche alla 45 km con Cerutti e Caterina Piller     Marcialonga, appuntamento topico per il Team Robinson Trentino. L’eve (continua)

IL TEAM ROBINSON TRENTINO A SEEFELD. OBBIETTIVI IMPORTANTI PER PANZHINSKIY, PANISI & C

IL TEAM ROBINSON TRENTINO A SEEFELD. OBBIETTIVI IMPORTANTI PER PANZHINSKIY, PANISI & C
Gilberto Panisi è reduce da una buona prova in Alpen Cup Alexander Panzhinskiy mira alla classifica degli sprinter Dopo il secondo posto alla ‘Rampa con i Campioni’ Florian Cappello punta alla Pustertaler Il Team Robinson è 2° nella speciale gara per la tuta più bella del circuito Visma Ski Classics     Weekend all’insegna di Visma Ski C (continua)

LA ‘PRIMA’ DI CATERINA E L’ARREMBANTE FLORIAN. LA VENOSTA PORTA BENE AL TEAM ROBINSON TRENTINO

LA ‘PRIMA’ DI CATERINA E L’ARREMBANTE FLORIAN. LA VENOSTA PORTA BENE AL TEAM ROBINSON TRENTINO
Seconda “trasferta” per il Team Robinson Trentino lo scorso weekend in Vallelunga alla inedita “La Venosta”, tappa di Visma Ski Classics, a cui si sono aggiunte anche una gara amatoriale in classico ed una in tecnica libera del circuito “Challenger”. Gara spettacolare, quella di sabato scorso, bella ma altrettanto dura, soprattutto per chi non è ancora (continua)

C’É LA VENOSTA, ARRIVA ANCHE LA KOWALCZYK, PANZHINSKIY PUNTA ALLO SPRINT, GLI ALTRI ALLA CLASSIFICA

C’É LA VENOSTA, ARRIVA ANCHE LA KOWALCZYK, PANZHINSKIY PUNTA ALLO SPRINT, GLI ALTRI ALLA CLASSIFICA
“Le cose di ogni giorno raccontano segreti A chi le sa guardare ed ascoltare Per fare un tavolo ci vuole il legno Per fare il legno ci vuole l'albero Per fare l'albero ci vuole il seme Per fare il seme ci vuole il frutto Per fare il frutto ci vuole il fiore” Sono le prime strofe di una canzone che tanti anni fa si cantava allo Zecchino d’Oro, ma interpretata anche da Sergio Endrigo. È (continua)